I personaggi morti di The Sandman potrebbero tornare nelle stagioni future

Il creatore di Sandman Neil Gaiman conferma che esiste la possibilità che i personaggi morti possano tornare nelle stagioni future dell'adattamento Netflix.

spot_imgspot_img

Il creatore di Sandman Neil Gaiman anticipa che alcuni personaggi morti potrebbero tornare nella seconda stagione della serie Netflix.

Sul suo Tumblr personale, un fan ha chiesto a Gaiman se c’era qualche speranza di rivedere i personaggi che sono morti nella prima stagione di The Sandman. In particolare, il fan era preoccupato per la morte di Rachel (Eleanor Fanyinka) in “Dream a Little Dream of Me” e di alcuni personaggi nel famigerato episodio della cena, “24/7”. Gaiman ha detto: “Se c’è una stagione 2 vedrai di nuovo molti di questi personaggi. Perché la morte non impedisce ai personaggi di essere in Sandman”. La morte dell’infinito è stato interpretato da Kirby Howell-Baptiste nell’adattamento Netflix.

The Sandman è basato sull’omonima serie DC Comic creata da Gaiman, Sam Kieth e Mike Dringenberg. Originariamente pubblicata tra il 1989 e il 1996 e composta da 75 numeri. Il 19 agosto, Netflix ha sorpreso i fan della serie di successo pubblicando un episodio bonus a sorpresa composto da una storia animata, “Il sogno di mille gatti” e un adattamento live-action, “Caliope”, ispirato ai numeri classici del serie a fumetti originale di Sandman.

Da allora Gaiman ha confermato che l’uscita dell’episodio bonus non garantisce che Netflix abbia rinnovato la serie per una seconda stagione. “Nessuna parola o decisione da Netflix su Future Seasons”, ha detto Gaiman. “Vogliono vedere come andiamo per il primo mese prima di impegnarsi”. Dopo l’uscita della prima stagione di 10 episodi il 5 agosto, The Sandman è diventato il più grande spettacolo in streaming del pianeta. Sulla base dei numeri forniti dalla società di data science Parrot Analytics.

Attualmente, The Sandman ha raccolto “23,8 volte la domanda della serie media”. Ciò arriva dopo che precedenti rapporti dicono che The Sandman era in cima alle classifiche di visualizzazione di Netflix per la seconda settimana consecutiva con 127,5 milioni di ore visualizzate tra il 4 e il 14 agosto. Gaiman ha ribadito che la performance dello spettacolo non significa che Netflix rinnoverà per una seconda stagione. In particolare perché “Sandman è uno spettacolo davvero costoso”. Ha detto: “E affinché Netflix rilasci i fondi per farci fare un’altra stagione, dobbiamo esibirci incredibilmente bene”.

Sebbene The Sandman non sia stato ufficialmente rinnovato, il produttore esecutivo David S. Goyer ha confermato che le sceneggiature per la seconda stagione sono attualmente in lavorazione. “In un certo senso, è più facile scrivere le sceneggiature della seconda stagione perché abbiamo educato il pubblico alle idee di base”, ha detto. “Abbiamo mostrato come la vita onirica può influenzare il mondo della veglia. Con queste basi fatte, lo spettacolo ora può basarsi su quei temi.”

La prima stagione di The Sandman è attualmente disponibile per lo streaming su Netflix.

LEGGI ANCHE:
Correlati