Il Signore degli Anelli ha “accidentalmente” creato un personaggio molto amato dai fan

Il fandom della Trilogia del Signore degli Anelli si è attaccato così tanto a una comparsa senza nome che il personaggio ha finito per tornare, dimostrando il potere del fandom.

spot_imgspot_img

I film de Il Signore degli Anelli hanno già una pletora di personaggi a cui i fan possono “aggrapparsi” oltre agli eroi centrali della narrazione. Ma il fandom che sta dietro ai film, soprattutto al momento dell’uscita, è stato abbastanza forte da far presa anche sui membri più oscuri e inaspettati dell’ampio cast del film. L’intenso fandom che è scoppiato intorno al personaggio extra “Figwit” dei film de Il Signore degli Anelli ha messo in evidenza quanto possa essere potente l’influenza del fandom.

Figwit è il nome fandom di un personaggio senza nome della trilogia de Il Signore degli Anelli. Appare brevemente ne La Compagnia dell’Anello come uno degli Elfi intravisti a Gran Burrone durante l’incontro sul destino dell’Unico Anello. Appare poi di nuovo ne Il Ritorno del Re come parte della scorta di Arwen, pronunciando due brevi battute mentre lei torna da suo padre nel tentativo di aiutare Aragorn.

Il motivo per cui questa comparsa senza nome ha ottenuto quelle battute è dovuto all’accoglienza sorprendentemente positiva che il personaggio ha ricevuto. La trilogia de Il Signore degli Anelli è stata notoriamente girata in Nuova Zelanda, dove la lussureggiante nazione del Pacifico ha fornito alla Terra di Mezzo i suoi splendidi abitanti. Questo ha fatto sì che molti interpreti neozelandesi apparissero nei film in ruoli minori, tra cui Bret McKenzie – che, insieme al co-creatore di What We Do in the Shadows Jemaine Clement, è diventato famoso con il duo musicale Flight of the Conchords.

McKenzie ha interpretato l’elfo senza nome che il gioco di carte collezionabili basato sui film chiama Aegnor (esso stesso un profondo riferimento a Il Silmarillion). Nonostante inizialmente non avesse un ruolo abbastanza importante da meritare un nome, il fandom del Signore degli Anelli ha sorprendentemente accolto la breve apparizione di McKenzie. La battuta comune sui suoi bei lineamenti che distraggono il pubblico durante la sua unica scena – “Frodo è grande, chi è quello?”. — è stata abbreviata con il soprannome di Figwit. Come discusso in “Confessioni di un’ex fangirl di Legolas” di Kendra James su Polygon, il fandom che è scoppiato intorno a Il Signore degli Anelli, soprattutto tra le giovani donne in un’epoca in cui Internet stava cominciando a diventare uno standard culturale, si è evoluto in modi unici.

Ciò ha comportato un intenso apprezzamento per quello che equivale a un cameo, con siti di fan dedicati all’apparizione di un secondo del personaggio e che lo descrivono come “Legolas per le donne pensanti”. Figwit è diventato il fulcro di numerose opere d’arte e di narrativa create dai fan, che lo hanno trasformato in una figura più ricca di dettagli all’interno della Terra di Mezzo. Il fandom per il personaggio si diffuse a tal punto da raggiungere lo stesso Peter Jackson, che di conseguenza elevò il ruolo del personaggio. Nel commento del DVD incluso nelle versioni casalinghe de Il ritorno del re, Jackson ha rivelato che a Figwit sono state assegnate delle battute nel terzo film come riferimento all’intenso fandom scoppiato intorno al personaggio, dal momento che “negli ultimi due anni si è fatto un gran parlare di lui”. In sostanza, Figwit era un personaggio del tutto inutile, nato grazie all’apprezzamento del fandom. Anche se paragonato a personaggi minori trasformati in personaggi fissi del franchise, come Boba Fett dei film di Star Wars, Figwit rappresenta un’escalation più inaspettata.

Anche se Figwit non è diventato un personaggio centrale, la sua elevazione grazie all’amore del fandom evidenzia l’impatto che il pubblico può avere sui creatori delle loro opere preferite. Jackson sembra aver formalmente abbracciato questo sviluppo: è apparso accanto ai membri del cast del Signore degli Anelli nel documentario del 2004 Frodo è grande… Chi è quello?!! e successivamente ha scritturato McKenzie per il ruolo di Lindir ne Lo Hobbit: un viaggio inaspettato. Come Jackson, McKenzie è sempre sembrato riconoscente e divertito dall’attenzione. Più che per il suo aspetto, però, Figwit è stato un perfetto trampolino di lancio per un pubblico che voleva vedere espansioni del franchise, il tipo di impulso che ha portato a produzioni come Il Signore degli Anelli di Amazon Prime Video: Gli anelli del potere. Figwit mette in evidenza come un singolo volto noto possa dare vita a un intero fandom e perché le persone amano vedere ampliati mondi consolidati come la Terra di Mezzo.

spot_imgspot_img

Di cosa si parla nell'articolo:

FONTECBR

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here