The Flash: Ezra Miller, il suo ruolo e il complesso del Messia

Un nuovo rapporto sulle controverse imprese di Ezra Miller fuori dallo schermo sostiene che il ruolo di Flash nel DCEU ha portato l'attore ad avere il complesso del messia.

spot_imgspot_img

La saga in corso della controversa star del DC Extended Universe The Flash, Ezra Miller, ha apparentemente raggiunto un nuovo livello scioccante, almeno secondo un nuovo rapporto.

In un lungo e scottante articolo pubblicato da Vanity Fair si afferma che la portata dei problemi di salute mentale di Miller, ora auto-ammessi, si è manifestata in modo direttamente collegato al ruolo di Barry Allen, alias Flash, nel DCEU. Come ha riferito una fonte, l’attore è stato sorpreso ad “affermare che Flash è colui che riunisce i multiversi, proprio come Gesù“. Sebbene questa possa sembrare una citazione un po’ iperbolica, la fonte spiega anche che un altare conservato nell’ormai famosa tenuta di Miller nel Vermont contiene “statuette di Flash” insieme a proiettili, erba e salvia. In effetti, il personaggio di Miller – nel mondo della finzione – sarà al centro degli eventi basati sulla storyline “Flashpoint” della DC Comics, che vedrà il Multiverso dipanarsi per il DCEU in futuro, facilitando il ritorno del Batman classico di Michael Keaton accanto alla versione attuale di Ben Affleck, forse con ancora più doppelganger.

L’auto-percezione messianica dell’attore avrebbe portato anche a una discussione con Susan Sarandon, dalla quale si aspettava un’offerta per l’altare pieno di Flash. “Molte volte fa mettere alle donne i loro cellulari sull’altare quando entrano, e altre offerte“, ha raccontato un amico di lunga data a VF. “Ezra ha dato di matto di recente… chiedendo a Susan Sarandon di venire a rendere omaggio al suo altare perché non aveva invitato Ezra a una cena“. La risposta di Miller a questa affermazione non confermata è stata che sia loro che la Sarandon “sono cari amici” e che “se glielo chiedessero, probabilmente direbbero che questo [aneddoto] è una totale stronzata”. Tuttavia, una fonte ha riferito a VF che la concezione salvifica di Miller si è evoluta al punto da affermare che “loro sono una specie di messia e guideranno una rivoluzione indigena”, nonostante non abbiano origini indigene.

L’attore, naturalmente, ha accumulato una lunga serie di problemi legali, tra cui un furto con scasso nel Vermont, accuse di abusi in Germania e persino l’adescamento e il lavaggio del cervello di un adolescente. In agosto, un rapporto ha affermato che il soggiorno di Miller in un Airbnb a Reykjavik, in Islanda, ha trasformato il posto in una comune di culto piena di persone che si comportavano come adoratori e che avrebbero persino minacciato le persone che tentavano di andarsene. L’affermazione rispecchia il presunto comportamento di Miller nel Vermont, dove, in agosto, i servizi sociali hanno tentato un intervento sulla base dell’accusa di nascondere una madre di 25 anni e i suoi tre figli.

Il ruolo di Miller come Barry Allen/Flash era previsto come elemento centrale del nascente DCEU del regista Zack Snyder. Mentre questa versione del personaggio è apparsa per la prima volta nella versione cinematografica di Justice League del 2017, diretta da Joss Whedon, il debutto è stato preceduto da un cameo, privo di contesto e che attraversa il tempo, nel film di Snyder del 2016, Batman v Superman: Dawn of Justice, seguito da un altro breve cameo nello stesso anno in Suicide Squad del regista David Ayer. Dopo aver avuto un ruolo di primo piano l’anno successivo in Justice League, Miller ha persino fatto un cameo evocativo del multiverso insieme alla sua controparte televisiva Grant Gustin in un episodio di Arrow di The CW. Inoltre, gli spettatori hanno potuto vedere ancora di più il Flash di Miller nel redux di Justice League di Zack Snyder del 2021, che ha anche fornito un’anteprima del ruolo di Kiersey Clemons come interesse amoroso dell’eroe, Iris West.

Sebbene tutte queste apparizioni siano state pensate per il debutto da protagonista dell’attore nel prossimo film intitolato semplicemente The Flash, la logica convenzionale dei fan ha ipotizzato a lungo che le controversie di Miller avrebbero fatto deragliare tale impresa. Quest’idea ha acquisito ulteriore slancio alla luce dell’attuale caos causato dal controverso accantonamento da parte della Warner Bros. Discovery del film su Batgirl, costato 90 milioni di dollari, e di tutti i progetti televisivi cancellati e i ritardi cinematografici che ne sono seguiti. Tuttavia, sembra che The Flash sia, almeno finora, un progetto di Teflon per lo studio, che continua ad andare avanti con il film, soprattutto dopo il recente mea culpa di Miller fatto ai capi dello studio e la promessa di cercare aiuto.

spot_imgspot_img

Di cosa si parla nell'articolo:

FONTEVF

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here