Gli Anelli del Potere: come sono state girate le scene dei nani?

La star de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere la star Robert Aramayo, che interpreta Elrond, spiega come sono state girate le scene per far sembrare i nani più piccoli.

spot_imgspot_img

La star de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere Robert Aramayo spiega come sono state girate le scene dei nani, utilizzando una tecnica simile a quella di un precedente adattamento dei romanzi. Presentata in anteprima all’inizio del mese su Prime Video, la serie è basata sugli amati romanzi fantasy dell’autore J.R.R. Tolkien e si svolge migliaia di anni prima degli eventi dell’acclamata trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson, raffigurando l’ascesa delle forze oscure durante la più prospera Seconda Età della Terra di Mezzo. Pur con un cast di attori completamente nuovo, tornano diversi personaggi familiari, tra cui Elrond (Aramayo) e Galadriel (Morfydd Clark).

Oltre agli Elfi, ne Gli Anelli del Potere compaiono molte delle razze che i fan de Il Signore degli Anelli già conoscono, tra cui Nani, Uomini e gli antenati degli Hobbit. Nell’episodio 2, Elrond si reca a Khazad-dûm per incontrare il suo vecchio amico, il Principe Durin IV (Owain Arthur), ma non riceve il caloroso benvenuto dei Nani che si aspettava. Al contrario, Durin sfida Elrond a una gara di rottura della roccia, mentre i Nani cantano e fanno il tifo per loro. Nonostante la sua maggiore stazza, Elrond perde la gara prima di ricucire l’amicizia con Durin e di dare vita ad altre avventure nei futuri episodi de Gli Anelli del Potere, e una star sta riflettendo su come hanno dato vita a questa epica sequenza.

In una nuova intervista con Vulture, la star di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, Robert Aramayo ha spiegato com’è stato girare la scena della rottura della roccia e ha dato un’occhiata dietro le quinte a come è stato fatto apparire più grande dei personaggi nani che lo circondavano. L’attore rivela che gran parte del lavoro è stato svolto dagli attori di sfondo utilizzati nella scena: gli attori dietro di lui sono stati scelti e posizionati appositamente per farlo sembrare più grande, mentre gli attori dietro ad Arthur sono stati utilizzati per far sembrare Durin un nano di dimensioni normali. Guardate il commento completo di Aramayo qui sotto:

“Soprattutto in alcune sequenze! Owain Arthur, che interpreta Durin, lavorava con gli attori di sfondo che erano intorno a lui per farlo sembrare della stessa taglia dei nani che lo circondavano. Io lavoravo con attori di contorno che mi facevano sembrare più grande dei nani che mi circondavano. Nella sequenza della rottura delle rocce, per esempio, Owain è un uomo enigmatico e incredibile, quindi quando rompe le rocce, tutti erano davvero d’accordo con lui e lo incitavano come se fossero in una birreria. Poi l’energia è stata molto diversa con un gruppo di persone nuove che sono arrivate per la mia copertura e non mi hanno apprezzato altrettanto. Quindi a volte era davvero utile per la recitazione”.

Il commento di Aramayo ricorda il modo in cui Jackson ha gestito le diverse dimensioni delle razze nei film de Il Signore degli Anelli. Invece di affidarsi pesantemente alla CGI, il regista utilizzava sosia in scala e set di dimensioni diverse per creare la percezione che certi personaggi fossero più grandi o più piccoli di quelli con cui condividevano lo schermo. Mentre nella trilogia de Lo Hobbit Jackson avrebbe scelto di utilizzare più effetti visivi per quanto riguarda le dimensioni dei nani rispetto a quelle degli uomini, Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere ha evidentemente cercato di utilizzare metodi più pratici per far capire la differenza di dimensioni tra Elrond e i Nani che lo circondano.

Poiché la trilogia de Lo Hobbit ha ottenuto recensioni più contrastanti rispetto a quella de Il Signore degli Anelli, in parte a causa della sua forte dipendenza dalla CGI, molti fan saranno probabilmente entusiasti del fatto che Gli Anelli del Potere si sia affidato a effetti in-camera e ad abili trucchi prospettici per trasmettere le diverse dimensioni dei personaggi. Secondo Aramayo, inoltre, sembra che l’utilizzo di set e attori di sfondo reali abbia giovato alla sua performance durante la scena. Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere fa ovviamente molto affidamento sugli effetti visivi per creare le enormi città della Terra di Mezzo e alcuni ambienti, ma è anche interessante sentire il lavoro svolto per realizzare quella che sembra, almeno in superficie, una scena relativamente semplice di due uomini che spaccano delle rocce.

spot_imgspot_img

Di cosa si parla nell'articolo:

FONTESR

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here