Andor è il progetto di Star Wars fino ad oggi più maturo del franchise

spot_imgspot_img

Andor ha debuttato i suoi primi episodi su Disney+, raccontando la storia della spia ribelle che ha contribuito a scoprire il segreto della Morte Nera e la sua debolezza fatale. L’epoca in cui inizia Andor è un’epoca oscura (5 BBY): un momento in cui l’Impero Galattico è al massimo della sua forza e la scintilla della ribellione non si è ancora trasformata in un incendio. Allontanando l’attenzione da tutta la fantasia e la filosofia degli Jedi e mettendola sulla gente comune coinvolta nella lotta, Andor è, di gran lunga, il progetto di Star Wars più maturo che il franchise abbia mai prodotto.

Il tutto inizia con il tipo di produzione che lo showrunner Tony Gilroy ha messo insieme. Gilroy, il suo cast e la sua troupe sono stati tutti consapevoli del fatto che avrebbero creato un tipo di estetica visiva diversa da quella che il franchise di Star Wars ha largamente adottato. In effetti, era un obiettivo che Gilroy aveva già in mente fin dal suo lavoro alla regia di Rogue One. Come ha detto Neal Scanlan, artista di lunga data degli effetti delle creature e del trucco, durante l’uscita di Rogue One nel 2016:

“Ho una piccola teoria che nei cuori di tutti noi, per quanto brillante e meravigliosa sia la CGI, e io ovviamente ne sono un fan assoluto, questo mi renderà leggermente controverso, ma c’è qualcosa di ingannevole in essa… E credo che ci sia qualcosa di naturale, qualcosa di profondo dentro di noi che sa quando qualcosa è reale. Può darsi che non sia perfetta o fantastica o strabiliante come la versione in computer grafica, ma è qualcosa che si lascia entrare nel proprio cuore e nella propria anima e che permette alla propria immaginazione di recuperare alcuni piccoli punti”.

Questo è certamente evidente nel design della produzione di Andor. I set e i mondi offerti dalla serie sono pieni e reali; comparse reali popolano gli sfondi delle inquadrature, compiendo azioni reali e mirate; il dettaglio estetico è impeccabile nel far sembrare le cose arrugginite, sporche, grintose e vissute. Persino dettagli come il nuovo droide B2EMO, che ha celle di alimentazione difettose e problemi di pronuncia, sono difetti che fanno sentire il personaggio e l’ambientazione scialba ancora più reali. È un livello di produzione che probabilmente porta Star Wars e Disney+ a un livello di prestigio pari a quello di HBO per la prima volta. Non c’è nulla di inconsistente o infantile.

A parte i valori di produzione impeccabili, Andor ha uno stile caratteristico di Gilroy, decisamente più rivolto agli adulti, con monologhi in stile drammaturgo e dialoghi esoterici tra i personaggi. Il mondo che osserviamo è anche pieno di quel tipo di grigiore morale che Gilroy si diverte a interpretare, piuttosto che l’eroismo bene-male della tipica storia di Star Wars. La sua seria riflessione sugli effetti del dominio fascista su una popolazione è opportuna – e una narrazione che è chiaramente destinata a una mente adulta per riflettere.

Infine, Andor offre anche la storia di Star Wars più adulta che abbiamo mai visto, in senso letterale: sesso, omicidi e parolacce si trovano tutti nei primi tre episodi di Andor, un altro chiaro segnale del fatto che la serie non è assolutamente destinata ai giovani fan di Star Wars. Questa serie è per i fan adulti e Star Wars ha bisogno di più serie televisive e film come questo.

Star Wars: Andor trasmette i nuovi episodi il mercoledì su Disney+.

spot_imgspot_img

Di cosa si parla nell'articolo:

FONTECB

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

Andor svela il droide originale di Cassian

Cassian Andor (Diego Luna) è stato presentato per la...

Andor: per la prima volta in Star Wars qualcuno dice “M…”

C'è una novità nell'universo di Star Wars grazie alla...

Andor: perché la relazione tra Bix e Cassian non funziona?

Fin dal primo episodio di Andor, è chiaro che...

Andor analizza il capitalismo e l’autoritarismo alla base dell’Impero

I primi tre episodi di Andor sono un'esperienza simile...
spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here