ISDA: Gli Anelli del Potere: recap del dell’episodio 5

Gli Anelli del Potere si muove deliberatamente verso il suo conflitto incandescente, con il cast che mantiene la costruzione avvincente. Ecco il recap del quinto episodio.

spot_imgspot_img

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere è ora ufficialmente nella seconda metà della sua stagione inaugurale, e tutte le strade portano alla guerra mentre l’ambiziosa serie originale di Prime Video continua. Le alleanze vengono forgiate e messe alla prova mentre una crescente oscurità nelle Terre del Sud della Terra di Mezzo lancia una devastante campagna di fuoco e sangue. Sebbene il quinto episodio di The Rings of Power, “Partings“, sembri in gran parte un episodio di preparazione nel grande schema della storia, nel complesso è necessario e ben realizzato.

Sebbene l’episodio precedente si sia concluso con l’impegno ufficiale di Númenor a sostenere militarmente la liberazione delle Terre del Sud dagli orchi, ci sono ancora diversi ostacoli da superare per realizzare pienamente questo piano. Durin ha accettato l’offerta di Elrond di visitare la capitale degli Alti Elfi, Lindon, ma questa opportunità diplomatica mette inevitabilmente alla prova la fragile dinamica tra elfi e nani e l’amicizia tra Durin ed Elrond. Nelle Terre del Sud, gli orchi continuano ad accumulare potere sotto la guida del loro misterioso leader Adar, con lealtà messe in discussione mentre il destino della Terra di Mezzo è in bilico nella regione.

“Partings” tocca tutti i fili della trama e i personaggi principali introdotti finora ne Gli Anelli del Potere e bilancia abilmente ognuna di queste trame parallele. Númenor continua a mantenere il suo posto come focus narrativo principale, ma si ha la sensazione che questa linea di trama e i suoi personaggi siano finalmente pronti a convergere con Arondir, Bronwyn e i rifugiati umani nelle Terre del Sud. Alcune delle trame più tangenziali sembrano un po’ superflue in questo particolare episodio, ma potrebbero dare i loro frutti quando la prima stagione giungerà alla sua conclusione.

Non c’è ancora molta azione, anche se la Galadriel di Morfydd Clark ha l’opportunità di ricordare a tutti perché è in gran parte il volto dello show, sia per quanto riguarda le abilità di combattimento che per un lato più drammatico del personaggio, che è sempre ben accetto. Se l’episodio precedente ha spinto i suoi personaggi a lanciarsi a testa bassa nel grande conflitto della stagione, “Partings” si concentra sulle implicazioni di questo grido d’allarme piuttosto che buttarsi a capofitto nella battaglia per la Terra di Mezzo. Sebbene alcuni spettatori non vedano l’ora che la battaglia abbia inizio, questo livello di ritmo paziente sembra meritato e contribuisce allo sviluppo dei personaggi prima che si scateni inevitabilmente l’inferno.

La trama più efficacemente sentimentale de Gli Anelli del Potere continua a essere l’amicizia tra Elrond e Durin, e Robert Aramayo e Owain Arthur trovano nuove profondità e direzioni da dare ai rispettivi personaggi e alle loro dinamiche. Megan Richards ha un ruolo di primo piano nel ruolo di Poppy Proudfellow all’inizio dell’episodio, uno di quegli intermezzi che avrebbero potuto facilmente scivolare nello schmaltz per gli Pelopiedi, ma che lei riesce a portare a termine con maestria in un momento che sembra particolarmente fedele all’eredità letteraria di J.R.R. Tolkien. La storia degli Pelopiedi potrebbe non essere ancora così centrale nella narrazione, ma proprio come gli Hobbit, sembra l’anima tranquilla di questo mondo high fantasy.

A cinque episodi dalla fine, Gli Anelli del Potere continua a prepararsi per quello che presumibilmente sarà il suo scontro culminante nelle Terre del Sud della Terra di Mezzo. Con un ritmo deliberato, la stagione si trova nel bel mezzo della calma prima della tempesta, con il fuoco della guerra che divampa e gli eserciti destinati a scontrarsi l’uno contro l’altro. Fortunatamente, grazie al suo cast accattivante e alle sue interpretazioni vincenti, l’attesa per il grande scontro non è poi così terribile, perché i personaggi continuano a crescere e Gli Anelli del Potere trova con sicurezza la propria voce.

Sviluppato per la televisione da J.D. Payne e Patrick McKay, Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere esce con i nuovi episodi il venerdì su Prime Video.

spot_imgspot_img

Di cosa si parla nell'articolo:

FONTECBR

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here