House of the Dragon, George R.R. Martin voleva anticiparlo nella linea temporale di Game of Thrones

spot_imgspot_img

La HBO ha recentemente concluso l’eccezionale prima stagione dello spin-off di Game of Thrones House of the Dragon con un enorme cliffhanger. Durante il finale di stagione, abbiamo assistito a una morte piuttosto importante che diventa un catalizzatore per la futura guerra su cui la serie si concentrerà nella seconda stagione. House of the Dragon probabilmente non inizierà le riprese della seconda stagione prima dell’inizio del 2023, il che significa che probabilmente non la vedremo prima dell’estate del 2024. La serie è ambientata circa 200 anni prima degli eventi di Game of Thrones, ma il creatore George R.R. Martin voleva che fosse ambientata circa 40 anni prima. Durante una recente discussione con il collega scrittore fantasy David Anthony Durham, Martin ha rivelato che avrebbe voluto che la serie iniziasse un po’ prima nella linea temporale di Westeros.

“Avrei voluto iniziarla circa 40 anni prima, con un episodio che avrei chiamato ‘L’erede e la riserva’”, ha rivelato Martin. “I due figli di Jaehaerys, Aemon e Baelon, sono vivi e vediamo l’amicizia ma anche la rivalità tra le due parti della grande casa. Poi Aemon muore accidentalmente quando un balestriere mirlandese gli spara per sbaglio su Tarth, quindi Jaehaerys deve decidere chi diventerà il nuovo erede. La figlia del figlio appena morto o il secondogenito che ha figli propri ed è un uomo mentre lei è un’adolescente? Avresti potuto presentare tutte queste cose, ma poi avresti avuto 40 anni in più, e anche di più”.

La HBO sta sviluppando una serie di serie ambientate nell’universo di Game of Thrones, tra cui House of the Dragon. Tra i progetti che si dice siano in fase di sviluppo c’è anche una serie prequel di Tales of Dunk and Egg. Sembra quindi che Warner Bros. e HBO rimarranno nel business di Game of Thrones per molto tempo.

Il creatore di Game of Thrones George R.R. Martin ha recentemente parlato dello spin-off su Jon Snow in fase di sviluppo in un nuovo post sul suo blog. Nel post ha rivelato di aver collaborato con Harington alla serie e con altri due scrittori/showrunner misteriosi. Martin ha scritto nel post che non può rivelare chi scriverà la serie, ma che il team di Harington è eccezionale.

“Sì, è stato Kit Harrington a portarci l’idea”, ha rivelato il creatore di Game of Thrones. “Non posso dirvi i nomi degli sceneggiatori/showrunner, perché non è ancora stato autorizzato il rilascio, ma Kit ha portato anche loro, il suo team, e sono fantastici”.

Nell’ultima stagione di Game of Thrones, Jon Snow ha scoperto la sua vera identità di Aegon Targaryan, il vero erede del Trono di Spade. Dopo aver ucciso la zia/fidanzata Daenarys per impedirle di prendere il potere, Jon è stato costretto a scegliere una vita di esilio nei Guardiani della Notte. Invece di rimanere con i Guardiani della Notte, Jon si è diretto a nord della Barriera per vivere con i Bruti e il suo terribile lupo Ghost. Si dice che la serie si concentrerà su ciò che è accaduto dopo questi eventi.

“Abbiamo sviluppato molte idee, ne stavamo ancora sviluppando molte e credo che siamo davvero entusiasti di quella che andrà in onda quest’estate”, ha detto Kara Buckley, vicepresidente della programmazione originale della HBO, parlando degli spin-off di Game of Thrones. “Ma non sentiamo il bisogno di farne un altro, a meno che non ci sembri davvero stimolante dal punto di vista creativo. Questo è il mio lavoro, almeno. E il team di cui faccio parte ci ha detto di concentrarci su questo”.

La prima stagione di House of the Dragon è in streaming esclusivo su HBO Max! Cosa ne pensate della sua idea? Avrebbero dovuto fare così invece?

FONTECB

COMMENTA LA NOTIZIA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

POTREBBERO INTERESSARTI:

spot_imgspot_img
spot_img

Correlati

spot_img