È morto Kevin O’Neill, disegnatore di fumetti e co-creatore de La Lega degli Straordinari Gentlemen

spot_imgspot_img

Kevin O’Neill, l’artista meglio conosciuto per il suo lavoro sulla Lega degli Straordinari Gentlemen dello scrittore Alan Moore, è morto, secondo quanto riportato da Gosh Comics, un rivenditore di fumetti e blog londinese. Secondo il loro post, O’Neill è deceduto la scorsa settimana in seguito a una lunga malattia. O’Neill è stato per anni una forza del fumetto britannico, iniziando la sua carriera da adolescente e servendo poi come artista e redattore agli inizi della mega-serie antologica di successo 2000AD. Lì ha co-creato personaggi come Marshal Law e Nemesis the Warlock e ha costruito relazioni che sarebbero continuate per tutta la sua lunga carriera.

Nato nel 1953, O’Neill è noto soprattutto per La Lega degli Straordinari Gentlemen, una serie che ha creato insieme a Moore nel 1999. La coppia avrebbe continuato a collaborare a League e ai suoi spinoff fino al 2019.

Uno dei primi lavori americani di O’Neill è stato Tales of the Green Lantern Corps Annual #2, tratto da una sceneggiatura di Moore. Quella storia è diventata un numero chiave per la DC, poiché ha introdotto concetti che si sono poi concretizzati nella storyline Blackest Night di Geoff Johns. Ironia della sorte, il lavoro di O’Neill su questo numero è stato brevemente minacciato quando la Comics Code Authority si è rifiutata di approvarlo. Quando furono interpellati, i responsabili dissero che era “l’intero stile” di O’Neill a essere contestato. Alla fine, in quella che era ancora una rarità negli anni ’80, la DC scelse di pubblicare il libro senza l’approvazione del Codice.

Neill ha continuato a lavorare per anni sia con Moore che con il co-creatore di Marshal Law Pat Mills; i suoi contributi a Moon and Serpent Bumper Book of Magic di Moore e Serial Killer di Mills sono stati tra i suoi ultimi lavori pubblicati. All’inizio di quest’anno ha collaborato con Garth Ennis su Kids Rule OK! per il Battle Action Special di Rebellion.

“È successo che Alan mi ha mandato in pensione in anticipo”, ha scherzato O’Neill con Jamie Lovett di ComicBook.com all’inizio di quest’anno. “Il ritiro di Alan dai fumetti significava che avrebbe smesso di scrivere fumetti. Quella era la fine. Non ho detto che mi sarei ritirato. Ho pensato che questo sarebbe stato l’ultimo fumetto che avrei disegnato, La Lega degli Straordinari Gentlemen, ed ero molto felice. Siamo arrivati al finale e gli abbiamo dato un finale adeguato.

È stato molto importante per noi farlo. Ma ero ancora pronto a fare fumetti, dipendeva solo da quali fossero. Ho illustrato due libri miei. Non sono fumetti, sono libri illustrati a colori, ne ho fatti due e ne sono stato molto soddisfatto, ma nel bel mezzo di tutto ciò, ho ricevuto la richiesta dalla Rebellion: “Saresti interessato alla storia di Garth?”. Ed è stato perfetto per me, è arrivato proprio al momento giusto. Mi è piaciuto molto. Mi piace fare fumetti”.

COMMENTA LA NOTIZIA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

POTREBBERO INTERESSARTI:

Bao Publishing presenta La Lega degli Straordinari Gentlemen – La Tempesta

L'atteso capitolo conclusivo della saga di culto di Alan...

LA LEGA DEGLI STRAORDINARI GENTLEMEN vol. 3 CENTURY Nuova Edizione – Bao Publishing

La terza avventura del gruppo di eroi vittoriani creati...

La Lega degli Straordinari Gentlemen vol. 2 – Bao Publishing

Nell'anno del suo ventennale, l'amatissima saga di Alan Moore e Kevin...
spot_imgspot_img
spot_img

Correlati

spot_img