Mercoledì: la recensione senza spoiler della nuova serie Netflix

Mercoledì è una serie da guardare: atmosfere horror, il ritorno di Tim Burton e della famiglia Addams.
7.5
spot_imgspot_img

Tim Burton, regista di tantissime opere ormai impresse nella cultura pop cinematografica (Edward Mani di Forbice, La Fabbrica di Cioccolato, Dark Shadows, Big Fish, ecc.), si cimenta, per la prima volta nella sua carriera, alla regia di una serie tv riguardante La Famiglia Addams, precisamente su Mercoledì; nella recensione capiremo se Burton e gli showrunner Alfred Gough e Miles Millar sono riusciti nell’intento di creare un prodotto fedele alle prime vignette dedicate alla celebre famiglia.

Trama e svolgimento

Da sinistra verso destra: Catherine Zeta Jones, Jenna Ortega, Luis Guzmán e Isaac Ordonez

La serie segue le vicende scolastiche di Mercoledì Addams: dopo aver tentato un omicidio in piena regola, Gomez e Morticia decidono di trasferire la loro figlia nella loro scuola frequentata in adolescenza, cioè la Nevermore, una scuola al limite del paranormale; Mercoledì cercherà cosi di ambientarsi in un luogo apparentemente calmo, ma fitto di misteri, omicidi e nuove compagnie “anormali” e non.

Lato tecnico: regia e fotografia

Chiariamo subito un dubbio: senza Tim Burton, la serie non avrebbe avuto quello “sprint” artistico che tutti si aspettavano; essendo il primo approccio per il regista in una serie tv, notiamo subito che l’operazione è riuscita, denotando un sunto di tutte le opere cinematografiche dirette precedentemente. I primi 4 episodi della serie hanno alla regia la firma dell’autore, e si vede: atmosfere gore, horror e teen si mescolano creando un connubio perfetto, con scenografie davvero azzeccate con una cura particolare riguardo i costumi e la realizzazione fisica dei personaggi. La restante metà della stagione è diretta da due registi che, seguendo la strada tracciata da Burton, riescono ad incanalare il suo stile con abilità. Degna di nota la colonna sonora di Danny Elfman (braccio destro di Tim Burton e Sam Raimi), capace di creare parecchia atmosfera e reinventare il tema principale della famosa famiglia Addams.

Sceneggiatura e recitazione

Gli showrunner Millar e Gough, non nuovi al mondo seriale e televisivo (Smallville, Shannara Chronicles), riescono a trovare un equilibrio perfetto nella serie: bilanciare i comportamenti di Mercoledì Addams, approcciando atmosfere teen e accomunarle ad omicidi, doppi giochi, colpi di scena e molto altro, garantisce un intrattenimento mai sopra le righe ma adatto al contesto della serie. Jenna Ortega, che interpreta Mercoledì Addams nella serie, si dimostra un’attrice talentuosa e capace di dare vita ad un personaggio oltre al panorama cinematografico in modo davvero estraniante, donando caratteristiche mai viste ed una prima, una reale evoluzione del personaggio a contatto con altri coetanei e vecchie conoscenze (Mano è un personaggio davvero azzeccato); i comprimari della serie svolgono un buon lavoro di recitazione, sebbene alcune presenze più giovani non riescano a dimostrare tutto il loro talento.

Menzione d’onore per Catherine Zeta Jones e Luis Guzmán, rispettivamente interpreti di Morticia e Gomez Addams: personaggi trasposti dai primi disegni dell’autore Charles Addams, gli attori restituiscono una buona interpretazione dei personaggi, non facendo rimpiangere le precedenti apparizioni cinematografiche.

Considerazioni finali

La serie su Mercoledì si rivela un prodotto ben riuscito, capace di rappresentare un’evoluzione del personaggio e di cercare nuova linfa per raccontare delle storie adatte alla componente degli Addams: regia, fotografia e scenografia spiccano nella produzione, restituendo su schermo un impatto molto affascinante, come solo Burton sa fare; gli 8 episodi sono importanti per la costruzione della serie che si destreggia fra nuove amicizie, omicidi ed inquietanti rivelazioni senza alcun calo di ritmo. Una serie da guardare per rituffarsi nel mondo della famiglia Addams, più precisamente nell’adolescenza di Mercoledì.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema.

spot_imgspot_img
La serie su Mercoledì si rivela un prodotto ben riuscito, capace di rappresentare un'evoluzione del personaggio e di cercare nuova linfa per raccontare delle storie adatte alla componente degli Addams: regia, fotografia e scenografia spiccano nella produzione, restituendo su schermo un impatto molto affascinante, come solo Burton sa fare; gli 8 episodi sono importanti per la costruzione della serie che si destreggia fra nuove amicizie, omicidi ed inquietanti rivelazioni senza alcun calo di ritmo. Una serie da guardare per rituffarsi nel mondo della famiglia Addams, più precisamente nell'adolescenza di Mercoledì.

POTREBBERO INTERESSARTI:

NETFLIX | Natale 2022 – I film, le serie tv, i documentari e i contenuti per...

Natale 2022 si avvicina e di conseguenza si avvicinano...

Mercoledì scansa Stranger Things 4 e stabilisce il record di Netflix

Si poteva ipotizzare che il mercoledì di Netflix sarebbe...

Natale a tutti i costi: il 19 dicembre arriva su Netflix la Commedia di Natale con...

Netflix è lieta di annunciare l’arrivo di Natale a tutti i...

Netflix: tutti i film e le serie in arrivo a dicembre 2022 in Italia!

Il colosso dello streaming ha annunciato le novità in...

Le foto BTS di Mercoledì rivelano come la Mano sia arrivata sullo schermo

Le foto dal set di Mercoledì di Netflix rivelano...

Record of Ragnarok II rilascia un trailer e un poster

https://youtu.be/QYAqOcH-tvA Record of Ragnarok sta tornando, e sembra che la...

Knives Out 3 è già stato annunciato da Rian Johnson

La natura contenuta di Knives Out del 2019 ha...
spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

La serie su Mercoledì si rivela un prodotto ben riuscito, capace di rappresentare un'evoluzione del personaggio e di cercare nuova linfa per raccontare delle storie adatte alla componente degli Addams: regia, fotografia e scenografia spiccano nella produzione, restituendo su schermo un impatto molto affascinante, come solo Burton sa fare; gli 8 episodi sono importanti per la costruzione della serie che si destreggia fra nuove amicizie, omicidi ed inquietanti rivelazioni senza alcun calo di ritmo. Una serie da guardare per rituffarsi nel mondo della famiglia Addams, più precisamente nell'adolescenza di Mercoledì.Mercoledì: la recensione senza spoiler della nuova serie Netflix