NerdPool incontra Giulia Zucca

spot_imgspot_img

Tra le uscite lucchesi che hanno subito catturato la nostra attenzione troviamo Loon, un volume fantasy malizioso di Giulia Zucca edito da Panini Comics. Siamo stati molto contenti di poter leggere il volume in anteprima e anche di poter parlare con la sua autrice. Qui sotto la nostra chiacchierata con lei per poter scoprire il suo percorso fumettistico e i protagonisti della sua opera.

Siamo qua con Giulia Zucca, altrimenti nota sui social come Nekucciola. Benvenuta su NerdPool!

Giulia Zucca: Grazie! Piacere mio!

Per Panini Comics è uscito il primo volume di Loon. Puoi raccontarci chi sono Loon e Eban?

Sono due personaggi che nascono già nel 2015 attraverso alcune vignette che i miei lettori sicuramente ricorderanno perchè erano molto piccanti e andavano sul filo del ban su Facebook. A me piace molto giocare con i contrasti e Loon e Eban sono personaggi che caratterizzano molto questo aspetto. Sopratutto è a me ha sempre divertito questo aspetto di Loon che essendo un personaggio che vuole sempre quello che vuole senza pensare alle conseguenze e quindi il suo rapporto con Eban che non può (farlo) veramente è molto divertente.

Giulia Zucca

Hai detto che Loon e Eban sono nati nel 2015, prima come vignette poi con una storia. Quali sono le differenze rispetto all’inizio quando hai creato questi personaggi? E come è cambiata la storia in questo tempo?

In genere le mie storie e i miei fumetti nascono prima dei personaggi con cui gioco, incomincio a interagire e poi da lì cerco di strutturare una trama interessante, ma che sopratutto abbia delle fondamenta importanti, perché il disegno senza la trama… Non c’è il fumetto. Sono cambiate molte cose dal 2015, prima di tutto ho reso i personaggi sono un filo più tranquilli (ride). Osavo molto più nel 2015! Mi sono un attimino ridimensionata. E molti – e questo è un ammiccamento ai miei lettori – si ricordano Loon con il suo primo nome che era ancora provvisorio, ma era “La strega del due di picche”, tutt’oggi ancora me la nominano (così). E sono cambiate molte altre cose a parte la trama è molto più solida anche perché prima una trama vera e proprio non c’era. Ma poi sopratutto il legame tra i personaggi e la storia che, anche se inizialmente era un comedy, pagina dopo pagina comincia a scoprirsi il lato dark fantasy che in Loon è un’aspetto che mi piace molto.

Hai parlato di come i disegni debbano essere funzionali alla trama. La variant cover di questo volume è stato disegnato da Mirka Andolfo e il tuo stile effetivamente ci ricorda un po’ quello di Mirka. Possiamo considerarla una delle tue fonti di ispirazioni per il disegno e se si quali altri sono le tue ispirazioni.

Sicuramente Mirka è un’artista che io ammiro moltissimo e appena ho visto, ma prima ancora quando ho saputo che la mia variant sarebbe stata disegnata da lei sono stata super contenta. Lei è un’artista che ammiro tantissimo e sicuramente mi è stata di ispirazione in passato insieme ad altri artisti di tutti i generi che io seguo. Uno in particolare, che io ho seguito da tutta la vita, è Rui Araizumi che si è occupato dei disegni di Slayers e da lui per esempio ho preso moltissimo l’espressività dei personaggi. Quindi possiamo dire che la mia fonte di ispirazione primaria sono i manga e poi da lì ho sperimentato con altri generi di fumetto per arrivare ad uno stile molto ibrido (che ho) tutt’ora.

Loon

Citando Slayers e il dark fantasy troviamo che hai creato un perfetto mix di umorismo e dark fantasy appunto. Come sei riuscita a trovare il bilanciamento in questo volume che rende l’opera perfettamente leggibile per tutti, con una trama bella coesa ma che riesce ad alleggerire anche in momenti di umorismo

Partiamo dal punto che io sono una gran burlona (ride). Mi piace molto ridere ma allo stesso tempo io ho sempre creato storie con una base molto comica, ma il comedy secondo me può arrivare fino ad un certo punto. O fai una serie di vignette a sé stanti ma se vuoi creare un vero e proprio fumetto non può esserci soltanto la comicità. Per dare risalto alla comicità deve esserci anche una buona base che può essere anche dark, avere un lato oscuro. Ecco un lato oscuro può esaltare il lato comico della storia.

Cosa c’è di te in Loon? Immagino sia una curiosità che tutti si chiedono, cosa c’è di Giulia Zucca in questo personaggio?

Allora come ho detto altre volte capita molto molto spesso che gli autori mettano se stessi all’interno dei loro personaggi. In questo caso non è successo esattamente così ma ho inserito un’esperienza, un desiderio ancor meglio, ossia il desiderio di poter dire, poter fare tutto quello che si vuole senza pensare alle conseguenze. In che senso? Ormai nel mondo dei social, nel mondo d’oggi dove su Internet ogni commento potrebbe essere frainteso, ogni cosa, ogni argomento, qualsiasi cosa che viene scritta rimane come traccia, non si è molto liberi di esprimere le proprie opinioni in generale. Qui nasce questo tipo di esperienza. Per me Loon come personaggio è l’incarnazione del desiderio di poter fare quello che si vuole senza pensare alle conseguenze. Tantè che Loon fa esattamente quello che vuole facendomi quasi bannare da Facebook (ride).

In chiusura di quanti volumi sarà composta la serie Loon e cosa puoi anticiparci sul seguito?

Allora, è tutto molto vago e non so neanche quello che posso dire in realtà perché io sono veramente la persona più spoilerosa dell’universo. Il secondo volume non so quando uscirà ma ci sono già al lavoro e… Volete sapere la trama?

Dicci tu che cosa ci puoi anticipare, quello che puoi dire

Allora posso dire soltanto che nel secondo volume vedremo un’altro aspetto di Loon.

E già questo è sufficiente, ci crea abbastanza hype!

Perché poi se dico altro è spoiler! (ride)

Grazie Giulia, è stato un parere!

Grazie mille a voi!

Giulia Zucca

Ringraziamo tantissimo Giulia Zucca e Panini Comics per questa intervista! Tra qualche giorno pubblicheremo la nostra recensione del primo volume di Loon. Voi lo avete già letto? Fateci sapere la vostra opinione nei commenti e continuate a seguire Nerd Pool per essere sempre aggiornati sui vostri fumetti preferiti!

spot_imgspot_img

POTREBBERO INTERESSARTI:

Daisy e i Misteri di Parigi – Recensione

Nella cornice di Lucca Comics&Games la divisione disneyana di...

Loon Volume 1 L’elfo e la strega – Recensione

Una strega maliziosa e un elfo che cerca di...

Black Adam – Guida alla lettura 1: Regno Oscuro + Ascesa e Caduta di un Impero

Avete visto Black Adam al cinema e volete saperne...

Nonna Papera e i Racconti Attorno al Fuoco 1

Concluso il nucleo originario delle Tops Stories, le Serie...

Future State: Shazam!/Black Adam – Recensione

Future State: Shazam!/Black Adam edito da Panini Comics è...

NerdPool Incontra Adriano Barone che ci parla delle sue ultime opere

Abbiamo fatto quattro chiacchere con Adriano Barone sulle sue...

Mr. Evidence – Benvenuti nel Mulholland Institute

In occasione di Lucca Comics & Games sono state...

Tutti in campo insieme a TOPOLINO e alla Fridonia’s World Cup 2022

È tutto pronto per il calcio d’inizio! Non solo...
spot_img

Correlati

Nathan Never – Justice Leage: Doppio Universo

Nel meraviglioso contesto di Lucca CG 2022 abbiamo potuto...

NerdPool incontra Mauro Uzzeo e Giovanni Masi

Durante Lucca Comics & Games 2022 abbiamo avuto l’occasione...

Anteprima Panini 375 è online: ecco tutti i dettagli e il PDF!

Finalmente ci siamo! Anteprima 375 è online! Possiamo finalmente...

Avatar: il Destino di Tsu’Tey – Recensione

In tempo per l'uscita di Avatar: la Via Dell'Acqua...
spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here