Un dirigente Marvel rivela come la morte di Chadwick Boseman abbia influenzato i piani della Disney per Black Panther 2

spot_imgspot_img

Poco dopo la notizia della morte di Chadwick Boseman, i dirigenti dei Marvel Studios si sono subito riuniti per discutere le prossime mosse. Come ricorda il produttore di Black Panther, Nate Moore, stava facendo ginnastica quando ha ricevuto la notizia della morte di Boseman ed è stato subito raggiunto da altri dirigenti dei Marvel Studios.

“Perdonate il mio francese, ma ‘porca p*****a, cos’è successo?’. E all’inizio… ricordo che, letteralmente, ero sul tapis roulant, ho ricevuto la chiamata e mi sono detto: “Aspetta, cos’è successo?”. E poi abbiamo fatto una telefonata e la tua mente l’ha elaborata come un’idea e non come un’esperienza emotiva”, ha detto Moore in una nuova intervista a Deadline (via The Direct).

A quel punto Moore dice che lo studio ha iniziato a mettere insieme le questioni in sospeso, dato che è stato presto rivelato che la battaglia contro il cancro di Boseman era un segreto strettamente custodito.

“Poi cominci a pensare a tutti i “Oh, forse è per questo che stavano accadendo X, Y e Z”. E poi lo elabori emotivamente e ti chiedi: “Cosa facciamo adesso?”. Tipo: “Dovremmo fare questo film?””. Moore ha aggiunto. “Come si fa a reagire alla perdita non solo della tua star, ma anche di un amico con cui hai fatto, per me, due film insieme, e a non sentirsi come se si stesse solo andando avanti con il lavoro?”.

Il produttore ha poi ribadito che non è mai stata presa in considerazione l’idea di rifondare il personaggio, visti i rapporti stretti tra il cast e la troupe e Boseman. Moore afferma che la Disney non ha mai imposto alla Marvel di realizzare Black Panther: Wakanda Forever, lasciando invece a Ryan Coogler e Kevin Feige il compito di decidere.

“L’ho detto ed è vero, la Disney non ha mai detto: ‘Dovete fare il film, quindi pensateci voi'”, ha concluso il produttore. “Hanno detto: ‘Beh, se non dovete… non fate il film. Se non volete fare il film, per favore non fatelo per conto nostro”.

Dopo aver parlato con la vedova di Boseman, Simone, Coogler e Feige hanno deciso di fare il film perché ritenevano che “Chad avrebbe voluto che facessimo il film”.

Black Panther: Wakanda Forever è ancora nelle sale prima dell’uscita su Disney+ il 1° febbraio.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema.

COMMENTA LA NOTIZIA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

POTREBBERO INTERESSARTI:

Super Bowl 2023: Quali trailer aspettarsi durante il Big Game

Quali trailer e teaser cinematografici potrebbero essere trasmessi durante...

Black Panther: Wakanda Forever è ora in streaming su Disney+

Black Panther: Wakanda Forever è arrivato su Disney+, dove...

Indiana Jones: perché Harrison Ford è tornato nel franchise

Nel 2008, Indiana Jones e il Regno del Teschio...

La Marvel potrebbe usare gli X-Men come universo a sé stante, non solo come parte del...

I Marvel Studios hanno un'enorme opportunità una volta che...

I Marvel Studios pubblicano la cover della timeline ufficiale del MCU

È stata pubblicata la copertina ufficiale dell'enciclopedia Marvel Studios...

Black Panther: Wakanda Forever mette in mostra i costumi in nomination agli Oscar

Black Panther: Wakanda Forever ha portato i fan dietro...

Black Panther, Michael B. Jordan e il segreto del cameo in Wakanda Forever

Ormai è risaputo che Michael B. Jordan è tornato...

Black Panther: Wakanda Forever presenta una sorprendente connessione tra Namor e Killmonger

I Marvel Studios hanno recentemente concluso la loro Fase...
spot_imgspot_img
spot_img

Correlati

spot_img