Jason Pearson: artista di fumetti morto a 52 anni

spot_imgspot_img

Jason Pearson, un artista veterano del fumetto meglio conosciuto per il suo libro, Body Bags, è morto. Aveva 52 anni. Secondo le notizie emerse ieri sera, Pearson potrebbe essere deceduto a dicembre, con una dichiarazione della sua famiglia che suggerisce che Pearson è morto il 19 dicembre. La causa della morte sarebbe stata un attacco di cuore. Dopo che la notizia della sua morte ha raggiunto i social media, i colleghi creatori di fumetti hanno iniziato a tessere l’elogio dell’artista, celebrando il suo lavoro e ricordando le loro esperienze con Pearson.

Pearson, nato nel 1970, è stato uno dei membri fondatori dei Gaijin Studios di Atlanta. Ha esordito nel mondo dei fumetti con un numero di Starman nel 1991. Nel corso della sua carriera, ha lavorato su numerosi albi di alto profilo, tra cui Spider-Man e Deadpool. Keith Giffen, che ha lavorato al numero di Starman, è diventato un mentore e collaboratore di Pearson. Lavorando con lui su Legion of Super-Heroes, il suo primo lavoro regolare per i Big Two.

Dopo che una serie antologica che Gaijin stava proponendo alla Image non si concretizzò, Pearson portò Body Bags alla Dark Horse Comics, dove fu pubblicata nel 1992 come miniserie di quattro numeri, come titolo d’esordio della linea di titoli Blanc Noir prodotta da Gaijin. La serie ultraviolenta era incentrata su Mack Delgado e sua figlia quattordicenne Panda, che sono un duo di assassini, chiamati colloquialmente “body baggers”. L’estrema violenza (e la gioia che i personaggi sembravano trarne), unita al fatto che Panda era raffigurata come una ragazzina molto sessualizzata, ma anche appena quattordicenne, ha attirato critiche fin dal primo giorno.

Pearson ha lottato con problemi di salute e di scadenza per la maggior parte della sua carriera. L’ultima storia di Body Bags, che aveva iniziato su Kickstart nel 2015, non è mai stata pubblicata prima della sua morte. La prima storia di Body Bags è stata ritardata a causa di problemi di salute di Pearson. Il seguito previsto di sei numeri negli anni ’90 è stato abbandonato dopo che Pearson si è ammalato e ha deciso che non gli piaceva il lavoro che aveva completato. Solo nel 2005 Pearson ha finalmente dato un seguito al progetto, con Body Bags: Fathers Day. Progetto che raccoglieva la miniserie originale di quattro numeri in due numeri di grandi dimensioni.

L’anno successivo, Pearson ha pubblicato Body Bags: 3 the Hard Way, che presentava una nuova storia e la ristampa di alcune apparizioni minori di Mack e Panda in altri albi nel corso degli anni. Nel 2008 li ha riportati di nuovo in Body Bags: One Shot.

Negli anni in cui Pearson faticava a fare progressi sulla sua creazione, ha lavorato su personaggi come Leagion fo Super-Heores della DC. Namor the Sub-Mariner della Marvel e Spawn, Savage Dragon e Witchblade della Image. Ha lavorato ad alcune storie di Batman. Oltre che a Buffy l’ammazzavampiri per la Dark Horse e a un paio di storie di Tom Strong con Alan Moore per America’s Best Comics.

Divenne anche un copertinista di un certo rilievo, con il suo stile distintivo che saltava fuori dallo scaffale al pubblico. Quando era in cattive condizioni di salute o alle prese con le scadenze. Le copertine erano una fonte di reddito costante e gli permettevano di lavorare su personaggi che andavano da Superman a Black Panther.

Nel 2022, Pearson ha comunicato ai fan che stava lavorando per completare Body Bags, a lungo rimandato: Don’t Die Until I Kill You, finanziato tramite Kickstarter nel 2015. Non si sa quanto il progetto sia stato vicino al completamento. La sua ultima pubblicazione di fumetti mainstream risale al 2011, quando ha lavorato a diversi titoli degli X-men per la Marvel.

LEGGI ANCHE:
Correlati