Chi è Oppenheimer? Il controverso uomo dietro la bomba atomica

Il prossimo film di Christopher Nolan racconta la storia di Julius Robert Oppenheimer, il leggendario fisico che sviluppò la bomba atomica. Ha vissuto davvero per rimpiangerla?

spot_imgspot_img

Brillante fisico teorico, J. Robert Oppenheimer fu incaricato di dirigere un laboratorio a Los Alamos, nel Nuovo Messico, nell’ambito degli sforzi statunitensi per sviluppare armi nucleari. Riuscì nel suo intento, ma si sarebbe poi schierato contro lo sviluppo di bombe ancora più potenti.

Le nuove scoperte scientifiche possono accendere la curiosità, spiegare l’ignoto e persino migliorare il mondo. Ma cosa succede quando uno scienziato arriva a rimpiangere le conoscenze che ha divulgato?

Questa è la domanda centrale del prossimo film Oppenheimer, che racconta il progetto “moonshot” dello scienziato americano J. Robert Oppenheimer di costruire una bomba atomica in un laboratorio top-secret nel deserto del New Mexico e le sue remore di sempre nei confronti dell’era nucleare che ha inaugurato.

Il leggendario fisico si è davvero pentito della sua creazione nucleare? La verità è complicata come la scienza dietro la bomba. Ecco come Oppenheimer ha creato e messo in discussione la bomba atomica.

Da bambino prodigio al Progetto Manhattan

Nato a New York nel 1904, Julius Robert Oppenheimer era figlio di immigrati ebrei tedeschi che avevano trovato ricchezza nel commercio di importazione di tessuti. Si laureò con lode all’Università di Harvard dopo soli tre anni di studi, poi studiò fisica teorica sia all’Università di Cambridge che all’Università di Gottinga in Germania, dove conseguì il dottorato all’età di 23 anni.

Il giovane fisico “Oppie” si è presto confrontato con le più grandi figure scientifiche della sua epoca e il suo lavoro accademico ha fatto progredire la teoria quantistica e ha previsto tutto, dal neutrone al buco nero. Anche al di fuori delle scienze, Oppie era uno studioso vorace: imparava il sanscrito, studiava la religione e si schierava con una serie di cause progressiste.

Dopo che gli Stati Uniti si unirono agli Alleati nel 1941, a Oppenheimer fu chiesto di partecipare al progetto top-secret Manhattan, il cui scopo era sviluppare un’arma atomica. Mentre cercava di capire cosa sarebbe dovuto accadere per innescare e sostenere il tipo di reazione a catena di neutroni necessaria per creare un’esplosione nucleare, i superiori di Oppenheimer rimasero impressionati dalle sue ampie conoscenze, dalla sua ambizione e dalla sua capacità di lavorare con altri scienziati e di ispirarli. Nel 1942, l’esercito americano chiamò Oppenheimer a dirigere il laboratorio segreto dove sarebbe stata testata la bomba.

Los Alamos e il test Trinity

Mentre gli ufficiali dell’esercito cercavano i luoghi più adatti per questo laboratorio, Oppenheimer, che amava il sud-ovest americano e possedeva un ranch nel Nuovo Messico, suggerì il sito della Los Alamos Ranch School, una scuola privata per ragazzi vicino a Santa Fe. Ben presto, egli supervisionò centinaia, poi migliaia, di lavoratori in quello che divenne noto come il Laboratorio di Los Alamos.

Oppenheimer non si limitò a riunire un gruppo di menti scientifiche tra le più brillanti del suo tempo, ma li ispirò, li incitò, li organizzò e li spinse ad agire. “Era intellettualmente e persino fisicamente presente a ogni passo decisivo”, ricordò in seguito il fisico Victor Weisskopf. Questa presenza portò a “un’atmosfera unica di entusiasmo e sfida” – e a una reazione a catena di scoperte scientifiche che produssero la prima arma nucleare al mondo.

Il 16 luglio 1945, Oppenheimer e altri si riunirono nel sito di test Trinity, a sud di Los Alamos, per il primo tentativo di esplosione nucleare al mondo. Fu un momento di tensione: gli scienziati sapevano che la bomba che avevano soprannominato “Gadget” avrebbe segnato il futuro del mondo.

I tecnici che lavorano al Laboratorio di Los Alamos

Tecnici al lavoro presso il Laboratorio di Los Alamos, nel Nuovo Messico. L’esercito americano incaricò Oppenheimer di fondare il laboratorio nel 1942. Con il nome in codice di “Progetto Y”, questa struttura remota riuniva le menti più brillanti della fisica teorica con un unico obiettivo: creare una bomba atomica.

Ma si pensava anche che avrebbe potuto porre fine alla Seconda Guerra Mondiale. Sebbene la guerra in Europa fosse terminata, gli ufficiali statunitensi temevano che la fase più sanguinosa della guerra fosse ancora davanti a loro: l’assalto al Giappone. La speranza era che la nazione potesse costringere il Giappone ad arrendersi minacciando di usare la nuova arma.

Condotto in segreto, il test funzionò. Come Oppenheimer raccontò in seguito in un’intervista del 1965, il momento aveva richiamato alla mente una frase della Bhagavad Gita indù: “Vishnu sta cercando di persuadere il principe a fare il suo dovere e, per impressionarlo, assume la sua forma a più braccia e dice: “Ora sono diventato la Morte, il distruttore di mondi”. Suppongo che tutti noi l’abbiamo pensato, in un modo o nell’altro”.

Bombardare il Giappone e le conseguenze morali

Il 6 e il 9 agosto 1945, gli Stati Uniti sganciarono su Hiroshima e Nagasaki due delle bombe che Oppenheimer aveva contribuito a sviluppare. Si ritiene che almeno 110.000 persone siano rimaste uccise nelle esplosioni, che hanno spazzato via entrambe le città con una devastazione mai vista prima o da allora.

Oppenheimer aveva fatto parte del comitato scientifico che raccomandava al Dipartimento della Guerra di impiegare la bomba il prima possibile contro il Giappone. Il dibattito storico è ancora in corso sul fatto che il governo abbia ascoltato le richieste degli scienziati di impiegare la bomba solo contro obiettivi militari, o addirittura di testarla pubblicamente in anticipo nel tentativo di costringere il Giappone alla resa.

La notte del bombardamento di Hiroshima, Oppenheimer fu acclamato da una folla di colleghi scienziati a Los Alamos e dichiarò che il suo unico rimpianto era che la bomba non fosse stata completata in tempo per essere usata contro la Germania.

Ma sebbene fossero entusiasti del loro risultato, gli scienziati erano inorriditi dalla perdita di vite civili nell’attacco, preoccupati che il futuro delle armi avrebbe incoraggiato guerre future invece di scoraggiarle. Poche settimane dopo il bombardamento, Oppenheimer scrisse una lettera al Segretario alla Guerra per avvertire che “la sicurezza di questa nazione… non può risiedere interamente o anche principalmente nella sua abilità scientifica o tecnica. Può basarsi solo sul fatto di rendere impossibili le guerre future”.

Ma Oppenheimer difese anche il Progetto Manhattan e la bomba che era stato incaricato di costruire, sostenendo che era stata necessaria per comprendere appieno le possibilità della scienza nucleare.

L’opposizione alla bomba all’idrogeno

Ciononostante, Oppenheimer trascorse gran parte della sua vita dopo la guerra facendo pressioni per la deterrenza nucleare, opponendosi a gran voce ai tentativi degli Stati Uniti di sviluppare una bomba all’idrogeno più potente dopo che l’URSS aveva fatto passi da gigante con la propria bomba. Secondo Oppenheimer, invece, gli Stati Uniti dovrebbero considerare l’uso delle armi nucleari solo a livello tattico e perseguire invece altri usi della tecnologia nucleare, come la generazione di energia.

Questo gli fece guadagnare nemici politici e lo mise nel mirino della Paura Rossa, un’epoca politica americana di isteria anticomunista durante la Guerra Fredda. In occasione di un’udienza del 1954 sulle sue presunte simpatie comuniste, la Commissione per l’energia atomica gli revocò l’autorizzazione di sicurezza. Il provvedimento è stato revocato solo nel 2022, dopo che i funzionari governativi hanno riesaminato il caso di Oppenheimer e hanno constatato che l’indagine era stata viziata e illegale.

Lo storico Alex Wellerstein ha dichiarato a PBS NewsHour:

“Non è una figura facile da classificare come favorevole o contraria al nucleare o qualcosa del genere. È una figura difficile”.

Oppenheimer non tornò mai al servizio del governo, fondando invece l’Accademia Mondiale delle Arti e delle Scienze e tenendo conferenze sulla scienza e sull’etica fino alla sua morte nel 1967. Nonostante avesse contribuito a creare l’arma “necessaria” che pose fine a una guerra, distrusse due intere città e inaugurò una nuova era pericolosa, per il resto della sua vita fece pressione contro la proliferazione nucleare.

“In un senso crudo che nessuna volgarità, nessun umorismo, nessuna esagerazione può spegnere”, disse nel 1950, “i fisici hanno conosciuto il peccato; e questa è una conoscenza che non possono perdere”.

FONTENG
LEGGI ANCHE:
Correlati