Jonna e i Mostri Impossibili 3 – Recensione

spot_imgspot_img

È giunto il momento di scoprire tutta la verità nell’emozionante finale di Jonna e i mostri impossibili, la serie di Chris Samnee e della moglie Laura Samnee edita in Italia da Saldapress, che insieme realizzano un’atipica storia fantasy dal taglio young adult (ma adatta a lettori di tutte le età!), piena di avventura e mostri giganti, che però riserva anche un grande spazio per le emozioni.

JONNA E I MOSTRI IMPOSSIBILI VOL. 3

STORIA: Chris Samnee, Laura Samnee 

DISEGNI: Chris Samnee

COLORI: Matt Wilson 

COPERTINA: Chris Samnee, Matt Wilson

FORMATO: 165 x 240 mm, B. con sovracoperta., 112 pp., col.

DATA DI USCITA: 09/06/2023

CARATTERISTICHE: Brossurato

GENERE: Avventura, Young Adult

PREZZO: € 16,00

LA TRAMA

Tempo fa, la piccola Jonna è sparita in un mondo divenuto improvvisamente pericolosissimo e selvaggio in seguito alla comparsa di un gran numero di mostri giganteschi. Sua sorella Rainbow ha intrapreso un viaggio per ritrovarla e, incredibilmente, è riuscita a sfuggire a zanne e artigli e a raggiungere la sorellina. Che però nel frattempo è diventata fortissima e decisamente selvatica! Una strana metamorfosi quella di Jonna che, in qualche modo, pare collegata alle gigantesche creature…

CONSIDERAZIONI

Iniziamo subito col dire che questo terzo e ultimo volume contiene molte sequenze mute e ciò lo rende molto scorrevole senza togliere nulla alla bellezza della storia, infatti si apre subito con una sequenza muta di otto pagine, che inizia con un uovo gigante che si schianta sulla Terra come un asteroide. Questa è la prima di una serie di rivelazioni che si susseguono lungo il percorso, e che non mi dilungo a spiegare per non rovinare l’effetto a chi deve ancora leggere il volume. Sebbene non ci sia ancora un grande sviluppo dei personaggi, il cuore della storia rimane il rapporto tra Rainbow e Jonna.

Dopo la scoperta del clone di Jonna alla fine del volume precedente, questo ci dà il primo assaggio delle sue origini, ma Rainbow è sempre determinata a ricordarle che è sua sorella e che nulla cambierà. Verso l’apice, abbiamo la “grande rivelazione” che spiega tutto, con un tocco di “orrore” che rende la storia ancora più avvincente.

Come detto all’inizio per la maggior parte della narrazione, i dialoghi sono usati raramente, perché l’arte di Chris Samnee parla da sola più delle parole. Sebbene gran parte del lavoro di Samnee mostri la grandezza di questo mondo fantastico, insieme alle creature ispirate ai Kaiju che lo dominano, non trascura l’intimità della relazione centrale. Conosciuto per il design dei suoi personaggi cartooneschi, Samnee permette ai suoi personaggi di esprimere le proprie emozioni in modo accentuato, permettendoci di capire come si sentono anche senza alcun dialogo. A mio parere questo è stato proprio il punto forte di questo ultimo capitolo, lo spiegare la fine di questa avventura senza perdersi in grandi spiegazioni ma facendolo con tavole che dicono più di mille parole. Epico e intimo, il finale del fumetto dei Samnees, infestato da mostri, è una lettura commovente e avvincente.

Un volume che contiene molte sequenze mute che lo rende molto scorrevole senza togliere nulla alla bellezza della storia con al centro il rapporto tra Rainbow e Jonna. Epico e intimo, il finale del fumetto dei Samnees, infestato da mostri, è una lettura commovente e avvincente.
LEGGI ANCHE:
Correlati
Un volume che contiene molte sequenze mute che lo rende molto scorrevole senza togliere nulla alla bellezza della storia con al centro il rapporto tra Rainbow e Jonna. Epico e intimo, il finale del fumetto dei Samnees, infestato da mostri, è una lettura commovente e avvincente.Jonna e i Mostri Impossibili 3 - Recensione