Il produttore di Assassinio a Venezia annuncia importanti cambiamenti rispetto al libro di Agatha Christie

spot_imgspot_img

Questo mese uscirà Assassinio a Venezia, il terzo adattamento dei romanzi di Hercule Poirot di Agatha Christie da parte del regista e star Kenneth Branagh. Dopo Assassinio sull’Orient Express e Assassinio sul Nilo, Assassinio a Venezia dà al franchise una sana dose di soprannaturale. È anche il primo della serie a non adattare direttamente il romanzo della Christie da cui è tratto.

Assassinio a Venezia è basato sul romanzo di Christie del 1969 Hallowe’en Party, e il film ha apportato parecchie modifiche al materiale di partenza. Non solo il titolo si discosta dal romanzo, ma c’è anche un’ambientazione diversa e alcune modifiche alla trama stessa. James Pritchard, amministratore delegato dell’Agatha Christie Estate e produttore esecutivo del film, ha parlato con The Direct di quanto il nuovo film si discosti dal materiale di partenza.

“Ci sono un numero significativo di modifiche alla storia”, ha confermato Pritchard. “E sì, uno degli indizi è nel titolo. Con Assassinio sull’Orient Express e Assassinio sul Nilo abbiamo realizzato due adattamenti molto fedeli di due libri molto famosi e molto importanti. E Michael Green, lo scrittore, e Kenneth Branagh, ovviamente, il regista e [Hercule Poirot] hanno pensato che forse avremmo dovuto sorprendere il nostro pubblico con questo e provare qualcosa di un po’ diverso”.

Uno dei maggiori cambiamenti apportati alla serie di film con l’introduzione di Assassino a Venezia è il passaggio al genere horror. Assassinio sull’Orient Express e Assassinio sul Nilo erano più classici gialli, mentre questo tratta direttamente di fantasmi e altri elementi horror.

“La differenza principale che cercavano era la tonalità. Volevano giocare un po’ con il genere horror e pensavano che una festa di Hallowe’en fosse un ottimo trampolino di lancio”, ha spiegato il produttore esecutivo. “Volevano ambientarlo a Venezia. È stato un cambiamento abbastanza precoce che hanno proposto. C’erano due ragioni potenziali per questo. Uno di questi è che, se si deve fare un film di Hollywood, si vuole un grande scenario… Non ci sono molti fondali migliori di Venezia. Quindi c’erano elementi di tipo cinematografico. Ma c’è anche un elemento atmosferico a Venezia. Il film gioca con il soprannaturale, ha al centro il potenziale del soprannaturale, e Venezia ha un’aria di mistero e di misticismo che gioca a suo favore”.

Assassino a Venezia uscirà nelle sale il 15 settembre.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema.

LEGGI ANCHE:

LEGGI ANCHE:

Correlati