One Piece: quali sono gli archi narrativi che potremmo vedere nella seconda stagione di Netflix?

spot_imgspot_img

One Piece ha avuto un tale successo nel passaggio al live-action che Netflix ha già confermato che la seconda stagione è in lavorazione, e ci sono alcune saghe chiave del manga originale di Eiichiro Oda che i fan potrebbero vedere nei nuovi episodi!

La prima stagione della serie live-action One Piece ha ripreso gran parte della saga di East Blue, mentre Monkey D. Luffy assemblava il suo equipaggio principale dei Cappelli di Paglia prima di decidere di dirigersi verso la Grand Line. Considerando il punto in cui si conclude la prima stagione, essa pone le basi per alcuni momenti importanti che verranno nella prossima stagione.

La seconda stagione di One Piece è ora in lavorazione con Netflix, e lo stesso Eiichiro Oda ha fatto un’anticipazione su una delle principali aggiunte che appariranno nei nuovi episodi. Insieme al teaser per la scena post-credits alla fine della prima stagione, ci sono alcuni indizi piuttosto importanti sul tipo di storie che vedremo affrontate nella prossima stagione, mentre i Cappelli di Paglia si fanno strada nella Grand Line e oltre.

Gli archi narrativi di One Piece Stagione 2 di Netflix che potremmo vedere:

Loguetown Arc


Loguetown è un’importante tappa finale prima che Luffy e gli altri si dirigano verso la Grand Line. Luffy ha ricevuto il suo primo manifesto ufficiale di taglie alla fine della prima stagione, ed è stato rivelato che aveva la taglia più alta nell’East Blue dopo la sconfitta di Arlong. Questo significa che si troverà faccia a faccia con White Hunter Smoker, un duro capitano dei Marines nel luogo dell’esecuzione di Gol D. Roger, come si vede nell’apertura della serie.

Reverse Mountain Arc


Questo non è un vero e proprio arco e potrebbe essere affrontato in un solo episodio. Luffy e gli altri incontrano una balena gigante poco dopo essersi fatti strada nella Grand Line, ed è il primo grande ostacolo nella loro grande avventura marina. Considerando l’aspetto della computer grafica della prima stagione, con la bestia marina che ha affrontato Shanks nella première, questa potrebbe essere una svolta per la prossima stagione.

Whiskey Peak Arc

Whiskey Peak è un arco notevole m, famoso anche per il modo in cui mette Luffy e Zoro l’uno contro l’altro. Una volta raggiunta la loro prima grande città nella Grand Line, i Cappelli di Paglia scoprono che questo tratto di mare sarà molto diverso da quello che avevano affrontato nell’East Blue. Si tratta sia di un campanello d’allarme che di una preparazione per alcuni eventi massicci che verranno in seguito, quindi è un passo importante che potremmo vedere nella nuova stagione affrontato in un episodio.

Little Garden Arc

Little Garden potrebbe non essere inserito nella Stagione 2 di One Piece. Mentre l’arco in sé potrebbe essere incorporato in altre aree (e in effetti potrebbe essere più efficace se i nemici qui fossero affrontati a Whiskey Peak), introduce anche i Giganti nella serie. Non è chiaro se questo sia possibile o meno per la serie live-action di One Piece, ma potrebbe essere un’aggiunta emozionante per mostrare quanto sia grande la Grand Line, se riusciremo a vederla.

Drum Island Arc

Questa è un’altra delle storie confermate che vedremo nella stagione 2 di One Piece di Netflix, dato che lo stesso Oda ha confermato che Chopper sarà un’aggiunta chiave alla serie live-action con l’annuncio dei nuovi episodi. Chopper fa il suo debutto a Drum Island, una terra coperta di neve che è un luogo nettamente diverso da tutto ciò che i fan hanno visto nella prima stagione. Questa sarà una delle storie più corpose della seconda stagione, in quanto Chopper diventerà uno dei Cappelli di Paglia, ma vedremo come la serie live-action gestirà il dottore renna parlante nel futuro.

Alabasta Arc

Questo è il grande colpo di scena della Stagione 2 di One Piece di Netflix. È possibile che non vedremo questo arco narrativo per intero nella seconda stagione della serie, poiché si tratta della prima grande “saga” della Grand Line. Con i semi di Baroque Works già piantati nella prima stagione, e con le premesse che vedremo negli archi narrativi qui elencati, Alabasta potrebbe servire come storia di livello Arlong Park per concludere la prima stagione. È solo che è piuttosto lunga, quindi un adattamento completo anche dei suoi elementi più importanti richiederebbe una sceneggiatura astuta per inserirla in un’altra stagione potenzialmente di otto episodi. E vista la quantità di storia che deve essere affrontata prima di questo? Sarà un difficile gioco di equilibri, ma potrebbe essere grandioso se il team del live-action di One Piece ce la farà.

LEGGI ANCHE:
Correlati