Star Wars: Ahsoka 1×08 – La Recensione del Finale di Stagione

Luci ombre, misticismo e La Forza, insieme a tanti dubbi, ci accompagnano in questo meraviglioso finale di stagione!

spot_imgspot_img

Star Wars: Ahsoka, la serie evento di Star Wars disponibile sulla piattaforma streaming Disney+, arriva al suo ultimo episodio per questa prima stagione. Ma cosa ci ha portato questo finale? Analizziamo tutto ciò che è successo!

Attenzione, seguono spoiler! Proseguite nella lettura a vostro rischio e pericolo!

Lato Oscuro, Lato Chiaro e il tema del Maestro e Apprendista

L’ottavo e ultimo episodio di Star Wars: Ahsoka, intitolato: “La Jedi, la Strega e il Signore della Guerra”, sembra fare riferimento a “Le Cronache di Narnia” di C.S. Lewis. Il titolo del primo libro in italiano “Il Leone, la Strega e l’Armadio”, cioè “The Lion, the Witch and the Wardrobe” nella sua versione inglese risuona molto con il titolo di quest’ultima puntata “The Jedi, the Witch and the Warlord”. Nonostante ciò, Morgan Elsbeth (Diana Lee Inosanto) – cioè la Strega – e il Grand’Ammiraglio Thrawn (Lars Mikkelsen) – ovvero il Signore della Guerra – non hanno un ruolo così centrale nell’episodio.

Infatti, ci concentriamo su Ahsoka (Rosario Dawson) – che sarebbe la Jedi – e Sabine (Natasha Liu Bordizzo), iniziando la puntata con una menzione a Kanan, con maggiore spazio, da parte di Ezra (Eman Esfandi), mentre costruisce la sua nuova spada laser con lo stesso componente e colore di quella appartenuta al suo maestro. Così, come da principio, torniamo al fulcro della serie, ovvero il rapporto tra Maestro e apprendista. Che assaporiamo durante tutto il corso degli episodi, tra Ahsoka e Anakin (delicato tasto per la prima, da quanto possiamo vedere dalla sua espressione in risposta alle parole di Thrawn), e tra la Togruta e Sabine. Quest’ultima, riesce a utilizzare la telecinesi attraverso l’uso della Forza, per ben due volte mentre notiamo una crescita come Padawan; compiendo scelte coraggiose e valutando situazioni estremamente sensibili e pericolose, con una serietà e consapevolezza superiore.

Il Destino di Ahsoka

Ahsoka si scontra con i Night Trooper

Anche Ahsoka cresce moltissimo nella serie, il personaggio che si evolve di più nel tempo, la quale trova finalmente della pace dentro di sé, una sorta di equilibrio che mette a tacere i suoi dubbi sul percorso svolto come apprendista di Anakin, il quale passò poi al Lato Oscuro per diventare successivamente Darth Vader; La paura della Togruta si trovava proprio in questo possibile scenario, che ritroviamo espresso nelle parole di Thrawn: “quanto simile a lui puoi diventare?“, dove a proposito, Ahsoka prova brividi nell’ascoltare le sue paure pronunciate così liberamente. Questo però, non sembra farla indietreggiare nell’avanzamento delle sue scelte, le paure sono sempre presenti in ognuno di noi, ma c’è la possibilità che sia ancora un tasto delicato per lei.

Ahsoka però, è decisa nel proseguire nel suo destino poiché è l’unica che può scegliere come esso sarà; come anche lo stesso Anakin si pronuncia a riguardo con queste parole “sei l’unica che può decidere il proprio destino”, e “sembra che tu abbia deciso di vivere”. Chiara citazione al fatto che Ahsoka decide di seguire il Lato Chiaro della Forza, come simboleggiano anche le sue spade laser interamente bianche.

Questo è una specie di parallelismo che differenzia Ahsoka da Anakin, che sarebbe interessante esplorare ancora di più in una possibile futura stagione della serie, o sul grande schermo, a seconda di come Dave Filoni e compagnia decidano di avanzare nel mandoverse.

Le Ripercussioni nel Futuro

Morgan Elsbeth con la Spada di Talzin e Thrawn

Morgan Elsbeth, in questo episodio trova la sua fine dopo la consacrazione ufficiale come Sorella della Notte, con tanto della Spada di Talzin (evocata da Madre Talzin in The Clone Wars), e si può dire che la sua “lealtà” a Dathomir l’ha portata alla rovina; e nel duello con Ahsoka, abbiamo assistito a scene d’azione mozzafiato. Tanto che non ha nulla da invidiare ai combattimenti presenti nei film Star Wars del grande schermo, Filoni è riuscito anche in questo, a esprimere perfino negli stili di combattimento, a differenziare chi, in un duello, si trova nel lato chiaro od oscuro della Forza.

Anche le scene colme di adrenalina dov’erano presenti Ahsoka, Sabine ed Ezra contro i Night Troopers ci hanno coinvolto a pieno nello scontro, proprio colme se stessimo combattendo in una delle Guerre dei Cloni, ognuno dotato della propria spada laser; come Ezra che è tornato finalmente a utilizzarne una. E qui, abbiamo avuto la conferma ai nostri dubbi: le Madri riportano in vita i corpi dei soldati caduti, che compongono le squadre dei Night Troopers e probabilmente anche quelle degli Storm Troopers.

Il Misterioso Pianeta di Peridea

In ogni caso, Thrawn è riuscito a tornare nella galassia lontana lontana diretto a Dathomir, e anche Ezra è tornato a casa da Hera (Mary Elizabeth Winstead) e la Nuova Repubblica. Mentre, Ahsoka, Sabine e Huyang sono rimasti intrappolati sul pianeta di Peridea, dove intuiamo che Ahsoka continuerà l’addestramento di Sabine, specialmente ora che quest’ultima ha stabilito un legame maggiore della Forza, e cercheranno un modo per tornare a casa; quantomeno, si spera che Hera o qualcun altro le riporti a casa, quasi come se la situazione si fosse ribaltata e ora sia Ezra che deve riportare indietro Ahsoka e Sabine.

Su questo desolato e misterioso pianeta non possiamo dimenticarci della presenza di Baylan Skoll (Ray Stevenson) e Shina Hati (Ivanna Sachno). Il primo, lo vediamo vicino alla statua del Padre, dove sente probabilmente il richiamo degli dei di Mortis mentre guarda l’orizzonte. Resta da capire se e come continuerà il viaggio di questo personaggio, ora che Ray Stevenson è scomparso. Magari con il recast di questo personaggio che sembra abbia ancora qualcosa da raccontare. Mentre la seconda, Shin, l’apprendista dell’ex Jedi Baylan Skoll, sembra reclamare il gruppo di banditi che abbiamo visto precedentemente.

Ombre nella Galassia Lontana Lontana

Era solo questione di tempo prima che si tornasse a parlare di Mortis (reame leggendario dove si pensa abbia origine la Forza), infatti Ahsoka è una seire infusa di grande mistero ed esoterismo legato alla Forza; e sembra che Filoni stia recuperando le sottotrame delle serie animate a cui tutti noi siamo legati, e su cui all’inizio nessuno avrebbe scommesso un centesimo, ma che con il tempo hanno conquistato il cuore di tutti gli appassionati.

Negli episodi 15, 16 e 17 di The Clone Wars, Anakin, Obi-Wan Kenobi e Ahsoka si imbattono in tre entità: Il Padre, La Figlia e Il Figlio, rappresentanti le tre sfaccettature della Forza: il figlio e la figlia sono il lato chiaro e il lato oscuro della forza, mentre il Padre rappresenta l’equilibrio. In quest’arco narrativo, la figlia si sacrificava per salvare Il Padre e rianimare Ahsoka, mentre Anakin combatteva con Il Figlio, non rendendosi conto di aver già ceduto al Lato Oscuro.

Ahsoka, Sabine ed Ezra in una delle scene finali

Inoltre, la civetta apparsa vicino ad Ahsoka nel finale, in realtà è un Convor, specie volatile originaria della luna di Wasskah nel sistema di Kashyyyk, di cui si dice che abbia un particolare rapporto con la Forza. Questa civetta, nello specifico si chiama Morai e accompagnava La Figlia, prima che questa morisse donando la sua energia vitale ad Ahsoka. Da allora la Morai veglia su Ahsoka, stabilendo con lei un forte legame e che parlando di destino, potrebbe significare che Ahsoka diventerà la nuova Figlia. Una teoria ce avrebbe senso, dato che il nome “Morai” è ispirato alle Μοῖραι dell’antica Grecia, ovvero le Moire, le custodi del destino.

Ciò che ci lascia Star Wars: Ahsoka (per ora)

Restano tantissime questioni irrisolte, come il lasso di tempo che ci separa da questi eventi alla trilogia sequel di Rey & company dove non ci sono né Ahsoka, né Sabine né Ezra, o tanti altri personaggi che abbiamo nel cuore. Tuttavia potrebbero essere nelle mani, in un possibile futuro, di Dave Filoni, Jon Favreau e il resto dello staff di questa bellissima e fondamentale fetta di torta di Star Wars.

Diretto da Rick Famwyia, questo ottavo e ultimo episodio della serie (per il momento), avremmo preferito avere più tempo per tutto, un episodio magari più longevo degli altri sarebbe stato perfetto per esplorare almeno qualcosa in più, ma è stato un finale ricco di luci e ombre, azione ed emozioni che speriamo di provare ancora in una possibile futura seconda stagione! Dove in questa serie siamo stati spettatori anche del ritorno live-action di Anakin Skywalker (Hayden Christensen) nel “Mondo tra i Mondi” e dove, nell’ultimo episodio, abbiamo visto il suo fantasma della Forza osservare Ahsoka e Sabine, ferme su Peridea; visibile però solo alla prima. Cosa ci riserverà il futuro? Noi speriamo tanto in una seconda stagione!

Di seguito vi lasciamo il trailer di Sar Wars: Ahsoka, nel caso in cui qualcuno di voi non abbia ancora visto la serie.

Voi cosa pensate dell’ottavo e ultimo episodio di Ahsoka? Fatecelo sapere nei commenti! Intanto continuate a seguirci su tutti i nostri social! Vi terremo aggiornati!

Star Wars: Ahsoka, ci ha donato tante e magnifiche emozioni in questi otto episodi; abbiamo visto crescere la nostra "furbetta", la coraggiosa e potente Ahsoka Tano, plasmare il proprio destino. Assistendo anche al termine del suo addestramento con Anakin, vedendo quest'ultimo di nuovo in "carne ed ossa", interpretato da Hayden Christensen nel "Mondo tra i Mondi". Accompagnando Ahsoka nel suo percorso abbiamo esplorato maggiormente, rispetto ad altre serie, la Forza, gli Jedi, Anakin e la stessa Ahsoka; per non parlare della Galassia stessa. Magari risultando troppo nostalgici e con qualche riferimento di troppo agli Skywalker, ma se era questo il "prezzo da pagare", siamo ben contenti di farlo per un risultato del genere. E seguendo Ahsoka, l'abbiamo vista evolversi in tutti i sensi anche come mentore, facendoci emozionare. Insomma, Star Wars: Ahsoka è un'opera eccezionale, e con questo finale ricco di luci e ombre, azione ed emozioni, speriamo di provare tutto ciò, se non di più, ancora in una possibile futura seconda stagione!
LEGGI ANCHE:
Correlati
Star Wars: Ahsoka, ci ha donato tante e magnifiche emozioni in questi otto episodi; abbiamo visto crescere la nostra "furbetta", la coraggiosa e potente Ahsoka Tano, plasmare il proprio destino. Assistendo anche al termine del suo addestramento con Anakin, vedendo quest'ultimo di nuovo in "carne ed ossa", interpretato da Hayden Christensen nel "Mondo tra i Mondi". Accompagnando Ahsoka nel suo percorso abbiamo esplorato maggiormente, rispetto ad altre serie, la Forza, gli Jedi, Anakin e la stessa Ahsoka; per non parlare della Galassia stessa. Magari risultando troppo nostalgici e con qualche riferimento di troppo agli Skywalker, ma se era questo il "prezzo da pagare", siamo ben contenti di farlo per un risultato del genere. E seguendo Ahsoka, l'abbiamo vista evolversi in tutti i sensi anche come mentore, facendoci emozionare. Insomma, Star Wars: Ahsoka è un'opera eccezionale, e con questo finale ricco di luci e ombre, azione ed emozioni, speriamo di provare tutto ciò, se non di più, ancora in una possibile futura seconda stagione! Star Wars: Ahsoka 1x08 - La Recensione del Finale di Stagione