Noi Siamo gli Avengers – Anniversary Edition

spot_imgspot_img

Una nuova edizione del volume, edito da Panini Comics, creato per far conoscere gli Avengers e la loro storia a tutti i lettori, da chi è alle prime armi fino all’appassionato Marvel più rodato. Si parte con il primissimo numero della serie, risalente al lontano 1963, e si continua fino alle più recenti avventure, una carrellata delle storie più belle e importanti dei Vendicatori. 12 storie e un ricchissimo apparato redazionale per scoprire tutto, ma proprio tutto, quello che c’è da sapere sul più straordinario gruppo di eroi del mondo dei fumetti. Bonus: una storia folle e divertentissima dei West Coast Avengers che vi mostrerà un lato diverso del gruppo di super eroi!

  • Autori: Jack Kirby, AA. VV., Bryan Hitch, Stan Lee, Brian Michael Bendis
  • Data di uscita: 14 set 2023
  • Tipo prodotto: Fumetti
  • Pagine: 352
  • Formato: 18.3X27.7
  • Contiene: Avengers (1963) #1, #57, #183/184, #211, Avengers Annual (1967) #7, Marvel Two-In-One Annual (1976) #2, Avengers West Coast (1989) #56/57, Avengers Finale (2005) #1, New Avengers Finale (2010) #1, West Coast Avengers (2018) #1
  • Rilegatura: Cartonato
  • Interni: Colori
  • Prezzo: € 25.00

L’anno è il 1961, Stan Lee e Jack Kirby lanciano la serie dei Fantastici Quattro e cosi nasce l’universo Marvel. Nel giro di pochi mesi i due autori, insieme a Steve Ditko, creano altri supereroi che entreranno nella leggenda e nel cuore dei giovani lettori dell’epoca. Ebbe cosi inizio una nuova era di “tizi in calzamaglia”, come ogni tanto li chiamava Lee. Era stata la DC Comics, l’eterna rivale della Marvel, a rilanciare eroi nati durante la seconda guerra mondiale in una nuova veste, più vicina ai gusti delle nuove generazioni, dal 1959 in poi. Tra queste nuove testate, spiccava in particolare quella dedicata al gruppo della Justice League of America, che metteva insieme tutti i supereroi più famosi della casa editrice. Nel 1963, la Casa delle Idee aveva già collezionato parecchi successi nel suo carnet, ma mancava ancora un gruppo equivalente alla JLA, cosa che il proprietario della Marvel, Martin Goodman, fece notare a Lee, intimandogli di provvedere al più presto per rimediare alla mancanza.

Il Marvel Bullpen (cosi si chiamava la redazione) di quei tempi era un continuo ribollire di idee e di frenetici tentativi di metterle su carta, sotto la direzione dello stesso Lee, per cui non deve meravigliare che dopo solo qualche settimana di lavoro il primo episodio del bimestrale Avengers vedesse la luce nel settembre del 1963. I padrini erano ancora loro, Lee & Kirby, l’inarrivabile team creativo di tutti gli anni 60 e oltre. La scelta degli appartenenti al gruppo fu quasi obbligata. Ovviamente esclusi i Fantastici Quattro, Lee dovette rinunciare anche al popolare Spider-Man, considerato troppo “lupo solitario” per unirsi ad un ensemble di eroi. Furono dunque il dio del tuono asgardiano Thor, l’eroe in armatura Iron Man, il potente e rissoso Hulk, e la coppia di minuscoli avventurieri Hank Pym/Ant Man e Janet Van Dyne/Wasp a comporre i ranghi, anche se a Lee rimaneva l’indefinito sentore che mancasse ancora qualcosa…

L’arrivo di Capitan America

Non ci volle molto tempo al vulcanico autore per azzeccare l’ultimo ingrediente. Sei mesi dopo, nel quarto episodio, i Vendicatori trovano un uomo ibernato in un grosso pezzo di ghiaccio alla deriva nell’oceano. Al suo interno si nasconde la figura di Capitan America, il supersoldato delle truppe statunitensi durante la seconda guerra mondiale, creduto morto in missione sul finire del conflitto. Con l’innesto di colui che diventerà il loro capo e stratega più importante, i Vendicatori possono finalmente definirsi gli eroi più potenti della terra! Come moderni cavalieri della tavola rotonda agli ordini di un inedito re Artù, il supergruppo vedrà i propri ranghi cambiare costantemente, ma sarà sempre pronto alla difesa del pianeta, esortato a combattere da un grido inconfondibile: Avengers Uniti!

LEGGI ANCHE:
Correlati