La seconda stagione di House of the Dragon ottiene una data di messa in onda

spot_imgspot_img

Ora c’è una finestra di rilascio per quando la seconda stagione di House of the Dragon debutterà sulla HBO. Lo spinoff di successo di Game of Thrones ha concluso la stagione 1 quasi un anno fa, il 23 ottobre 2022. Il debutto da record di House of the Dragon ha spinto la HBO a rinnovarlo rapidamente per la seconda stagione. La serie è basata sul romanzo Fuoco e Sangue di George R.R. Martin e si svolge 200 anni prima degli eventi di Game of Thrones, concentrandosi sulla Casa Targaryen. Per quanto riguarda la data di debutto della seconda stagione, i fan dovranno attendere la prima parte della stagione estiva del 2024.

Secondo quanto riportato da Variety, l’amministratore delegato della HBO Casey Bloys ha annunciato la finestra “all’inizio dell’estate” del 2024 per la seconda stagione durante un evento organizzato per la stampa a New York. I presenti hanno anche potuto dare una prima occhiata al nuovo trailer della stagione, anche se i dettagli sono stati tenuti sotto embargo. Sono state inoltre rivelate ulteriori informazioni su un altro spinoff di Game of Thrones: A Knight of the Seven Kingdoms mentre Le riprese di The Hedge Knight inizieranno nella primavera del 2024, anche se ciò dipenderà dalla fine dello sciopero della SAG-AFTRA.

La HBO esalta il successo di House of the Dragon con il rinnovo della stagione 2

“Siamo oltremodo orgogliosi di ciò che l’intera squadra di HOUSE OF THE DRAGON ha realizzato con la prima stagione”, ha dichiarato Francesca Orsi, vicepresidente esecutivo della programmazione HBO, all’annuncio del rinnovo di House of the Dragon. “Il nostro fenomenale cast e la nostra troupe hanno affrontato una sfida enorme e hanno superato ogni aspettativa, realizzando uno show che si è già affermato come una serie televisiva imperdibile. Un enorme grazie a George, Ryan e Miguel per averci guidato in questo viaggio. Non potremmo essere più entusiasti di continuare a dare vita all’epica saga di Casa Targaryen con la seconda stagione”.

“È stato meraviglioso vedere milioni di fan di Game of Thrones tornare con noi a Westeros ieri sera”, ha dichiarato Bloys in un comunicato. “House of the Dragon vanta un cast e una troupe di incredibile talento che hanno riversato il loro cuore e la loro anima nella produzione, e siamo estasiati dalla risposta positiva degli spettatori. Non vediamo l’ora di condividere con il pubblico cos’altro George, Ryan e Miguel hanno in serbo per loro in questa stagione”.

Piani per la terza stagione di House of the Dragon

La HBO starebbe già riflettendo sui piani per una terza stagione di House of the Dragon. The trades ha riferito che il produttore esecutivo e showrunner della serie Ryan Condal e il creatore della serie George R.R. Martin non sono ancora del tutto convinti della durata finale dello show. Si legge che i due “continuano a discutere sul numero di stagioni”, considerando tre o quattro stagioni in totale.

Un pezzo importante del puzzle di House of the Dragon che è stato rivelato nei rapporti riguarda la seconda stagione della serie. Secondo quanto riferito, la seconda stagione è stata ridotta da 10 a 8 episodi, in quella che è stata definita una decisione “orientata alla storia”.

“Ci sono solo tanti minuti in un episodio (più sulla HBO che negli show di rete per cui scrivevo), e solo tanti episodi in una stagione. Sembra che siano sempre meno con il passare del tempo”, ha scritto Martin in un post sul suo blog lo scorso ottobre. Se House of the Dragon avesse avuto 13 episodi a stagione, forse avremmo potuto mostrare tutte le cose su cui abbiamo dovuto fare un “salto temporale”… anche se questo avrebbe rischiato di far lamentare ad alcuni spettatori che lo show era troppo “lento”, che “non succedeva niente”. Così com’è, sono entusiasta del fatto che abbiamo ancora 10 ore a stagione per raccontare la nostra storia… Spero che questo continuerà ad essere vero”.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema.

LEGGI ANCHE:
Correlati