La sesta stagione di The Crown debutta con un forte calo di ascolti

spot_imgspot_img

La prima parte della stagione finale di The Crown, la sesta, è ora in streaming su Netflix e, sebbene i quattro episodi offrano quello che potrebbe essere l’elemento più atteso della serie – la tragica morte della Principessa Diana – non sta dando risultati in termini di audience, almeno non rispetto alla quinta stagione. Secondo Netflix, i primi quattro episodi della sesta stagione hanno registrato 36 milioni di ore di streaming, un numero che è meno della metà di quello con cui la quinta stagione, che contava dieci episodi totali, ha debuttato un anno fa. Quella stagione ha debuttato con 107 milioni di ore di streaming.

Sebbene una parte della differenza di spettatori possa essere attribuita alla disparità nel numero di episodi disponibili – la stagione 5 ha più del doppio degli episodi attualmente disponibili per la stagione 6 – si potrebbe sostenere che, semplicemente basandosi sulle medie, la stagione 6 sia un po’ indietro rispetto alla stagione 5 per quanto riguarda gli spettatori. Tuttavia, se si escludono i numeri degli spettatori, la stagione 6 non è ancora all’altezza delle stagioni precedenti della serie preferita dai fan nemmeno dal punto di vista della critica. Al momento della stesura di questo articolo, la sesta stagione ha un punteggio Rotten del 55% su Rotten Tomatoes, rispetto al 71% della quinta stagione.

Di cosa parla la sesta stagione di The Crown?

La stagione finale di The Crown, che sarà divisa in due parti, coprirà il periodo di tempo tra il 1997 e alcuni eventi importanti, tra cui la morte di Diana, Principessa del Galles, la premiership di Tony Blaire e la prima relazione del Principe William e Kate Middleton. “Il capitolo finale inizia il 16 novembre. Ispirata a eventi reali, questa fiction racconta la storia della Regina Elisabetta II e gli eventi politici e personali che hanno segnato il suo regno. Le stagioni 1-5 sono ora disponibili in streaming, solo su Netflix”, questo è quello che ha condiviso il sito di streaming con la pubblicazione del trailer.

La morte della regina nella vita reale ha cambiato il finale di The Crown

La morte reale della regina Elisabetta II nel 2022 ha avuto un impatto sulla fine della serie. Il creatore della serie, Peter Morgan, ha dichiarato a Variety che la morte della regina era un tema che doveva essere affrontato nel finale, anche se non ha spiegato come la serie lo avrebbe realizzato.

“Abbiamo tutti vissuto l’esperienza del funerale”, ha detto Morgan. “Quindi, dato che tutti l’avranno sentita profondamente, dovevo cercare di trovare un modo in cui l’episodio finale affrontasse la morte del personaggio, anche se lei non era ancora morta”.

Morgan ha anche spiegato che a un certo punto ha preso in considerazione l’idea di porre la morte della Regina come fine della serie, ma ha deciso di concludere la serie nel 2005 per mantenere le cose “storiche”.

“Era il limite per mantenere la storia, non il giornalismo”, ha detto. “Penso che fermarsi quasi 20 anni prima dei giorni nostri sia dignitoso”.

I primi quattro episodi della sesta stagione di The Crown sono ora disponibili in streaming su Netflix.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema.

LEGGI ANCHE:
Correlati