Harry Potter: Una teoria spiega perché Silente teneva così tanto alle sue carte delle Cioccorane

spot_img

Albus Silente era molto affezionato alle carte delle Cioccorane in suo onore, e una teoria ne spiegherebbe il motivo. Anche se non hanno mai avuto un ruolo importante nella storia di Harry Potter, le carte delle Cioccorane contenevano spesso informazioni utili su streghe e maghi famosi. I dolcetti anfibi magicamente animati erano sempre accompagnati da un’unica carta e i giovani membri del mondo dei maghi le collezionavano e le scambiavano come le figurine dei babbani. In Harry Potter sembrava che la meno rara di queste figurine fosse quella dedicata al preside di Hogwarts in persona, e Silente potrebbe averne approfittato per i propri scopi.

La prima volta che Harry apre una Cioccorana, riceve una carta con l’immagine di Albus Silente. Nel corso della serie di Harry Potter (parliamo dei libri), il ragazzo collezionò molte altre carte di streghe e maghi famosi e, alla fine, lui, Ron e Hermione ricevettero tutti carte delle Cioccorane che celebravano le loro grandi imprese. Questo onore era una sorta di prova di fama riservata alle figure più importanti del mondo dei maghi, passato e presente. Sebbene Silente avesse ricevuto onorificenze molto più prestigiose, scherzava sul fatto che ci teneva di più alle sue figurine delle Cioccorane, e una teoria di Reddit ne fornisce un’eccellente ragione.

Silente usava le carte delle Cioccorane come informatori, ecco la teoria:

Albus Silente aveva la sconcertante capacità di sapere cosa stava succedendo quasi ovunque nel mondo dei maghi. Sapeva quali marachelle combinava Harry, capiva le personalità di Ron e Hermione (nonostante non avesse mai trascorso molto tempo con loro) e aveva una solida idea delle varie cose che accadevano anche al Ministero della Magia. In Harry Potter e la Camera dei Segreti, Silente sapeva di dover inviare la lettera scolastica di Harry ai Weasley, e Arthur afferma addirittura: “Non sbaglia un colpo, quell’uomo”. A parte la Divinazione (materia che Silente disprezzava), sembra che l’unico modo in cui poteva saperlo sia attraverso alcuni informatori.

Una teoria su Reddit suggerisce che Silente abbia sfruttato le sue carte per fungere da informatori. Dal momento che questo dolcetto del mondo magico era così popolare e che la carta Silente era tra le più comuni che si potessero ottenere, questa ipotesi potrebbe avere un senso. Silente sfruttava spesso i ritratti nel suo ufficio a Hogwarts per inviare messaggi e persino spiare in altri luoghi, quindi è logico che potesse fare lo stesso con la sua controparte delle Cioccorane. Probabilmente sarebbe stato necessario un po’ di manomissione magica, ma per quanto Silente fosse intelligente, questo sarebbe stato sicuramente nelle sue capacità.

Silente temeva di perdere le carte dedicate a lui nell’Ordine della Fenice

In Harry Potter e l’Ordine della Fenice, Silente è stato privato di molti onori che il mondo dei maghi gli aveva conferito. Quando fu detto che era stato rimosso dal Wizengamot, dichiarò che il trattamento del Ministero della Magia non lo preoccupava affatto, purché non fosse rimosso dalle carte delle Cioccorane. Naturalmente, questo sembrava semplicemente uno dei modi bizzarri di Silente per diminuire la tensione. Tuttavia, se questa teoria su Harry Potter è vera, è possibile che il preside fosse spensieratamente sincero.

In un momento in cui aveva perso gran parte della sua influenza nel mondo dei maghi, le carte delle Cioccorane di Silente potevano essere il modo migliore per tenersi informato su ciò che accadeva nel mondo dei maghi. Supponiamo che lo stesso Ministro della Magia avesse una delle carte di Silente nascosta nella sua scrivania. In tal caso, il preside avrebbe potuto farsi riferire alcune informazioni su come il governo dei maghi stava gestendo (o non gestendo) il ritorno del Signore Oscuro. È quindi logico che, tra tutti i suoi riconoscimenti, le carte delle Cioccorane siano l’onore che Silente non vorrebbe perdere.

La frase della Pietra Filosofale di Ron supporta la teoria delle carte

Naturalmente, la semantica di come Silente utilizzerebbe le carte è un po’ più complicata. La teoria dipende dall’idea che le immagini su questi oggetti da collezione possano viaggiare tra le carte sparse per il mondo magico. Naturalmente, la frase pronunciata da Ron a Harry la prima volta che si sono incontrati sull’Espresso per Hogwarts implica che è proprio questo il caso. Quando l’immagine di Silente scompare dalla carta di Harry, Ron dice: “Beh, non puoi aspettarti che rimanga li tutto il giorno, no?”.

In Harry Potter e i Doni della Morte, viene rivelato che il soggetto di un ritratto può viaggiare verso altri ritratti di se stesso, anche se si trovano a chilometri di distanza. Per questo motivo (nei libri) Harry, Ron ed Hermione hanno rubato il ritratto di Phineas Nigellus Black da Grimmauld Place. Poiché il vecchio preside dei Serpeverde aveva un ritratto nell’ufficio del preside di Hogwarts, speravano che il professor Black potesse dare loro informazioni su ciò che Piton aveva fatto. Al contrario, Piton aveva usato lo stesso ritratto per spiare Harry. Se tutto questo era possibile e le carte delle Cioccorane funzionavano allo stesso modo, allora la teoria poteva essere perfettamente valida.

La teoria delle carte di Silente presenta alcuni problemi

Come ogni teoria, anche quella delle “carte di Silente spie” presenta alcuni problemi. Innanzitutto, se le carte funzionassero come gli altri ritratti magici, è sorprendente che nessuno si sia mai insospettito prima. Se un mago avesse dei segreti da mantenere, sarebbe terribilmente rischioso prendere un cioccolatino. È possibile che l’azienda produttrice delle Cioccorane abbia adottato alcune misure di sicurezza per rassicurare i clienti sul fatto che le carte non potessero combinare guai. Forse, a differenza dei ritratti dei presidi, le figure sulle carte erano abbastanza intelligenti da muoversi ma non da comunicare più di un paio di frasi di base, ma la magia di Silente avrebbe potuto cambiare le cose.

Questo porta al problema successivo di questa teoria: dipende dal fatto che Silente sia estremamente immorale. Anche per gli standard di Silente, sarebbe un’enorme violazione della privacy truccare le sue carte. È particolarmente problematico se si considera che le persone più inclini a collezionare le carte delle Cioccorane sono i bambini, e i genitori che scoprono che il professore di loro figlio o figlia li sta spiando attraverso i loro giocattoli sarebbero un vero disastro. Naturalmente, Albus Silente tendeva a giocare con l’idea di etica, quindi forse questa teoria di Harry Potter rientra proprio nel suo carattere.

DA NON PERDERE
spot_img

COMMENTA LA NOTIZIA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

POTREBBERO INTERESSARTI:

L’arte delle bacchette: L’Esercito di Silente

In questo nuovo articolo della nostra rubrica dedicata alle...

Harry Potter: La serie tv arriverà nel 2026

Quasi 15 anni dopo l'uscita dell'ultimo film di Harry...

Harry Potter: Con chi si sono sposati i protagonisti della saga?

La saga ha seguito il giovane Harry Potter dagli...

L’arte delle bacchette: I Mangiamorte

In questo nuovo articolo della nostra rubrica dedicata alle...

Always Wands: Il Regalo di San Valentino perfetto per i fan di Harry Potter!

Stai cercando il regalo di San Valentino per il...

L’arte delle bacchette: La famiglia Weasley

In questo nuovo articolo della nostra rubrica dedicata alle...

L’arte delle bacchette: I Malandrini

In questo nuovo articolo della nostra rubrica dedicata alle...

Harry Potter: Lo scrittore di Succession sarebbe tra i finalisti per il reboot televisivo

Dopo essere stato annunciato con grande clamore l'anno scorso,...
spot_imgspot_img
Correlati

Harry Potter: Perché Lord Voldemort non ha il naso?

L'universo di Harry Potter è sempre stato un mondo...

L’arte delle bacchette: I campioni del Torneo Tremaghi

In questo nuovo articolo della nostra rubrica dedicata alle...

L’arte delle bacchette: I professori di Hogwarts

Ed eccoci arrivati al secondo appuntamento della rubrica dedicata...