Hunger Games: The Ballad of Songbirds & Snakes – raggiunge un traguardo importante al botteghino

Il nuovo film prequel di Hunger Games ha superato i 100 milioni di dollari al botteghino nazionale.

spot_imgspot_img

Il nuovo film prequel di Hunger Games potrebbe non raggiungere i livelli di incassi dei film di Jennifer Lawrence, ma sta portando un po’ di coerenza al botteghino durante le festività natalizie e si sta affermando come uno degli interpreti più forti sul grande schermo nel 2023. Hunger Games:The Ballad of Songbirds & Snakes ha recentemente vinto il suo secondo fine settimana consecutivo al botteghino nordamericano, respingendo Wish della Disney e Napoleon di Apple/Sony con 42,2 milioni di dollari nei cinque giorni del weekend del Ringraziamento. Questa settimana, il film ha raggiunto un importante traguardo al botteghino.

Secondo Deadline, Songbirds & Snakes ha superato i 100 milioni di dollari al botteghino nazionale, il 23esimo film a farlo nel 2023. Il suo bottino di 1,9 milioni di dollari lunedì è stato sufficiente per spingerlo oltre il limite. A livello globale, Songbirds & Snakes ha guadagnato più di 165 milioni di dollari. Con un budget di produzione di circa 100 milioni di dollari e il film che regge bene nelle sale, Songbirds & Snakes sembra essere un’altra vittoria per Lionsgate quest’anno.

Tom Blyth sulla sostituzione di Donald Sutherland

Coriolanus Snow è il personaggio principale di Songbirds & Snakes, anche se da giovane è una persona molto diversa rispetto al tiranno più anziano che i personaggi più anziani conoscevano nella saga originale di Hunger Games. È interpretato da Tom Blyth in questo nuovo film, dopo che Donald Sutherland ha governato come presidente Snow in tutti e quattro i film originali.

Prima del debutto di Songbirds & Snakes nei cinema, Blyth ha parlato dell’idea di mettersi nei panni di Sutherland.

Le parole di Tom Blyth

Sì, ho dovuto trattenermi dall’andare nella tana del coniglio guardando di nuovo tutti quei film e guardando di nuovo la sua performance“, ha detto Blyth. “Ovviamente il primo istinto che ho avuto è stato quello di provare a ricrearlo in qualche modo o ad annuire in modo esperto. Ma il fatto è che non sarà mai astuto. Non sarà mai astuto. Tutti diranno, “Sembra che tu stia copiando una performance che è già stata grandiosa.” E non puoi, nel momento in cui come attore provi a ricreare qualcosa che funzioni, che sia qualcosa che hai fatto tu o qualcosa che ha fatto un altro attore, è la morte della spontaneità, e non puoi proprio ricrearlo. Essere fresco e deve essere in quel momento. Quindi molto presto ho messo da parte questo aspetto, Francis, Lawrence e io abbiamo parlato di crearne uno mio e anche di chiedere semplicemente cosa lo spinge ora rispetto a ciò che lo spingerà in seguito. su quando sarà presidente, dittatore e tiranno.

Coriolanus Snow

Come già sa chiunque abbia letto il libro prequel, questa versione più giovane di Coriolanus Snow è molto diversa da quella della trilogia originale di Hunger Games. Solo questo ha dato a Blyth molta libertà di far suo il personaggio.

Ha un personaggio diverso in questo film. Nel libro, è un personaggio che è un fratello, un nipote, uno studente e un ragazzo ambizioso che vuole solo fare bene nella sua vita”, ha spiegato Blyth.Alla fine del film lui diventa qualcosa di totalmente diverso per via del suo rapporto con Lucy Gray e per il suo rapporto con Capitol City in generale. Per ciò che vede e ciò che impara, e la bellezza del film è che arrivi a vedere quella transizione in tempo reale, e questo è ciò che mi attrae così tanto di lui come personaggio. E penso che ciò che attrae i fan come personaggio sia vedere che non è solo una cosa, finisce per diventare un tiranno, ma 64 anni prima era qualcosa di completamente diverso. E la parte interessante è vedere cosa attraversa per arrivarci.

The Hunger Games:The Ballad of Songbirds & Snakes è ora nei cinema.

LEGGI ANCHE:
Correlati