The Rising of the Shield Hero S3 ep. 8 – Recensione

Naofumi dovrà prendere delle decisioni importanti per i suoi amici e delle inaspettate funzionalità dello scudo vengono manpolate....

spot_imgspot_img

Torniamo, anche questa settimana a seguire le avventure dell’Eroe dello Scudo! Naofumi & co. avevano appena assistito alla fuga del drago appena adottato, decideranno di inseguirlo? Scopriamolo insieme!

La pericolosità del nuovo Gaelion

Dopo aver ingerito un frammento del drago zombi, Gaelion trasformatosi si allontana dal feudo di Naofumi e si dirige verso un villaggio a Est. Mentre Naofumi e buona parte del villaggio cercano di trovare una soluzione analizzando le circostanze, Filo si sente inaspettatamente male; così, quando tutti si prendono cura della piccola Filolial, Naofumi vede calare drasticamente i suoi livelli e intuisce che c’entri Gaelion, che assorbe i suoi punti esperienza avanzando lui stesso di livello.

Naofumi sceglie di inseguire il drago per fargli espellere il frammento di drago zombi e farlo tornare al proprio villaggio, e insieme alla debole Filo che è ferma nella sua decisione di voler accompagnare i propri compagni arrivano a destinazione. Ma oltre quella cittadina, si spingono soltanto lo Shield Hero e parte dei suoi compagni, arrivando fino al luogo dove originariamente era stato ucciso il drago zombi da Ren, l’Eroe della Spada. Poco dopo, trovano Gaelion, e si accende uno scontro che vede protagonista Filo, la quale perde inevitabilmente contro la potenza distruttiva del drago, che la ingerisce all’istante pur essendo percepita ancora in vita dai sensori di Naofumi, che deve sceglier il da farsi tra i due compagni.

Gaelion si trasforma e il drago demone prende interamente possesso del suo corpo.

Rimpianti e decisioni inevitabili

Questo episodio ci mostra l’importanza delle nostre decisioni nel presente ma anche nel futuro, e di quanto queste possano portare a terribili conseguenze e rimpianti o risultati eccezionali. Infatti, poco prima del combattimento con Gaelion, possiamo notare quanta amarezza conservi Ren riguardo la decisione che prese il giorno in cui incontrò il drago zombi e fece uccidere tutti i suoi compagni a causa della sua immaturità e inesperienza. Abbiamo sempre una scelta, e sta a noi prendere la più adatta nelle varie sfide che ci si presentano nella vita, ce ci rende ciò che siamo. Questa differenza si nota soprattutto tra Ren e Naofumi, dove quest’ultimo si comportò anche nelle stagioni precedenti in modo totalmente diverso rispetto agli altri tre Eroi Sacri, avendo anche un carattere che si distinse fin da subito.

La scelta di Naofumi

Ma, nel combattimento, che si rivela al quanto difficoltoso da affrontare nonostante l’aiuto e supporto di molti suoi compagni, si scopre che il drago zombi era il padre della semi-umana Wyndia e che insieme alla presenza del padre nel corpo di Gaelion, sempre a causa del frammento del drago zombi, c’è in qualche modo ancora non del tutto chiaro, quella del drago demone, che si dice governi su ogni mostro. Sembra quindi che non ci siano più speranze di salvare il vero Gaelion, e Naofumi, intento a utilizzare il Wrath Shield per contrastare ciò in cui si è trasformato il drago demone, scopre che quest’ultimo ha preso possesso dello scudo impedendogli di utilizzarlo.

Se Naofumi utilizzasse veramente il Wrath Shield appartenente alla Curse Series, sarebbe difficile tornare indietro o non subire danni, ma l’eroe è determinato ad affrontarlo e cerca in tutti i modi di combatterlo per utilizzare l’unico scudo che potrebbe salvarli tutti. Lui ha già fatto la sua scelta. Sapendo quanto gli potrebbe costare, e i rischi di non poter salvare l’originale Gaelion, ma salvando comunque ogni altro compagno d’armi. Tutto questo ci dimostra, soprattutto negli ultimi minuti, quanto le nostre decisioni siano impoortanti, come il tempismo in cui vengono fatte, perché non c’è un replay, non possiamo tornare indietro. Ciò che compiamo, le nostre azioni sono irreversibili, e potrebbero portarci al fallimento, oppure a un grande risultato; pur pagando in entrambi casi un prezzo molto alto.

Speriamo di vedere Naofumi fare la scelta giusta, e di andare a fondo molto più spesso, su questo importante lato che ci è stato mostrato più volte nel corso dell’anime di The Rising of the Shield Hero.

Il drago demone completa la sua trasformazione.
Questo episodio ci mostra l'importanza delle nostre decisioni nel presente ma anche nel futuro, e di quanto queste possano portare a terribili conseguenze e rimpianti o risultati eccezionali. Infatti, poco prima del combattimento con Gaelion, possiamo notare quanta amarezza conservi Ren riguardo la decisione che prese il giorno in cui incontrò il drago zombi e fece uccidere tutti i suoi compagni a causa della sua immaturità e inesperienza. Abbiamo sempre una scelta, e sta a noi prendere la più adatta nelle varie sfide che ci si presentano nella vita, ce ci rende ciò che siamo. Questa differenza si nota soprattutto tra Ren e Naofumi, dove quest'ultimo si comportò anche nelle stagioni precedenti in modo totalmente diverso rispetto agli altri tre Eroi Sacri, avendo anche un carattere che si distinse fin da subito.
LEGGI ANCHE:
Correlati
Questo episodio ci mostra l'importanza delle nostre decisioni nel presente ma anche nel futuro, e di quanto queste possano portare a terribili conseguenze e rimpianti o risultati eccezionali. Infatti, poco prima del combattimento con Gaelion, possiamo notare quanta amarezza conservi Ren riguardo la decisione che prese il giorno in cui incontrò il drago zombi e fece uccidere tutti i suoi compagni a causa della sua immaturità e inesperienza. Abbiamo sempre una scelta, e sta a noi prendere la più adatta nelle varie sfide che ci si presentano nella vita, ce ci rende ciò che siamo. Questa differenza si nota soprattutto tra Ren e Naofumi, dove quest'ultimo si comportò anche nelle stagioni precedenti in modo totalmente diverso rispetto agli altri tre Eroi Sacri, avendo anche un carattere che si distinse fin da subito.The Rising of the Shield Hero S3 ep. 8 - Recensione