NerdPool incontra l’Espertona di The Witcher

spot_imgspot_img

Gli scritti di Andrzej Sapkowski sono così a cari a noi di NerdPool.it e, volendo approfondire sempre di più le avventure dello strigo, abbiamo pensato di intervistare una chi conosce Geralt di Rivia davvero bene! Sto ovviamente parlando di Francesca, l’Espertona di The Witcher! Entriamo subito nel vivo delle domande a cui ci ha gentilmente risposto.

Come è nata l’idea di portare sui social questo contenuto, questa tua passione?

Intanto ringrazio te e NerdPool per questa intervista, non vedo l’ora di raccontarvi tutto quanto. Comincio col dire che l’idea è nata per gioco, sentivo parlare di The Witcher dal 2015, i miei amici erano entusiasti di Wild Hunt e al tempo non avevo molto interesse, tanto che quando il mio migliore amico mi prestò il primo libro di Sapkoswki, io lo lessi con poco interesse. Poi quando uscì la prima stagione su Netflix io avevo cominciato anche a giocare a Wild Hunt sulla PS4 e, senza mezzi termini, il gioco mi ha rapita. Ho avuto il primo periodo di full immersion: giocavo, guardavo la serie e leggevo i libri. Con il tempo ho notato che c’erano molte incongruenze tra i libri e la serie tv, inoltre per cercare informazioni dovevo girare tra mille siti, così ho pensato di riunire tutto il mondo di The Witcher sotto un unico profilo social: The Witcher TikTok, in modo che chiunque voleva informazioni inerenti a questa saga avrebbe trovato tutto, sia sui giochi che sui libri e così via.

Forse banale ma necessario, quale personaggio di The Witcher ti ha colpito di più e perché?

Difficile scegliere, nei libri mi piace molto Regis, un vampiro superiore che poi diventerà grande amico di Geralt e lo aiuterà ad arrivare a Ciri. Lui è l’esempio dell’amicizia che va coltivata con pazienza e condivisione, ha grandi abilità mediche e curative e ha deciso di andare contro la sua stessa natura di vampiro per far del bene agli altri, in questo caso allo strigo e ai suoi compagni. Nei videogiochi mi piace molto Dettlaff, un’altro vampiro superiore, colui che, secondo la lore della CDPRED, salvò Regis dopo l’ultimo scontro dei libri. Dettlaff è un’anima tormentata per colpa dell’amore, nel DLC lo vediamo come l’antagonista principale ma in verità lui segue esattamente la filosofia tipica dei personaggi creati da Sapkowski: è una vittima e agisce in base all’estremo dolore che prova, non è un animo cattivo. Nella serie tv, escludendo Henry Cavill che quasi tutti hanno adorato nei panni di Geralt, la scelta è semplice ed è dettata dalla bravura dell’attrice: adoro Tissaia, uno dei personaggi meno stravolti e più fedeli ai libri, MyAnna Buring ne ha dato un’interpretazione magnifica, in ogni stagione ho sempre pensato che lei come attrice sia una spanna sopra i suoi colleghi non solo per la sua bravura nel recitare ma anche perchè lei ha precedentemente lavorato nel mondo di The Witcher collaborando con la CDPRED per The Witcher 3 Wild Hunt dove ha doppiato Anna Henrietta e anche in questo caso le ha dato una caratterizzazione molto forte.

Chi ti segue lo sa benissimo, ma per i nuovi è interessante sapere qual è la tua opinione sulla rappresentazione di Geralt nella serie TV rispetto al videogioco e ai libri?

Il Geralt che vediamo nella serie TV ha avuto la fortuna di esser interpretato da un attore che è fan dei libri e dei videogiochi; Henry Cavill non è piaciuto a molti ma è oggettivo il suo impegno per rendere Geralt il più fedele ma allo stesso tempo autentico possibile. Sicuramente si è ispirato alla voce di Doug Cockle per avere un tono cupo e grave. Inoltre penso che la grande differenza di Netflix rispetto ai libri e ai giochi è che nella serie tv è molto più schivo e meno loquace mentre nei libri parla molto, soprattutto con figure come re, imperatori, utilizza molto l’arte della dialettica finché non perde la pazienza e passa alle spade oppure semplicemente se ne va. Fisicamente Geralt è un’uomo magro, dalla muscolatura asciutta per quanto estremamente forte, inoltre dimostra un’età compresa tra i 50 e 60 anni, con cicatrici nel volto e qualche acciacco sparso qua e la nel suo corpo, tiene i capelli fermi grazie a una fascia che gli passa sulla fronte. Con queste premesse converrete con me che la rappresentazione un po’ più vicina alla descrizione di Sapkowski è quella della CDPRED. Henry Cavill è stato magnifico nel ruolo di Geralt, ma se dovessi essere pignola, allora posso dire che l’hanno reso troppo giovane, muscoloso e riservato.

Qual è la tua avventura preferita o la missione più memorabile nei giochi di The Witcher?

Io adoro il DLC Heart Of Stone: la storia è meravigliosa, piena di dettagli, c’è Gaunter O’ Dimm che è un personaggio davvero inquietante e allo stesso tempo affascinante, mi ha fatto fare anche dei bruttissimi incubi, lo ammetto! Ad ogni modo ho lasciato il cuore nella missione che mi sembra si chiami “Scene da un matrimonio”, dove Geralt si trova nella tenuta dei Von Everec e poi dovrà entrare all’interno di un quadro e ricostruire dei ricordi della coppia Iris e Olgierd. Mi ha colpito non solo la storia e i colpi di scena, ma anche la cura che i produttori/disegnatori hanno messo per questa parte di gioco, è davvero un gioiellino!

Hai letto i libri di Andrzej Sapkowski su cui si basa The Witcher, cosa ne pensi delle differenze tra i libri e gli altri media?

Come ho già detto sopra apprezzo molto l’adattamento che ha fatto la CDPRED, il loro lavoro è davvero senza eguali. Certo, hanno fatto dei cambiamenti ma son davvero minimi e non influiscono negativamente sul mio giudizio anzi, hanno costruito così tanta lore che spesso si mescola benissimo coi libri di Sapkowski. Solo un danno hanno fatto (ma lo dico con estrema ironia): anche se nel mondo di The Witcher si pensa che canonicamente Triss sia rossa beh… mi spiace ma non è così! Riguardo Netflix la mia opinione è completamente l’opposto ahimè, qualcosa della prima stagione si salva, ma dalla seconda in poi è stato un completo disastro, ma lo dico da fanatica ed esperta di questa saga, nonostante il malcontento sia condiviso da molti fan. Di certo le dichiarazioni dei produttori e il fatto che Henry Cavill abbia lasciato la serie non hanno aiutato nel giudizio complessivo del loro lavoro svolto, forse sarebbe andata meglio se avessero curato la parte “canonica” quanto quella economica, ma non è stato così.

Cosa pensi del complesso rapporto tra Geralt, Yennefer e Triss?

Se ne discute spesso e penso che ogni fan di The Witcher sia schierato o dalla parte di Yen o da quella di Triss. Io, personalmente, vedo solo un trio (e mi riferisco principalmente alla mia esperienza coi libri): Geralt, Yen e Ciri. Per quanto lontani la maggior parte del tempo, durante la lettura sento sempre che c’è un filo conduttore, un legame indissolubile e forte. Tornando alla domanda, nei libri Triss ha approfittato della quasi incoscienza di Geralt per avere un momento di passione con lui, cosa di cui si scuserà, ma lei è l’emblema della friend-zone, completamente innamorata dello strigo. Geralt sente di certo attrazione e prova sicuramente un grande affetto nei suoi confronti, infondo anche lei fa parte della “famiglia”, eppure a volte si ritrova a dover rifiutare delle avance della maga perchè è innamorato di Yen, e qui può sorgere spontanea una domanda: perchè Geralt dice a tutte di sì tranne che a Triss? Beh perchè è l’unica a cui tiene e sa che così potrebbe solo ferirla ancora di più, inoltre lei è anche amica di Yen quindi potrebbe ulteriormente complicare le cose. La vita di Geralt abbonda di donne e di notti fugaci, ma l’unico vero amore di Geralt è solo Yen e così sarà per sempre. Poi che sia per via del djinn o meno, questo è ancora un altro discorso.

Se dovessi consigliare un amico su come avvicinarsi al mondo di The Witcher, cosa gli
diresti di fare prima?

Se il mio amico è un lettore non esiterei un attimo a consigliargli la saga da leggere, probabilmente lo farei partire dal terzo libro “Il Sangue Degli Elfi” perchè da lì parte il vero e proprio romanzo; se è un videogiocatore gli proporrei di certo The Witcher 3 Wild Hunt perchè a mio avviso è il più bello dei 3; se invece non è né lettore né giocatore allora, in extremis, proporrei la serie tv, ma solo la prima stagione, il resto è davvero tutto da scartare. A chi piacciono manga ci sono anche i fumetti, insomma in questo mondo ce n’è per tutti i gusti!

Grazie per la tua disponibilità! A quale evento fieristico potremo incontrarti prossimamente? Hai già qualcosa in programma?

Di nuovo grazie mille a voi e a chi leggerà questa intervista, per me è sempre un grande piacere parlare del Continente! Il prossimo evento a cui parteciperò sarà la fiera del fumetto a Novegro il 27 e 28 gennaio, mi troverete allo stand di The Witcher Gruppo Cosplay Italia e chissà, magari tra qualche settimana verrà fuori qualche altra novità!! Spero di vedervi in tanti! Infine, come dico sempre: Wind’s Howling.

L’intervista finisce qui, ma vi lascio tutti i link a social per poter seguire l’Espertona di The Witcher: Instagram clicca qui, YouTube clicca qui, TikTok clicca qui! E… (spoiler) la ritroverete spesso anche tra le pagine di NerdPool!

LEGGI ANCHE:
Correlati