E’ arrivato il nuovo capitolo della saga Generazioni di Nathan Never. Il numero 4 si ispira già dal titolo al telefilm cult Spazio 1999, ma non solo. Oltre al telefilm degli anni ’70 con il grande Martin Landau, il numero è ispirato ai fumetti fantascientifici “per adulti” creati da Sydney Jordan, ossia Jeff Hawke e Lance McLane. Quindi siamo dalle parti della fantascienza tecnologica ma “ingenua”, alla maniera degli anni ’50-’70. Infatti lo stesso Sydney Jordan metteva nei suoi fumetti molto dei suoi studi di ingegneria, tanto è vero che anticipò perfino lo sbarco lunare!

Comunque tornando a Nathan Never altra particolarità dell’albo è la disposizione della copertina e delle pagine, messe per orizzontale. Pare quasi di trovarsi davanti ad una raccolta di strisce a fumetti pubblicate su un quotidiano, con gli autori riproposti ad ogni striscia! All’inizio vi troverete disorientati ma poi si legge velocemente data la scorrevolezza del racconto.

La storia riprende dove si interrompeva il numero precedente, come già detto esiste una specie di continuity, quindi in teoria (senza spoilerare troppo) anche questo albo comporterà cambiamenti drastici in tutte le varie “generazioni”! Troviamo Nathan capitano della base spaziale del titolo, situata sulla Luna, che deve tentare una missione disperata per salvare il pianeta Terra. In più qualcuno che si pensava defunto sembra ritornare..

Dopo i primi tre capitoli ad opera di Giovanni Eccher la sceneggiatura passa a Adriano Barone. Barone è un vero nerd, per anticipare l’albo ha pubblicato su instagram una sua foto come “Adrian Baronau” , un altro indizio per Spazio 1999! Ovviamente il soggetto è sempre di Antonio Serra mentre ai disegni e alla copertina troviamo Sergio Giardo, bravissimo nel ricreare certe atmosfere tecnologiche con un tocco vintage. In più l’albo contiene diverse scene di nudo, che non guastano mai!
Il mese prossimo si passa allo steampunk!

Nathan Never Generazioni 4: Base lunare Alfa – di Serra, Barone e Giardo
pagine 98 – euro 3.90
Sergio Bonelli Editore

Scrivi qui il tuo commento...