Apple di nuovo sotto accusa riguardo la tastiera butterfly dei suoi MacBook.

A quanto pare infatti nemmeno la terza generazione di dispositivi avrebbe risolto i ben noti problemi del nuovo meccanismo “a farfalla“.

E’ la stessa azienda di Cupertino a renderlo noto, con un comunicato in risposta ad un articolo molto critico apparso sul Wall Street Journal.

Apple ha pubblicamente ammesso la problematica, seppur precisando la portata limitata della stessa:

“We are aware that a small number of users are having issues with their third-generation butterfly keyboard and for that we are sorry.

The vast majority of Mac notebook customers are having a positive experience with the new keyboard.”

Nuova tastiera “a farfalla” per Apple Macbook

Andiamo a capire meglio di cosa stiamo parlando, ovvero del nuovo design Apple per i tasti del MacBook.

Apple MacBook Tastiera Butterfly

La struttura del nuovo meccanismo ha una finalità prettamente legata al design del device, permette infatti di ridurre molto lo spessore di tastiera e laptop.
Lo stesso meccanismo però tende a raccogliere maggiormente sporcizia e polvere, questo causa malfunzionamenti imprevisti in fase di digitazione.
Battute casuali, mancata di risposta alla pressione e caratteri ripetuti sono problemi che affliggono costantemente gli utilizzatori di MacBook, rendendo l’esperienza utente con la nuova tastiera butterfly un incubo.

La diatriba al riguardo impazza dall’anno scorso, e purtroppo per Apple le polemiche non accennano a placarsi.

Esattamente ad un anno fa risale infatti la seconda Class Action indetta negli Stati Uniti controlo il famigerato componente, con l’accusa di ben cinque violazioni

Apple era corsa ai ripari, annunciando un programma di assistenza dedicato e gratuito nel giugno dell’anno scorso e inserendo una membrana di silicone nella tastiera a farfalla dei MacBook Pro 2018.

Apple MacBook Tastiera Butterfly

Una soluzione che sembra migliorare la questione relativa al deposito dei detriti, ma che non risolve il problema definitivamente.

Staremo a vedere come Apple deciderà di risolvere la controversia, ma di certo un’azienda così orientata al cliente non perderà tempo ad occuparsi di un difetto che influisce in questa maniera sull’eseperienza utente.

Per tutti gli aggiornamenti dal mondo Apple e non solo, seguici su Nerdpool.

Scrivi qui il tuo commento...