spot_imgspot_img

Guillermo del Toro vuole più creatività per il film “Le Montagne della follia”

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Guillermo del Toro esprime il suo desiderio di diventare più creativo per il suo adattamento cinematografico del romanzo horror fantascientifico di H.P. Lovecraft, Le Montagne della follia.

Lovecraft ha scritto la novella nel 1931 per Weird Tales, anche se è stata respinta a causa della sua lunga durata e sarebbe rimasta inedita per cinque anni fino a quando non è stata pubblicata in formato serializzato in tre edizioni di Astounding Stories nel 1936.
La trama ruota attorno a un gruppo di esploratori si imbarcano in una pericolosa spedizione in Antartide nel 1930, dove scoprono un’antica civiltà più antica della razza umana e arrivano alla realizzazione del passato della Terra raccontato attraverso varie sculture e murales.

Sebbene non sia la prima volta che Lovecraft scrive questo tipo di storie, Le Montagne della follia segnerà l’esplorazione più profonda dello scrittore.
Del Toro avrebbe iniziato lo sviluppo di un adattamento del romanzo nel 2006 con il co-sceneggiatore Matthew Robbins, con il quale ha lavorato a Mimic, anche se avrebbe faticato a coinvolgere la Warner Bros. per il progetto.
Negli anni successivi, Del Toro ha provato più volte a far decollare Le Montagne della follia e sebbene sia passato quasi un decennio dall’ultima notizia dello sviluppo, sembra che il regista non sia pronto a rinunciare al progetto.

Guillermo del Toro

Guillermo Del Toro ha recentemente parlato nel podcast di The Kingscast per discutere di IT, durante il quale la conversazione si è spostata sull’adattamento cinematografico di Le Montagne della follia del regista.
Il vincitore dell’Oscar ha rivelato di non aver rinunciato a dare vita al progetto e che il suo attuale ostacolo è la necessità di tornare indietro e riscrivere la sceneggiatura e portarla in “una direzione più strana“.

Di seguito le dichiarazioni del regista:

“Il problema con il film è che la sceneggiatura che ho scritto quindici anni fa non è la sceneggiatura che farei ora, quindi ho bisogno di riscriverla.
Non solo per ridimensionarla in qualche modo, ma perché allora stavo cercando di colmare la scala di esso con elementi che lo farebbero passare attraverso i macchinari dello studio.
Oggi potrei occuparmi di riscrivere alcune delle scene che sono state tralasciate.
Non ho più interesse nei confronti dei grandi set che bramavo anni fa; oggi, ad esempio, avendo già fatto quelle cose, sono più incline ad entusiasmarmi a proposito della direzione più strana che vorrei che la pellicola prendesse.”.

Il momento più vicino per Guillermo Del Toro di far decollare Le Montagne della follia è stato dieci anni fa, quando James Cameron ha firmato per produrre il progetto e Tom Cruise doveva guidare il cast.
Tuttavia, l’insistenza del regista sul fatto che il film si attenesse a una produzione classificata come vietata ai minori, invece che al box office PG-13, ha fatto sì che gli Universal Studios alla fine si ritirassero dal progetto.

Sebbene Del Toro sia generalmente noto per la sua fusione di fiabe e horror, alcuni dei suoi progetti recenti lo hanno visto esplorare territori strani al di fuori delle convenzioni di genere tipiche, con il suo premio Oscar La forma dell’acqua che è la più grande prova della sua strana sensibilità e il potenziale che una tale direzione potrebbe portare per Le Montagne della follia.

E voi? Cosa ne pensate?
Come sempre fatecelo sapere qui nei commenti.

Per questa e altre news su cinema e tanto altro ancora, seguiteci qui su Nerdpool

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

ARGOMENTI CORRELATI

LASCIA IL TUO COMMENTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img

CORRELATI

spot_img
kikasshttp://kikasmind.blogspot.it/
Studentessa universitaria disperata, nerd senza speranza, amo leggere, scrivere, adoro i videogiochi, il cinema, le serie tv, anime, fumetti, manga e tutto ciò che sia incredibilmente nerd. Amo gli animali e nel tempo libero mi diletto come dog/cat- sitter Sono parecchio individualista e per questo amo trascorrere molto tempo da sola, per dedicarmi alle mie passioni, condivido il mio tempo con altre persone solo quando ritengo che ne valga davvero la pena.

POTREBBERO INTERESSARTI: