Shazam! La Società dei Mostri del Male – Recensione

Un'avventura moderna che omaggia i classici e si rivolge a un pubblico di ogni età
8
spot_imgspot_img

Solitamente quando si citano le storie più famose di Shazam, è facile trovare La Società dei Mostri del Male di Jeff Smith. L’autore di Bone, un capolavoro indiscusso, realizza infatti una miniserie nella quale racconta un’avventura ispirata a quelle degli anni ’40 ma che si dimostra assolutamente moderna e adatta a un pubblico di tutte le età. Era un po’ che mancava nel mercato italiano e finalmente Panini Comics ha deciso di riproporla in un cartonato deluxe con diversi contenuti extra.

RITORNO ALLE ORIGINI

Billy Batson è un ragazzino orfano che vive in un palazzo fatiscente e il suo unico amico è un mendicante che dorme nei paraggi. La sua vita sembra non andare in nessuna direzione ma un giorno vede una misteriosa figura e decide di seguirla tra i tunnel della metropolitana. Questo incontro cambierà per sempre la sua vita e lo porterà al cospetto di un grande mago che percepisce la sua bontà d’animo e decide di affidargli i poteri del grande eroe Shazam! Basta una parola per far sì che il piccolo Billy acquisisca straordinarie abilità, ma questo cambiamento lo metterà di fronte a diabolici nemici come il Dr. Sivana e Mr. Mind e la sua Società dei Mostri del Male. Per fortuna il ragazzo avrà alcuni importanti alleati dalla sua parte.

DI’ LA PAROLA MAGICA!

Nato nel 1939 dalla mente dello scrittore Bill Parker e del disegnatore C.C. Beck, Shazam è un eroe quasi invincibile grazie ai suoi immensi poteri, che deve dividere il corpo con un ragazzino buono ma con una vita sfortunata. La commistione di queste due entità fa sì che il personaggio risulti tanto umano quanto divino e che i lettori possano affezionarsi facilmente a lui. Nell’approcciarsi a Shazam, Jeff Smith riprende molti elementi delle prime storie degli anni ’40 in un racconto carico di ironia e di sense of wonder.

Ormai la maggior parte dei lettori conosce le origini del personaggio, ma l’autore riesce a rinarrarle in modo personale e a renderle più moderne e appassionanti per il pubblico di oggi. Nel corso dei quattro capitoli vengono poi presentati alcuni personaggi che fanno parte della mitologia dell’eroe a partire dalla sorella Mary Marvel per arrivare ai già citati villain.

Lo stile molto cartoonesco di Jeff Smith strizza l’occhio al passato sia nei tratti dei personaggi o nelle loro espressioni facciali molto “parlanti”, quasi come nelle vecchie strisce comiche a fumetti, sia nella ripresa quasi speculare di alcune scene chiave degli esordi, come per le statue dei sette peccati capitali. Allo stesso tempo risulta anche molto moderno nella composizione delle tavole e delle inquadrature. La storia è uscita in originale nel 2007 e l’attualità fa capolino nella storia in alcuni dialoghi che accennano a temi caldi come la paura per il terrorismo, pur restando in secondo piano senza appesantire la narrazione.

CONSIDERAZIONI FINALI

Shazam! La Società dei Mostri del Male vuole essere prima di tutto una storia di formazione e una favola per tutte le età e riesce ad esserlo in maniera perfetta. Una vicenda umana ed emozionante carica di avventura e di ironia ma non risultando mai infantile. Le scene di azione si alternano perfettamente a momenti intimi che mostrano tutte le difficoltà del protagonista. Billy è un bambino cresciuto senza genitori e con poche speranze verso il futuro ma che improvvisamente si trova a vivere un’avventura incredibile. Un cambiamento molto bello ma anche importante che non si sente in grado di affrontare. Ma, come accade anche nella vita reale, il supporto della famiglia e degli amici può aiutarci a credere di più in noi stessi.

Volume super consigliato se amate lo stile di Jeff Smith o se volete una bella storia di supereroi leggera ma appassionante e un’ottima prima lettura per chi vuole avvicinarsi al personaggio di Shazam!

Pagine: 240
Formato: 18.3×27.7
Contiene: Shazam!: The Monster society of Evil (2007) #1/4
Prezzo: 31€

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo degli anime.

spot_imgspot_img
Jeff Smith, l'autore di Bone, realizza una miniserie dedicata alle origini del personaggio di Shazam ispirandosi alle storie degli anni '40 ma che si dimostra assolutamente moderna e adatta a un pubblico di tutte le età. Una vicenda umana ed emozionante carica di avventura e di ironia, senza risultare mai infantile.

POTREBBERO INTERESSARTI:

Magic Mike – The Last Dance: la recensione del film con un dirompente Channing Tatum

Il terzo, e sembrerebbe ultimo, incandescente capitolo di Magic...

My Home Hero 1 – Recensione

My Home Hero è una serie manga giapponese scritta...

Punk Rock Jesus – il nuovo messia di Sean Gordon Murphy

Se fosse possibile clonare una persona, viva o morta,...

Crisi Oscura sulle terre infinite 1 – Recensione

Il nuovo grande evento targato DC Comics è arrivato....

Blue Lock ep. 16 – Triple Session

Come ogni domenica, vi portiamo la recensione del nuovo...

Carnivalia La notte della maschera di fuoco – Recensione

Una festa in maschera in una villa favolosa. Cosa...

The Complete Cyberforce – il ritorno della serie cult degli anni ’90

Gli anni '90 furono un periodo di grande esplosione...
spot_img

Correlati

Monster Hunter Rise: Recensione – il futuro del porting

Monster Hunter Rise è un caso particolarmente curioso quando...

Carisma La scienza dell’anima – Recensione

Tra fede e scienza dove si trova la verità?...

Blue Lock ep. 15 – Divorare

Continua la second selection all’interno di Blue Lock! Torniamo...

The Legend of Vox Machina S2 – Recensione

Ritorna la compagnia di avventurieri più affiatata, ironica, e...
spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Jeff Smith, l'autore di Bone, realizza una miniserie dedicata alle origini del personaggio di Shazam ispirandosi alle storie degli anni '40 ma che si dimostra assolutamente moderna e adatta a un pubblico di tutte le età. Una vicenda umana ed emozionante carica di avventura e di ironia, senza risultare mai infantile.Shazam! La Società dei Mostri del Male - Recensione