Rilasciato il teaser del reboot di Attrazione fatale

spot_imgspot_img

Mentre il pubblico ha già avuto modo di dare una prima occhiata al prossimo reboot di Attrazione fatale sotto forma di foto, Paramount+ ha rilasciato oggi un breve promo che segnala l’arrivo di un teaser ufficiale questa settimana, dandoci la possibilità di vedere per la prima volta le riprese reali di Joshua Jackson e Lizzy Caplan nella serie. Il promo non offre molte informazioni sull’esperienza, ma vedere come Jackson e la Caplan incarnino completamente le figure rese famose da Michael Douglas e Glenn Close entusiasmerà gli spettatori per la rivisitazione. Guardate il teaser del trailer qui sotto prima che Attrazione fatale venga proiettato su Paramount+ il 30 aprile.

“Tenetevi forte. Date un primo sguardo alla nuova seducente serie di Attrazione fatale in arrivo su Paramount+ quando il teaser uscirà domani” :questa la didascalia del promo.

Joshua Jackson interpreterà Dan Gallagher, l’oggetto dell’ossessione della sua amante (Lizzy Caplan) dopo una breve relazione. Una rivisitazione in profondità del classico thriller psicosessuale e pietra miliare della cultura degli anni ’80, la nuova serie esplorerà l’attrazione fatale e i temi senza tempo del matrimonio e dell’infedeltà attraverso la lente dei moderni atteggiamenti verso le donne forti, i disturbi della personalità e il controllo coercitivo”.

Essendo il progetto in arrivo una serie televisiva anziché un film, ci saranno ovviamente alcune modifiche al materiale di partenza, basate esclusivamente sul tempo che il pubblico avrà a disposizione per assistere allo svolgimento dell’esperienza, anche se Caplan ha precedentemente espresso alcuni altri modi in cui la nuova storia sarà diversa dall’originale.

“Il film [originale] è ancora fantastico. È ancora spaventoso e ti fa porre grandi domande, ma c’erano due finali diversi e c’era un finale che Glenn Close preferiva, ma alla fine ne hanno scelto un altro”, ha ricordato Caplan a Grazia. “Glenn Close stava lottando per proteggere la fragile malattia mentale del suo personaggio, Alex, con cui aveva a che fare. Niente di tutto questo si è riflesso nel film. Il pubblico l’ha visto molto da una prospettiva anni ’80: questo ragazzo fantastico fa un errore e ora questa donna orribile sta cercando di rovinargli la vita. Soprattutto perché Glenn Close fa un lavoro così sottile e attento che se lo cerchi, è tutto lì”.

L’attrice ha continuato: “Dimostra davvero quanto siamo andati avanti. Non credo che siamo arrivati a un traguardo in termini di tutto ciò che è successo con #MeToo e ciò che ha messo in moto. Ma l’idea che non si potrebbe mai fare la versione degli anni ’80 di questo, mostra un certo grado di progresso. Penso che quando sono al loro meglio, questo è ciò che il reboot farebbe e speriamo che il nostro show lo faccia”.

Attrazione fatale debutterà su Paramount+ il 30 aprile.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema.

LEGGI ANCHE:
Correlati