Erazer Beast X40 – recensione del laptop da gaming che non scende a compromessi

Erazer punta in alto con un hardware da gaming davvero spinto con qualche sorpresa di rilievo per i puristi delle prestazioni.

Il mercato dei PC laptop da gaming è diventato negli anni sempre più florido e competitivo, con diversi attori del mercato che si sono lanciati nella produzione di hardware dedicato al gaming in versione portatile. Non ultima tra questi è Medion, azienda tedesca che con la sua divisione dedicata a questo tipo di hardware chiamata Erazer, recentemente diventata un marchio a sé, presenta una line-up decisamente accattivante da questo punto di vista.

Beast X40

Abbiamo avuto l’opportunità di testare il loro portatile da gaming top di gamma, il Beast X40, una bestia di nome e di fatto in quanto monta lato GPU la straordinaria RTX 4090 che pur con tutti i limiti della versione per laptop rappresenta una dotazione assolutamente pazzesca per un prodotto simile, accompagnata da un Intel Core i9 di 13esima generazione, 32 GB di RAM e ben 2TB di SSD M2. Abbiamo testato giochi di diverse generazioni e che sfruttano diverse tecnologie, ed i risultati sono stati eccellenti in ogni situazione. Restate con noi su NerdPool per scoprire come si comporta l’attuale punta di diamante di Erazer!

Design e specifiche

Il Beast X40 di Erazer si presenta molto bene, piuttosto contenuto nelle dimensioni se si pensa all’hardware che monta, la texture nera opaca che lo ricopre è tipica dei prodotti di questa fascia, e dona una certa eleganza al laptop. Il logo Erazer illuminato campeggia sulla parte superiore, assieme a due strisce di led RGB sul posteriore a creare un design accattivante. La dotazione di porte è piuttosto generosa: si va dalla porta USB tipo A e due jack audio da 3.5mm (uno per l’uscita cuffie e l’altro per l’ingresso microfono) sul lato sinistro, passando al lato destro dove troviamo altre due porte USB-A ed un comodo lettore di schede SD, Sul retro poi troviamo l’ingresso per l’alimentatore, un’uscita HDMI 2.1, una porta USB di tipo C con Thunderbolt e la vera particolarità di questo eccezionale laptop: i connettori magnetici per il collegamento di un’unità esterna proprietaria per il raffreddamento a liquido. Ebbene sì, il Beast X40 è uno dei pochissimi laptop da gaming ad utilizzare il raffreddamento a liquido, in modo da mantenere le temperature basse e le prestazioni alte anche dopo lunghe sessioni di gioco e/o lavoro.

Beast X40

Ma vediamo nel dettaglio le specifiche tecniche del PC:

  • CPU: Intel Core i9 13900HX, 24 core (8P + 16E) e 32 thread con una frequenza di picco di 5,4GHz, un PBP di 45 watt e un MTP di 157 watt
  • GPU: Nvidia RTX 4090 laptop da 175 watt
  • RAM: 32 GB DDR5-4800
  • Storage: due SSD NVMe PCIe 4.0 da 1TB l’uno
  • Scheda di rete: Intel AX201 Wi-Fi 6 e un controller Realtek LAN 2,5G
  • Tastiera: meccanica completa di tastierino numerico dotata di switch Cherry MX
  • Display: 17″ IPS QHD da 240Hz con rapporto d’immagine di 16:10 e supporto al G-Sync
  • Webcam: full HD con supporto a Windows Hello

Una dotazione davvero di prim’ordine, che abbiamo testato a fondo e di cui vi parleremo nel dettaglio. La qualità dei materiali è davvero ottima e si percepisce che si ha tra le mani un prodotto premium di altissimo livello.

Prestazioni e usabilità

Con questa dotazione hardware è facile intuire come il Beast X40 se la cavi egregiamente con qualsiasi software gli daremo in pasto. Le nostre prove hanno confermato tali intuizioni, abbiamo testato alcuni titoli piuttosto esosi di risorse come il nuovo Forza Motorsport, con il quale abbiamo ottenuto una media di 85-90 fps senza nessun problema, passando poi a Starfield su cui stavamo attorno ai 120 fps dopo l’aggiornamento che ha introdotto il supporto al DLSS 3 di Nvidia.

Beast X40

The Witcher 3 con il medesimo supporto ha toccato la media dei 170 fps, stessa cosa Control e Quantum Break, mentre con Lies of P (titolo decisamente ben ottimizzato anche se comunque più leggero degli altri) abbiamo toccato persino i 220 fps, portando quasi al limite le prestazioni del display. Tutti i giochi elencati per i test sono stati eseguiti con la risoluzione massima possibile (1600p), i dettagli ultra e ray tracing attivato al massimo ed in modalità qualità, fatta eccezione per Quantum Break il quale non supporta risoluzioni maggiori del Full HD e data la sua “età” non prevede nemmeno il ray tracing.

L’esperienza d’uso è decisamente buona, tutto funziona a dovere e la qualità delle componenti fa la differenza, ma c’è da precisare che per un uso intensivo lato gaming si annulla per forza di cose la portabilità del laptop in sé, in quanto la batteria non reggerebbe più di un’ora e mezza o due di gioco e per tenere a bada le temperature e non perdere prestazioni durante sessioni di gioco prolungate è necessario collegare l’unità esterna di raffreddamento a liquido: attaccando i connettori magnetici al pc e riempiendo nel caso servisse il serbatoio basterà poi connettere l’unità al laptop tramite bluetooth e attivarla tramite il Centro di Controllo Erazer e la pompa comincerà a raffreddare il PC, e sempre tramite il software Erazer sarà possibile monitorare le temperature e regolare la velocità delle ventole, comunque piuttosto silenziose.

La comodità d’uso è comunque molto elevata, se si inquadra il Beast X40 come un vero e proprio desktop replacer e non come un portatile “puro” l’esperienza è più che buona, la tastiera meccanica è precisa anche se un po’ rumorosa, dotata ovviamente di illuminazione RGB regolabile, il touchpad è ampio e responsivo, le uniche “pecche” se così vogliamo chiamarle sono appunto la batteria e la conseguente poca portabilità (ma come detto preso per quello che è essenzialmente il pc non è nemmeno un vero difetto) ed il rapporto d’immagine del display, il 16:10 è un aspect ratio che mal si adatta al gaming tripla A moderno, è più adatto a retrogaming ed emulazione, campi dove sia chiaro il Beast X40 eccelle senza se e senza ma, ma avendo a disposizione un hardware così spinto ci saremmo aspettati un display da 16:9, più in linea con gli standard odierni che puntano ad allargare i display piuttosto che a restringerli, ma va comunque detto che il display è assolutamente di qualità elevatissima, con un refresh rate importante, supporto alle tecnologie VRR e luminosità e colori decisamente convincenti.

Il Beast X40 è un laptop da gaming di assoluto livello, che non ha nulla da invidiare ai grandi del settore e si rivolge a quei giocatori che non vogliono scendere a compromessi per quanto riguarda qualità grafica e prestazioni anche dopo lunghe sessioni di gioco grazie al suo sistema di raffreddamento a liquido. La qualità dei materiali e delle componenti c'è tutta, l'esperienza di utilizzo è ottima considerando che si tratta di un vero e proprio desktop replacer e non di un portatile vero e proprio. Il prezzo di listino di 4699€ (a cui aggiungere altri 249€ per l'unità esterna di raffreddamento venduta separatamente) lo piazza in una fascia di mercato premium e siamo consapevoli che non è una cifra alla portata di tutti, ma siamo di fronte ad un prodotto pronto a durare per diversi anni letteralmente "mangiando" qualsiasi titolo tripla A in QHD, e non è roba da poco per gli enthustast del PC gaming.

CORRELATI

Il Beast X40 è un laptop da gaming di assoluto livello, che non ha nulla da invidiare ai grandi del settore e si rivolge a quei giocatori che non vogliono scendere a compromessi per quanto riguarda qualità grafica e prestazioni anche dopo lunghe sessioni di gioco grazie al suo sistema di raffreddamento a liquido. La qualità dei materiali e delle componenti c'è tutta, l'esperienza di utilizzo è ottima considerando che si tratta di un vero e proprio desktop replacer e non di un portatile vero e proprio. Il prezzo di listino di 4699€ (a cui aggiungere altri 249€ per l'unità esterna di raffreddamento venduta separatamente) lo piazza in una fascia di mercato premium e siamo consapevoli che non è una cifra alla portata di tutti, ma siamo di fronte ad un prodotto pronto a durare per diversi anni letteralmente "mangiando" qualsiasi titolo tripla A in QHD, e non è roba da poco per gli enthustast del PC gaming.Erazer Beast X40 - recensione del laptop da gaming che non scende a compromessi