X-Files: il regista Chris Carter ipotizza nuove avventure per Mulder e Scully

Il creatore di X-Files Chris Carter ha realizzato nuovi episodi della serie nel 2016 e ha concluso un’altra stagione nel 2018. Il regista ha rivelato di essere aperto ad esplorare altre avventure in questo mondo paranormale, qualora gli attori David Duchovny e Gillian Anderson fossero interessati a tornare. Dopo quasi sei anni dagli ultimi episodi e inseguito all’allontanamento di Anderson dal franchise, potrebbe essere una situazione difficile. In ogni caso, Carter vorrebbe lavorare di nuovo a X-Files solo se fosse coinvolto il cast originale. Il regista dei Black Panther, Ryan Coogler, sta attualmente sviluppando una nuova interpretazione della storia.

Quando The Wrap gli chiese se fosse stato interessato ad un’altra stagione, Carter ha ammesso: “Oh, se David e Gillian volessero rifarla. Sì, probabilmente, allora sarei ispirato.”

La storia di X-Files

La serie ha debuttato nel 1993, un periodo in cui il pubblico era sempre più interessato a elementi come gli UFO, gli alieni, i cerchi nel grano e altre cose paranormali. La storia è caratterizzata da una tecnologia avanzatissima ed il suo inizio ha coinciso anche con l’avvento di Internet, con una tempistica davvero perfetta per la serie fantascientifica. X-Files ha coinvolto un amplio pubblico, non solo si nicchia. La serie è diventata così popolare che, tra la quinta e la sesta stagione, il film The X-Files: Fight the Future è uscito nei cinema.

Nella settima stagione, David Duchovny ha lasciato la serie e Robert Patrick si è unito al cast come John Doggett. Successivamente, Duchovny è tornato nei panni di Mulder per gli episodi della nona e ultima stagione. Il finale di X-Files è andato in onda a maggio del 2002, ma un altro lungometraggio è stato realizzato nel 2008. Sia Duchovny e Anderson hanno recitato in quel film, oltre a partecipare alle due stagioni revival.

Guardando indietro al progetto, Carter ha confermato che è stata la chimica tra Duchovny e Anderson a solidificare l’eredità di X-Files. “La gente si chiede le ragioni del suo successo e la risposta che do è David e Gillian” ha spiegato il creatore. “Se non fosse stato per quel rapporto e per gli attori che hanno interpretato Mulder e Scully, la serie non sarebbe stato il successo è diventata.”

L’opinione di Gillian Anderson

Il finale dell’undicesima stagione ha rivelato al pubblico che il figlio di Scully, William, non ha come padre Mulder, ma l'”Uomo che fuma”, che la protagonista ha incontrato sotto effetto di droghe. La rivelazione non solo ha deluso gli spettatori di lunga data, ma anche Gillian Anderson stessa. Nel 2022, l’attrice ha detto di essersi lasciata la serie alle spalle e di essere interessata a tornare a lavorarci solo se il materiale fosse proposto da nuovi sceneggiatori.

“Sembra una vecchia idea. L’ho fatto, l’ho fatto per tanti anni e si è anche conclusa con una nota così sfortunata” ha spiegato Gillian Anderson a Variety. “Per iniziare anche solo ad avere quella conversazione, ci dovrebbe essere un intero nuovo team di sceneggiatori e il testimone dovrebbe essere passato perché il materiale si percepisca nuovo e progressista. Quindi sì, è molto nel passato.”

X-Files è ora in streaming su Disney Plus.

Che cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti e non dimenticate di iscrivervi alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati su Film e Serie TV.

CORRELATI