IN EVIDENZA

NerdPool.it incontra Giorgia Cosplay

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
206FollowerSegui
E’ con grande onore che presentiamo oggi la nostra intervista a Giorgia Cosplay. Abbiamo avuto la fortuna di poterle rivolgere qualche domanda e scoprire di più su di lei! Ecco cosa le abbiamo chiesto:
– Partiamo dall’inizio: 1997, Lucca Comics, Sailor Mars. Che emozione è stata? Oggi è ancora così quando porti i tuoi Cosplay al pubblico?
Fu una scelta quasi obbligata per me che arrivavo dal teatro e avevo questa passione fortissima per l’animazione giapponese, del resto ero abituata a vedere ragazzi che si travestivano da elfi maghi e vampiri per i giochi di ruolo live, per cui lo step di imitarli nei panni dei mie beniamini anime related fu naturale.
Ricordo che i primi anni l’emozione di portare un cosplay nuovo specialmente a Lucca era fortissima, col tempo avendo smesso di partecipare alle gare e prediligendo la conduzione dei contest, e gli shooting fotografici, sono molto più tranquilla. Le emozioni ora sono decisamente altre: un’idea particolarmente riuscita, come il colpo di genio di Laura Palmer quest’anno sempre  a Lucca, o i sorrisi e l’affetto dei bambini .
 
– A Nagoya nel 2005 hai portato la tua Siren, e hai vinto il titolo al World Cosplay Summit. Perché Devilman?
Inizio col dire che la mia versione non è quella dell’anime o degli O.A.V: anni 90, ma quella del live action che al tempo era appena uscito, che, sebbene non sia memorabile, ha dato una bella versione di Silen, la stessa che ho deciso di interpretare. Perché Devilman?
Per varie ragioni.
 
Volevo proporre un cosplay di un personaggio che fosse rimasto nei cuori dei giapponesi oltre che nel mio, e Silen mi dava la possibilità di portare un’antagonista molto iconica e amata, che coniugava un costume  assai articolato e scenografico e un background interessante e travagliato per via della sua storia d’amore con il demone Amon, che mi avrebbe consentito una performance ricca di pathos. Pertanto Silen, che per altro aveva di recente subito un restyling, era dal mio punto di vista un’ottima scelta, di nuovo sulla cresta dell’onda e attualissima, pur arrivando da un anime/manga storico.

Inoltre trattandosi di un’arpia, avrei avuto modo, in seno d’intervista post esibizione, di spiegare che la sua figura, affonda le sue radici nella mitologia classica, di cui il Sommo Poeta fa ampio uso nel suo Inferno, ricollegandomi così alla mia matrice italica.
Insomma nulla è stato lasciato al caso.
 

– Nella tua carriera c’è anche la TV: Base Luna, Mainstream. Sono esperienze che rifaresti? Che effetto ti ha fatto non avere il tuo pubblico a stretto contatto, come invece accade ad esempio sul palco di Lucca?
 
Assolutamente sì nella vita di tutti i giorni lavoro comunque con la voce, che siano performance teatrali, di speakeraggio/doppiaggio, di conduzione ecc, fanno comunque parte del mio bagaglio. Pertanto per me è stata un’opportunità più che ottima di mettermi alla prova e di lavorare in un mondo, quello televisivo, che ho sfiorato tante volte ma sicuramente in modo più marginale.
 
Il cruccio, soprattutto per quanto concerne Mainstream, è stato il cambio di rotta di Rai 4 e la cancellazione dal palinsesto di tutta la programmazione che strizzava l’occhio la mondo nerd.
 


– Recentissima la tua copertina per Ratboy, collaborazione con il mitico Leo Ortolani. Cosa custodirai con più gelosia di questa collaborazione con Leo?

Come potete immaginare e come ho già raccontato ampiamente nelle pagine della rivista, si tratta di una di quelle occasioni speciali che capitano una volta nella vita. E beh io non potrei che esserne più soddisfatta. Quando mai uno dei tuoi fumettisti preferiti ti contatta per proporti una pazzia simile? Io che ho passato anni a sganasciarmi con Rat-Man, mai avrei creduto che un giorno sarei stata” fumetizzata” e diventata la co-protagonista di una sua memorabile avventura.

Seriamente chi può “vantare” una collaborazione analoga con un’intera rivista dedicata? Mi porto a casa l’emozione che mi ha lasciato il Comicon di Napoli, dove Ratboy è uscito ufficialmente, la coda interminabile di fan per l’autografo congiunto con Leo, (ok al 99% erano lì per lui, ma va bene lo stesso), le risate, le chiacchiere con lui e la moglie Caterina, e ovviamente la prima foto del suo Instagram! Ebbene sì ha aperto l’account proprio al Comicon…e come inaugurarlo in maniera migliore?


– Dove ti troveremo prossimamente? Che eventi hai in programma? 
Il programma è molto fitto. Nel week end 9-10 giugno, sarò a presentare gli eventi cosplay alla Sagra dei Fumetti (Vr) rigorosamente in coppia con Omar Fantini, dopodiché sabato 16 e domenica 17 ospite e giurata a Casale Comics (Casale Monferrato- Al), e infine il 23, mi aspetta la Magic Cosplay Night a Trento, nell’ambito delle Feste Vigiliane.
 
Sto definendo ancora qualche partecipazione estiva, da incastrare con la mia trasferta nipponica, ma preferisco dirvi quelle che sono già assicurate al 100%. 
Come l’immancabile appuntamento al Parco Giardino Sigurtà di Valeggio sul Mincio (Vr) per “Il Magico Mondo del Cosplay”, sempre al timone dell’evento, per proseguire poi con Daunia Comics (Foggia) il 22 e il 23 , in ambo i casi in compagnia del “mio socio” con Omar Fantini.

– Di nuovo un saluto da parte di NerdPool.it e un grande grazie. Le nostre curiosità sono ancora molte, ma le lasciamo alla prossima intervista!

ARGOMENTI CORRELATI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
206FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...

I PIÙ VISTI DI OGGI