IN EVIDENZA

Unemployed Concentration Camp: se non lavori, muori

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
189FollowerSegui

Uno sguardo alla serie manga di Kei Akira e Atsushi Kamakura!

Come annunciato la scorsa settimana, vi parliamo di una nuova serie manga intrigante già dal primo volume, Unemployed Concentration Camp. Il filone di storie dove i protagonisti devono lottare contro le ingiustizie per la propria libertà è alla base anche dell’opera scritta da Atshushi Kamamura e disegnata da Kei Akira. Ancora in corso in patria, Unemployed Concentration Camp conta al momento 4 volumi, 2 disponibili in italiano per Panini Comics e già dalla trama dimostra una certa originalità e intriga sicuramente la lettura.

La storia

Dal 2022 una legge prevede che se sei disoccupato da più di sei mesi e non hai una determinata quota di reddito, vieni riprogrammato. La tua memoria è cancellata e ti vengono date delle nuove conoscenze per renderti un lavoratore altamente specializzato. Ma non c’è solo il programma di recupero che attende i disoccupati. Per i meno fortunati, c’è uno spietato campo di concentramento.

Il protagonista della storia, Tatsuya, ha un buon lavoro, una ragazza e nessuna preoccupazione al mondo. Almeno fino al giorno in cui viene licenziato a causa di un collega. In sei mesi la sua vita va a rotoli: perde tutti i suoi soldi, non trova un altro lavoro e viene lasciato. Invece del programma di recupero si ritrova in un campo di concentramento. Lì le persone sono trattate come animali, sono drogate, sottoposte a violenze di ogni genere dalle guardie e dai loro compagni e si devono allenare fino allo sfinimento.

Tatsuya è tra i pochi che riesce a rimanere lucido in una situazione così tragica e si allea con altre persone per poter trovare un modo di uscire da lì. E intanto sorgono spontanee alcune domande: perché esiste questo campo? Perché sono sottoposti ad un rigido allenamento di stampo militare? E’ solo un caso che sono tutti li o c’è sotto qualcosa? Domande ai quali non si da risposta in questo volume ma vengono dati dei glimpsedei piccoli indizi ci indicano come ci sia sotto qualcosa di misterioso che non si deve scoprire…

Un intrigo dietro l’altro

Tatsuya si dimostra subito furbo e intelligente da evitare le medicine e inizia a porsi delle domande. Non è il solo e pian piano conosciamo gli altri personaggi che vogliono scappare scoprendo la loro storia personale. E anche quei personaggi da tenere sott’occhio per la loro pericolosità. La parte finale è davvero interessante perché viene data la conferma che c’è qualcosa sotto. E nell’ombra tramano anche persone molte vicine ai protagonisti.

I disegni sono molto precisi e rendono bene la crudezza e l’oscurità della storia. Ci sono delle scene davvero belle con delle immagini che colpiscono con la loro forza espressiva e il significato che portano. Conosciamo e apprezziamo sopratutto il protagonista Tatsuya, ma ci sono nuovi personaggi, amici e nemici, che sono solo presentati; spero che abbiano il giusto spazio nei prossimi volumi. Se all’apparenza la storia non sembra niente di nuovo, con l’entrata nel campo la situazione si complica diventando più appassionante e misteriosa. Si vuole assolutamente continuare la lettura, scoprire la verità e tutti gli inganni che hanno portato lì Tatsuya e gli altri, il motivo stesso dell’esistenza del campo.

Nella speranza che la storia continui ad appassionare e intrigare nei prossimi volumi, direi che Unemployed Concentration Camp ha un buon inizio, di quelli che ti portano a proseguire la lettura e a seguire i suoi protagonisti. Un primo volume non perfetto, ma sicuramente intrigante, che ti spinge a voler continuare almeno un altro po’ la storia nella speranza di poter capire la verità e i segreti del campo.

E voi cosa pensate di Unemployed Concentration Camp? Ditecelo nei commenti e suggeriteci altri titoli che seguono questo filone!

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
189FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...