Ubisoft ha annunciato Ghost Recon Breakpoint, seguito diretto di Wildlands e nuovo capitolo della fortunata serie di sparatutto tattici.

Ambientato in un futuro prossimo, Breakpoint avrà come ambientazione principale l’isola Auroa, situata nel bel mezzo del Pacifico.

Il trailer di annuncio svela la principale minaccia dei Fantasmi che questa volta è rappresentata dai Wolves, specialisti di una fazione armata, che hanno preso il controllo dell’isola grazie all’utilizzo di un vero e proprio esercito di droni pesantemente armati.

“Sei stato mandato su Auroa per quella che sembra una normale missione di ricognizione, ma l’elicottero viene abbattuto. L’isola è finita nelle mani sbagliate. Affronta i nemici più difficili di sempre, i Lupi, una letale unità di ex militari americani diventati mercenari, guidati da un tuo vecchio compagno d’armi, il colonnello Cole D. Walker. I Lupi hanno il tuo stesso addestramento, la tua stessa esperienza e ora possiedono i più avanzati droni da combattimento. Ferito e senza aiuti, per sopravvivere dovrai esplorare Auroa, trovare nuovi alleati e scoprire perché i tuoi ex compagni hanno tradito”.

In Ghost Recon Breakpoint si dovrà fare tutto il possibile per sopravvivere in condizioni estreme, sfruttando le proprie abilità. Si affronteranno spietati nemici che hanno disertato l’esercito e si potrà prendere il controllo di veicoli terrestri, marittimi e aerei per esplorare liberamente gli insediamenti, le strade e la natura di Auroa.

Il giocatore interpreta il ruolo di Nomad, un Ghost inviato su Auroa per investigare sulla Skell Technology, società che si occupa di intelligenza artificiale e che ha sviluppato dei droni da battaglia impiegati in operazioni su larga scala.Tale tecnologia, pur essendo stata adottata da numerosi governi, si è dimostrata una pericolosa arma a doppio taglio.

Uno dei droni della compagnia ha infatti violato i propri protocolli uccidendo un personaggio di spicco della scena politica internazionale. Il filmato introduttivo mostra l’elicottero di Nomad che viene abbattuto. Il Ghost si ritrova così da solo in un vasto mondo, sperando di sopravvivere ai Wolves, l’unità d’elite che ha preso il controllo dell’isola.

La presentazione di Ubisoft, però, è andata oltre e ci ha permesso di vedere un bel po’ di gameplay. Tramite questo, abbiamo scoperto altri dettagli intriganti sul nuovo gioco della società francese. Il gameplay sembra quello di un action adventure in terza persona, ed inizia con Nomad ferito che, zoppicando e trascinandosi un pò a fatica, tenta di scappare e mettersi in salvo dagli attacchi delle squadre nemiche. Vedendo queste prime fasi del filmato, ciò che incuriosisce maggiormente, è la riproduzione del sistema di danni subiti da Nomad.

I personaggi potranno infatti subire delle ferite specifiche che gli impediranno di eseguire alcune azioni e ridurranno l’efficacia in combattimento. È interessante notare che ci si può ferire perfino mentre si attraversa il paesaggio. Si avrà la possibilità di curare le nostre ferite tornando al nostro bivacco o usando bende e siringhe.

Tutto sembra maggiormente improntato al realismo in questo nuovo capitolo. Oltre alle lesioni, Ubisoft dice che ora si potrà sperimentare la fame, la sete, lo stress da combattimento e la stanchezza, anche se dobbiamo ancora vedere in azione queste features. Breakpoint introduce una meccanica che farà letteralmente impazzire gli amanti dello stealth. Se si è braccati dai nemici e non si ha nessun riparo naturale nelle vicinanze, potremo mimetizzarci con l’ambiente, cospargendoci di fango, diventando quasi invisibili al nemico.

I nemici, d’altro canto, saranno molto più intelligenti rispetto a quanto visto su WIldlands e si organizzeranno per trovarci, nel caso in cui sentano un rumore sospetto. Inoltre, faranno ronde in ogni parte dell’isola, costantemente, per poterci sorprendere anche nel momento in cui ci sentiremo più tranquilli. Ubisoft ha infatti sottolineato più volte come, in questo caso, non siamo noi i cacciatori: i Ghost saranno le prede all’interno di Ghost Recon Breakpoint.

Spostarsi per Auroa spingerà il nostro Ghost al limite: terreni ripidi ci faranno scivolare e cadere, attraversare le zone acquatiche ci rallenterà e la neve non ci darà tregua. Gestire al meglio la resistenza sarà essenziale per sopravvivere e combattere. In Breakpoint si potrà allestire un accampamento con i nostri compagni. Qui potremo gestire l’equipaggiamento, la classe e le armi, curare le nostre ferite e mettere a punto le strategie.

Ubisoft ha introdotto delle scelte nei dialoghi in Assassin’s Creed Odyssey e Ghost Recon Breakpoint promette fare altrettanto. Non è ancora chiaro se queste potranno effettivamente cambiare il corso di una missione nel caso in cui selezioneremo risposte diverse.

Ubisoft ha già pianificato il post-lancio di Ghost Recon Breakpoint. Sono infatti previsti dei raid dopo il lancio del gioco, indirizzati all’endgame, pensati per essere giocati come parte di una squadra cooperativa di quattro giocatori. Il primo di essi porterà i giocatori in un’installazione situata all’interno di un vulcano, un’ambientazione che, siamo sicuri, sarà in grado di garantire un’alta dose di spettacolarità.

Invece di far progredire il nostro fantasma sbloccando gradualmente le abilità in un apposito albero, Ghost Recon Breakpoint offre quattro diverse classi tra cui scegliere. La classe potrà essere cambiata mentre riposiamo nel nostro bivacco. Ogni classe ha il suo albero di progressione e una serie di abilità speciali. Ad esempio, scegliendo la classe Panther, otterremo accesso ad abilità come “smokescreen” che ci consentirà di allontanarci rapidamente da uno scontro a fuoco. Altre classi sono previste anche dopo il lancio.

Il gioco conterrà un campagna single player con ore di sequenze d’intermezzo, che sarà giocabile anche in cooperativa fino ad un massimo di 4 giocatori. Al lancio sarà disponibile anche la modalità PvP, in cui la progressione dei personaggi sarà identica per tutti. Ci saranno anche numerosi veicoli, sia di terra che di cielo, tutti guidabili.

Per giocare al nuovo titolo Ubisoft è necessario disporre di una connessione internet attiva costantemente. Così ha infatti riferito l’account ufficiale del gioco su Twitter a chi domandava delucidazioni al riguardo: “Richiederà una connessione a internet attiva come in The Division e Rainbow Six Siege”.

Ubisoft ha svelato anche le diverse edizioni del gioco, la Standard, la Gold Edition, la Ultimate Edition e la Collector’s Edition.

L’edizione standard contiene il gioco base e garantisce l’accesso alla Beta e il pacchetto Sentinel Corp.

La Ultimate Edition include tutti i contenuti della Gold (3 giorni di accesso anticipato e Pass anno 1) più la moto Trail TX, la buggy Spider, una missione bonus e il pacchetto Sopravvissuto.

Ghost Recond Breakpoint Ultimate

La Collector’s Edition è la più ricca di tutti e include tutti i contenuti delle altre edizioni, più la colonna sonora del gioco, uno steelbook esclusivo, la cartella confidenziale con con 3 litografie, una statuetta di Cole D. Walker alta 24cm, la piastrina di Walker, una mappa impermeabile.

Ghost Recon Breakpoint Collector

La Gold Edition frutta 3 giorni di accesso anticipato e il Pass anno 1, che include due DLC, una missione al lancio, sblocco anticipato di tre nuove classi e il pacchetto Forze Speciali. 

Ghost Recon Breakpoint Gold

Ghost Recon Breakpoint è previsto per è il 4 ottobre 2019 su PC, Xbox One e PS4.

Continua a seguirci su Nerdpool.it per rimanere aggiornati su tutte le novità riguardanti il mondo videoludico!

Scrivi qui il tuo commento...