IN EVIDENZA

Xbox Scarlett: le specifiche di Lockhart e Anaconda

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,448FansMi piace
1,560FollowerSegui
193FollowerSegui

A circa un anno dal futuro lancio di Project Scarlett, cominciano a trapelare le caratteristiche tecniche delle due versioni di Xbox che faranno da antagonista a PS5. Quale sarà la più potente?

Per ora si conosceva solo la probabile data di uscita, ma la “ciccia” ovvero l’hardware che risiederà effettivamente sotto alla scocca della nuova creatura di Redmond era un mezzo mistero. Le prime indiscrezioni davano PS5 in vantaggio dal punto di vista della potenza, come è capitato all’attuale generazione dove PS4 debuttò in vantaggio rispetto a Xbox One, ma le ultime notizie sembrano cambiare le carte in tavola.

Da un articolo di Windows Central, testata rinomata per i numerosi scoop legati alla divisione gaming di Microsoft, risulta che la nuova Scarlett sarà disponibile in due versioni per ora identificate con i nominativi di Lockhart e Anaconda: la prima più parca, mentre la seconda agli steroidi.

VersionePotenza in TeraFlops (TF)
Anaconda12 TF
Xbox One X6 TF
Lockhart4 TF
Xbox One S1.4 TF

Come si vede dalla tabella sopra, la versione entry level di Scarlett avrà una potenza inferiore a quella dell’attuale top di gamma, ovvero Xbox One X, ma i benefici del cambio architetturale si faranno sentire comunque.

Advertising

Per quanto riguarda la RAM Anaconda dovrebbe essere equipaggiata di 16GB (13GB dedicati ai giochi e 3GB per il sistema operativo), ma la vera differenza la farà il sistema di archiviazione, ovvero gli SSD dotati di tecnologia proprietaria, che permetterà di ridurre drasticamente i tempi di caricamento nelle fasi di gioco. In soldoni? Nessuna porta introdotta ad arte nel level design per poter giustificare il loading tra uno scenario e l’altro o nessuna scena di spostamento sui mezzi per passare da un capo all’altro di una mappa (tipo in Spider-man su Playstation, per intenderci).

E chicca delle chicche, Project xCloud incluso su tutte le piattaforme Xbox, permetterà di cominciare a giocare in streaming mentre il contenuto viene scaricato. Diciamo che questa ultima affermazione potrebbe essere difficoltosa da sostenere visto lo stato delle linee dati del nostro Belpaese.

Tutte le specifiche sopra riportate vanno però prese con le pinze dato che non sono giunte da dichiarazioni ufficiali Microsoft, quindi state sintonizzati sulle pagine di Nerdpool.it per essere aggiornati sulle ultime novità del mondo Xbox.

Advertising

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,448FansMi piace
1,560FollowerSegui
193FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...