PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Ascender vol.3: Il Mago Digitale – Recensione

Ci avviciniamo al finale di Ascender, i buoni sono divisi e costretti a fuggire dai nemici, ma trovano sulla loro strada alleati vecchi e nuovi pronti ad aiutarli. La magia resta predominante nella trama imbastita da Lemire, ma le macchine stanno tornando ad avere un ruolo sempre più centrale e i punti rimasti in sospeso dalla serie precedente iniziano a trovare una risoluzione.
PUBBLICITÀspot_imgspot_img

È uscito per Bao Publishing a inizio luglio il terzo volume di Ascender, la serie sequel di Descender, sempre scritta da Jeff Lemire e disegnata da Dustin Nguyen. Quattro capitoli che ci avvicinano al gran finale, previsto con il prossimo volume. Vediamo insieme come procede la storia in questo terzo capitolo.

Inizialmente vi avevamo presentato Ascender come la controparte fantasy della precedente serie, più incentrata su temi fantascientifici. In realtà, è ormai evidente come questa affermazione non sia del tutto vera. La magia resta predominante nella trama imbastita da Lemire, ma le macchine stanno tornando ad avere un ruolo sempre più centrale. Il finale di Descender aveva lasciato tanti dubbi nei lettori e il brusco passaggio a un mondo senza robot faceva crescere la voglia di capire cosa fosse davvero successo in questo lasso temporale. Le risposte non sono ancora arrivate, ma ora abbiamo scoperto il destino di quasi tutti i personaggi della prima serie. Soprattutto di QUEL personaggio!

All’inizio del terzo volume i protagonisti di Ascender sono divisi e braccati dagli eserciti della Madre. Andy pensa di essere ormai solo, dopo essersi separato dalla figlia e aver perso nuovamente la sua compagna. In realtà, Effie ha ancora una parte importante da ricoprire in questa storia e Mila sta diventando sempre più coraggiosa. Con Telsa e Helda ha attraversato il madre incontrando una nostra vecchia conoscenza, Trivella, e il suo compagno, il mago Mizerd. L’uomo è convinto che Mila possa sviluppare grandi poteri magici e vorrebbe addestrarla. Tuttavia, gli eserciti nemici sono infaticabili e i due gruppi costretti a fuggire, ma troveranno entrambi un aiuto insperato da personaggi vecchi e nuovi.

Ogni numero è ricco di colpi di scena, ma quello che non manca mai è l’attenzione ai personaggi e alla loro evoluzione. In Ascender, nessuno è statico e uguale dal primo all’ultimo numero. Al contrario, capita che tanti mutino non solo dal punto di vista caratteriale ma anche da quello fisico. Mila è la vera protagonista di questa storia e sembra che ricoprirà un ruolo importante nell’atto finale di questa tragedia. Difficile ancora dire quale possa essere precisamente, gli indizi sono pochi e le pedine in campo tante. Una figura che mi ha molto colpito è quella di Kanto, una sorta di ronin che rifiuta la magia e la tecnologia per combattere i vampiri con balestra e spade.

Si potrebbe definire questo terzo volume come un preludio al finale. Ormai gli schieramenti sono piuttosto chiari. Il vero nemico è rivelato e, dal passato, sono riemersi tanti personaggi che credevamo morti. Probabilmente tutti i lettori e le lettrici si aspettavano il colpo di scena dell’ultima pagina, ma il bello sarà capire come sia possibile e che conseguenze avrà questo incontro. Ora, prima dello scontro finale, è necessario che Lemire ci racconti cosa è davvero accaduto durante la venuta dei Descender. Mi aspetto che questo avvenga già nel primo capitolo del prossimo volume, prima dello scontro finale tra il bene e il male.

Arrivati a questo punto se non avete letto Descender mi trovo “costretto” a consigliarvi sempre più di recuperare tutta la serie. Ascender resta leggibile a sé, ma non conoscere certi personaggi o eventi rende la lettura di questo sequel un’esperienza a metà. Inoltre, se state apprezzando la storia e i disegni di Dustin Nguyen, amerete senza alcun dubbio anche la precedente incarnazione. Concludo segnalandovi che a fine volume è presente la sceneggiatura, tradotta in italiano, dei primi due capitoli del terzo volume. Una piccola chicca e aggiunta che ci fa vedere nel piccolo come lavora la mente di un grande scrittore come Jeff Lemire.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo del Fumetto.

IL NOSTRO VOTO

Ci avviciniamo al finale di Ascender, i buoni sono divisi e costretti a fuggire dai nemici, ma trovano sulla loro strada alleati vecchi e nuovi pronti ad aiutarli. La magia resta predominante nella trama imbastita da Lemire, ma le macchine stanno tornando ad avere un ruolo sempre più centrale e i punti rimasti in sospeso dalla serie precedente iniziano a trovare una risoluzione.
Voto
8

TI POTREBBERO INTERESSARE

ARGOMENTI CORRELATI

LEGGI ANCHE

Death or Glory 1,2 – Recensione

Rick Remender è uno di quei nomi che fanno subito drizzare le orecchie a...

BAO PUBLISHING presenta 24/7

Accade tutto in una notte: il personale di un discount sperduto in mezzo al nulla...

Dylan Dog 419: Albachiara + 420: Jenny – Recensione

Dopo avervi recensito il numero 418 di Dylan Dog, Sally, la trilogia dedicata a...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

CORRELATI

Death or Glory 1,2 – Recensione

Rick Remender è uno di quei nomi che fanno subito drizzare le orecchie a qualsiasi lettore di comics. Nel corso degli anni ha dato...

BAO PUBLISHING presenta 24/7

Accade tutto in una notte: il personale di un discount sperduto in mezzo al nulla si ritrova rinchiuso nel supermercato aperto ventiquattro ore su ventiquattro...

Dylan Dog 419: Albachiara + 420: Jenny – Recensione

Dopo avervi recensito il numero 418 di Dylan Dog, Sally, la trilogia dedicata a Vasco Rossi e alle donne più famose delle sue canzoni,...

Jeff Lemire annuncia la prima serie per Substack e nuovi spinoff per Black Hammer

Il creatore di Sweet Tooth Jeff Lemire ha annunciato che pubblicherà nuovi fumetti su Substack. Nella sua newsletter Tales From the Farm, Lemire ha spiegato che userà...
spot_img
PUBBLICITÀspot_imgspot_img