JoJo’s Bizarre Adventure: All-Star Battle R – la nostra recensione

È una lettera d'amore a JoJo e alla sua storia.
7.5
spot_imgspot_img

Pochi sviluppatori sono in grado di catturare ed adattare gli elementi caratteristici che si trovano negli anime come CyberConnect2. Attraverso diverse produzioni di grande successo come: Naruto: Ultimate Ninja Storm e il più recente Demon Slayer, lo studio ha sviluppato uno storico davvero notevole.
L’ultima fatica è il titolo JoJo’s Bizarre Adventure: All-Star Battle R, che ha dato al team la possibilità di rivisitare e aggiornare il gioco picchiaduro del 2013 basato sull’opera di Hirohiko Araki, piena di personaggi eccentrici, combattimenti assurdi e riferimenti che sono rimasti nel cuore dei fan. Con nuove aggiunte al roster, ai livelli e una nuova modalità per giocatore singolo, questa remaster di Bandai Namco è chiaramente la versione definitiva del gioco anche se non è il fiore all’occhiello nell’impressionante catalogo dello sviluppatore. Saranno riusciti a riportare in auge questo titolo ormai dimenticato? Scopritelo con la nostra recensione!

Per i non addetti ai lavori, un breve riassunto: Le bizzarre avventure di JoJo è una serie manga creata dal già menzionato Hirohiko Araki. JoJo racconta la storia della famiglia Joestar, con ogni “parte” del manga che segue un membro diverso della linea di sangue. Cyberconnect2 ha raccolto fedelmente tutte le otto ere di JoJo in un unico gioco per una vera battaglia All-Star.

Fan Service ne abbiamo?

Il fan service è senza dubbio l’aspetto più forte del gioco. È una lettera d’amore totale a JoJo e alla sua storia. Dalla modalità galleria alle emote dei personaggi completamente personalizzabili, con una litania di citazioni della serie e persino dialoghi unici durante le battaglie. Il gameplay è il punto in cui il fan service brilla davvero, nel modo in cui i concetti della serie sono adattati alle tecniche di combattimento rendono questo titolo davvero unico. Piccoli dettagli che gli appassionati di questa serie apprezzeranno particolarmente.

Combattimento e novità

JoJo’s Bizarre Adventure: All-Star Battle R è un picchiaduro 2D/3D sulla scia di giochi come Tekken, in cui si affrontano battaglie in arene 3D incredibilmente dettagliate ma a scorrimento 2D. Abbiamo infatti la capacità di schivare e spostarci non solo lateralmente ma anche in profondità negli ambienti.

JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R Jotaro

Sebbene il gioco non abbia una profonda meccanica di un picchiaduro tradizionale, c’è spazio per creare qualcosa di divertente e per alcuni, facile da giocare, pad alla mano. All-Star Battle R offre infatti un sistema “easy beat” in cui semplicemente toccando “Y o Triangolo” il sistema concatena gli input per creare combo senza alcuna difficoltà; sicuramente un sistema accessibile per chiunque non abbia dimestichezza con i tradizionali pulsanti visti in giochi come Street Fighter. Ci teniamo a precisare che questa funzione è disattivabile per chi volesse aumentare il grado di sfida.

Il cambiamento più grande, tuttavia, è l’aggiunta delle abilità Assist: è possibile selezionare due personaggi con cui giocare, con il secondo combattente che funge da attacco di supporto, solo per un determinato numero di volte in ogni battaglia. Gli assist aggiungono un po’ di pepe necessario al gioco, offrendo dozzine e dozzine di nuove strade per combo, giocate difensive e varietà di combattimento. Alcuni personaggi Assist hanno attacchi a distanza, mentre altri hanno attacchi ravvicinati o in stile Trappola.

Tutta la saga in una sola grande modalità

All-Star Battle R sostituisce le modalità storia e campagna del gioco originale con la nuova modalità All-Star Battle. Questa nuova aggiunta offre fino a 104 combattimenti in ogni epoca del manga. Questi combattimenti spaziano dalle ricostruzioni delle classiche battaglie di JoJo – come il finale del Cairo di Stardust Crusaders, nonché incontri – impossibili – come DIO che affronta il suo estraneo figlio Giorno. È ovviamente possibile selezionare la “stagione” nell’ordine preferito, complice il fatto che che alcuni scontri risultano abbastanza tediosi, oppure come nella fase Battle Tendency, sono presenti ben 17 sfide in una singola arena. Ci sarebbe piaciuto vedere più varietà sui fondali dei combattimenti.

Ogni sfida è dotata di una propria serie unica di obiettivi e modificatori basati su ciò che è accaduto nel manga. Il completamento di queste sfide premia il giocatore con costumi e oggetti da collezione extra.

Abbiamo notato che, durante il gameplay singleplayer, non c’è la possibilità di un rapido riavvio per nessuna di queste battaglie. A lungo andare, a furia di tornare nel menù, ri-selezionare la sfida e rientrare in combattimento, il tutto è diventato frustrante. Abbiamo provato il titolo su PlayStation 5 che, sicuramente, velocizza queste noiose transizioni, ma per utenti Old-gen potrebbe diventare un buon motivo per accantonare questa modalità.

Nel complesso, tuttavia, la modalità All-Star Battle è un grande e netto miglioramento presente dalla versione originale, unendo tante funzionalità in una sola grande sfida.

Arcade e Multiplayer

Il gioco offre anche una modalità arcade, una piccola opzione in cui possiamo combattere in modo casuale con otto combattenti senza ricompense di sorta. Questa modalità non apporta particolari sfide all’interno del titolo, ma è comunque una piacevole aggiunta alle varie opzioni di gioco.

Jojo’s Bizarre Adventure: All-Star Battle R presenta anche una modalità multiplayer. Queste battaglie ci riportano indietro nel 2013, in quanto il team di sviluppo non ha voluto includere il netcode Rollback. Con una buona connessione si avrà un’esperienza gradevole e a tratti divertente; tuttavia, per gli utenti con una rete non propriamente all’avanguardia, i match online saranno al limite dell’ingiocabilità a causa dell’orrendo ritardo di input.

Purtroppo il titolo, per quanto riguarda il comparto multiplayer, vacilla un po’ proprio per il motivo elencato poco sopra. Il gioco ha tutte le carte in regola per essere un picchiaduro online avvincente, con una sana scena competitiva, ma l’implementazione online è incredibilmente ridotta all’osso. Nonostante abbia una modalità 3 contro 3 in stile King of Fighters e persino una modalità Torneo che inserisce i giocatori in fasce competitive, nessuna di queste è veramente accessibile online. La creazione delle varie stanze è molto complessa, oltre all’abbinamento casuale se si vuole entrare in una stanza già creata, pregando di trovare avversarsi con una buona connessione per non incappare in ritardi di input imbarazzanti.

Grafica e Sonoro

Graficamente, JoJo’s Bizarre Adventure: All-Star Battle R, è fantastico, senza dubbio, grazie al particolare stile del produttore del manga. Cyberconnect 2 in ogni caso è riuscita a cogliere tutti i dettagli ed a inserirli all’interno del titolo. Questa versione remasterizzata, prende principalmente gli stessi modelli del gioco del 2013, che nel complesso erano già perfetti, ma sono stati leggermente ritoccati a livello di texture. Su Playstation 5 il titolo gira bene a 60 FPS abbastanza stabili, abbiamo notato qualche rallentamento nelle fasi un pochino più concitate con tante azioni a schermo.

A livello di comparto sonoro, All-Star Battle R, presenta una bella colonna sonora composta da una varietà di canzoni. Tuttavia, il gioco non include molte delle famose canzoni della serie dell’anime, il che è un peccato perché avrebbe completato in modo epico il fan service.

Conclusioni

Anche se non è uno dei migliori titoli picchiaduro degli ultimi tempi, Jojo’s Bizarre Adventure All-Star Battle R è molto più avanti della sua versione originale del 2013, ed in generale di un tipico gioco a tema manga/anime. Purtroppo è un gioco con una nicchia di utenza molto specifica, in quanto sarebbe un titolo difficile da consigliare a qualcuno che non ha familiarità con il franchise, poiché senza l’aspetto del fanservice rimane un picchiaduro abbastanza basico con alcune modalità già viste e riviste. Tuttavia, per coloro che adorano JoJo, è un eccellente esempio di come fare il fan service nel modo giusto, e uno in cui puoi sentire l’amore e l’adorazione dei 35 anni di storia del franchise che scorre attraverso ogni parte del prodotto.

spot_imgspot_img
JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R, riedizione della versione originale del 2013, è un picchiaduro piuttosto divertente, con un gameplay ampio e variegato grazie al roster di oltre 50 personaggi e ci offre un numero enorme di combinazioni per le nostre combo. Sfortunatamente il gioco rimane nel passato con una modalità online non propriamente all'avanguardia. Nel complesso è un'esperienza piacevole sia per gli appassionati del genere che per gli appassionati del manga/anime. Questi ultimi riusciranno sicuramente a cogliere gli infiniti riferimenti fan service presenti nel gioco.
È una lettera d'amore a JoJo e alla sua storia.
7.5

Di cosa si parla nell'articolo:

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

Tales of Symphonia Remastered: annunciato per il 2023

Bandai ha annunciato Tales of Symphonia Remastered, una versione...

The Handmaid’s Tale: recensione 5×01

Ad ogni azione corrisponde una reazione, ed ogni azione...

God of War Ragnarok, rilasciato il nuovo story trailer!

Ieri notte si è tenuto un nuovo State of...
spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R, riedizione della versione originale del 2013, è un picchiaduro piuttosto divertente, con un gameplay ampio e variegato grazie al roster di oltre 50 personaggi e ci offre un numero enorme di combinazioni per le nostre combo. Sfortunatamente il gioco rimane nel passato con una modalità online non propriamente all'avanguardia. Nel complesso è un'esperienza piacevole sia per gli appassionati del genere che per gli appassionati del manga/anime. Questi ultimi riusciranno sicuramente a cogliere gli infiniti riferimenti fan service presenti nel gioco.JoJo's Bizarre Adventure: All-Star Battle R - la nostra recensione