Disney +: la piattaforma vuole limitare il “password sharing”

Gli abbonati Disney+ avranno accesso limitato se condividono le password. Ad agosto è arrivata la notizia che The Walt Disney Company si sarebbe unita a Netflix e avrebbe iniziato a limitare la condivisione delle password tra i suoi utenti. Come altri servizi di streaming, Disney+ inizierà a natura quando si fa accesso ad un account da diverse parti del mondo. Il Canada è stato il primo Paese coinvolto in questo processo. Il servizio canadese Mobile Syrup rivela i dettagli dell’email inviata agli abbonati a Disney+ canadesi, notando che “il contratto di sottoscrizione aggiornato sarà efficace alla loro prossima data di fatturazione, il 1 novembre 2023 o dopo.” Questo contratto vieta l’uso dell’account da parte di persone non appartenenti alla famiglia.

Secondo il servizio, l’email di Disney+ relativa alla fine del password sharing aggiunge: “Possiamo, a nostra esclusiva discrezione, analizzare l’uso del tuo account per determinare la conformità al presente contratto. Se determiniamo che l’utente ha violato il presente accordo, possiamo limitare o terminare l’accesso al Servizio e/o adottare qualsiasi altra misura consentita dal presente Accordo.” Questo avverrà in Canada a partire dal primo novembre. Gli abbonati statunitensi a Disney+ non hanno ancora ricevuto una notifica di questo tipo, ma accadrà presto.

La decisone di Disney +

“Stiamo attivamente esplorando modi per affrontare la condivisione degli account e le migliori opzioni per fare pagare gli abbonati che condividono i loro account con gli amici e la famiglia” ha detto il CEO di Walt Disney Company, Bob Iger, in precedenza. “Più avanti quest’anno, inizieremo ad aggiornare i nostri accordi di sottoscrizione con termini aggiuntivi e le nostre politiche di condivisione, e ci estenderemo con tattiche per guidare la monetizzazione a volte nel 2024.”

“Abbiamo già la capacità tecnica di monitorare gran parte di questo (password sharing). E non vi darò un numero specifico se non per dire che è significativo. Ma quello che non sappiamo naturalmente è, quando si arriverà a lavorare su questo, quanto il password sharing, visto che sostanzialmente lo elimineremo, si convertirà in crescita di abbonati” ha continuato Bob Iger. “Ovviamente, crediamo che ci sarà qualcosa, ma non stiamo speculando. Quello che stiamo dicendo, però, è che nel calendario 2024 arriveremo a questo problema. E così, è probabile che vedrete qualche impatto nel calendario ’24. È possibile che non avremo finito o il lavoro non sarà completato entro l’anno solare, ma certamente abbiamo stabilito questo come priorità reale e realmente pensiamo che ci sia un’occasione qui, per aiutarli a sviluppare il nostro commercio.”

Gli spettatori possono non essere d’accordo sulla decisione da parte di queste piattaforme di eliminare il password sharing. Tuttavia, secondo Netflix, è stata in realtà una buona cosa per la loro attività. In una recente riunione sui guadagni, Netflix ha confermato che, quando hanno annunciato la fine della condivisione delle password, c’è un aumento delle cancellazioni degli abbonati come risultato. Dopo questo, però, nuovi abbonati hanno iniziato a iscriversi, provocando una crescita netta nel trimestre più recente. È possibile che Disney+ veda una tendenza simile.

Che cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti e non dimenticate di iscrivervi alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati su Film e Serie TV.

CORRELATI