Erazer Major X20: la nostra Recensione

Erazer, azienda tedesca di elettronica, si sta piano piano affermando sempre di più nel mercato del gaming. L’offerta nel loro listino è molto variegata, suddivisa in diverse fasce di prezzo che comprendono, ovviamente, differenti hardware. Recentemente in redazione abbiamo avuto la possibilità di provare il modello Erazer Major X20, un modello di fascia alta che non ha niente da invidiare alle più comuni configurazioni fisse.

Il Major X20 è un notebook formidabile, equipaggiato con una Nvidia GeForce RTX 4070, abbinata ad un Intel Core i9 e 32Gb di Ram DDR5 – il tutto alla modica cifra di 2349€. È presente nel listino anche una versione “meno potente“, con componenti simili ma con un i7 a circa 300€ in meno. Il peso di questo portatile è notevole, anche se in questa fascia di prestazioni, difficilmente si vanno a guardare i KG, si parla, infatti, di circa 2,38kg.

È dotato di uno schermo da 16 pollici con una risoluzione di 2560×1600 pixel, un taglio decisamente particolare considerato il mercato attuale. Non solo le immagini restituite hanno un dettaglio invidiabile, e questo si nota soprattutto durante il gioco, ma anche un’ottima visione d’insieme, sia per la sua declinazione ludica che per qualsiasi altra applicazione. I 1600 pixel di altezza permettono, ad esempio, di scorrere meglio una pagina web o un file Excel. Il pannello IPS dell’Erazer ha una frequenza di aggiornamento di 240 Hz che, secondo gli standard, dovrebbe coprire l’intera gamma di colori sRGB e avere una luminosità di 350 nit.

Specifiche Tecniche

Riprendendo quanto detto poco sopra, qui di seguito potete trovare le specifiche dettagliate del Major X20:

  • Processore: Intel Core i9-13900HX
  • Core/thread: 24 (8E + 16P) / 32 thread
  • Frequenza massima di clock: 5GHz
  • GPU: NVIDIA GeForce RTX 4070 Laptop – 8 GB VRAM
  • RAM: 2 x 16 GB DDR5-4800
  • SSD: Phison E18 1TB
  • Wi-Fi: Intel Wi-Fi 6 AX211
  • Ethernet: Realtek 2,5Gbit/s
  • Schermo: 16 pollici, Full HD, 2560×1600 pixel, IPS, opaco, 240Hz
  • USB-C: 1 x Thunderbolt4
  • USB-A: 3 x 5Gbit /s
  • HDMI: Sì
  • Webcam: 2 megapixel
  • Peso: 2,38 kg
  • Batteria: 80Wh
  • Sistema operativo: Windows 11

Design

Questo portatile offre ben tre porte USB-A – dato da non sottovalutare in questo recente periodo Type-C – tutte con una velocità massima di 5Gbit/s, utili quindi per collegare sia periferiche storage che altri dispositivi. Sul lato sinistro sono state collocate le connessioni audio, due ingressi separati per cuffie e microfono. A destra, oltre alle due connessioni USB, c’è spazio anche per un lettore di schede di memoria SD. L’ingresso ethernet e l’HDMI si trovano sul retro, così come la Thunderbolt 4.

Il layout della tastiera retroilluminata RGB è molto ben implementata all’interno dello chassis del notebook. Una volta che ci si abitua la tastiera funziona comunque alla grande, in quanto si affida a ottimi switch Cherry MX a basso profilo. La tecnologia di rete del portatile è ben studiata: Erazer ha integrato un chip di rete Realtek da 2,5 gigabit e un adattatore Intel per il Wi-Fi 6E. La webcam full HD è in grado di effettuare il login con il proprio volto tramite Windows Hello e cattura immagini non proprio nitidissime ma comunque funzionali.

Qualche dettaglio tecnico

Il processore montato all’interno del Major X20 è un Intel Core i9-13900HX, parte della famiglia Raptor Lake di Intel, che vanta la bellezza di 24 core, 8 veloci core P e 16 core E. Questo chip è in grado di lavorare simultaneamente su ben 32 thread e la velocità massima di clock è di ben 5,4 GHz, mentre il consumo energetico raggiunge i 157 watt. La RTX 4070 installata ha 4608 core CUDA e 8 GB di memoria, che offre una larghezza di banda di 256,03 GB/s tramite un bus a 128 bit. Il produttore ha installato un’unità SSD da 1 TB, un disco diciamo “non di marca” con un controller Phison E18 che si collega al processore con una connessione PCI Express 4.0×4.

All’interno dello chassis c’è spazio per una seconda unità SSD, il che è piuttosto comodo considerando il recente calo dei prezzi delle varie unità o anche alla costante crescita della dimensione dei videogiochi. Inoltre, in questa configurazione troverete 32 GB di RAM, che sono più che sufficienti per quasi tutte le attività immaginabili. La memoria è distribuita su due moduli DDR5-4800 che possono essere sostituiti se necessario. Il lato negativo del prodotto, tuttavia, è che l’hardware integrato richiede una grande quantità di energia non indifferente, a pieno carico, infatti, la batteria dura meno di due ore, il che ci costringerà a portarci dietro l’alimentatore da ben 1kg.

Come si comporta lato Gaming?

Con tutte queste incredibili componenti hardware sarà possibile avviare tutti i videogiochi, anche quelli che richiedono maggiore potenza di calcolo, senza troppi problemi. Non abbiamo bisogno di dover sacrificare la grafica per le prestazioni o viceversa. Ciò è ovviamente reso possibile grazie anche alla tecnologia di Nvidia che, grazie al suo DLSS, ci ha permesso di giocare a Cyberpunk 2077 con risoluzione 2K con la modalità Ray tracing Ultra a circa 90fps.

Cyberpunk 2077 è solo la punta dell’iceberg, ma in ogni caso, difficilmente riusciremo a sfruttare appieno i 240 Hz di frequenza di aggiornamento dello schermo. Sarà infatti quasi impossibile raggiungerli, se non su giochi un po’ più vecchi e quindi più leggeri in termini di risorse richieste alla scheda video. In questi casi, però, potremo attivare il cap sui 240 fps per godere appieno del pannello installato su questo notebook.

Sono stati effettuati test su titoli usciti recentemente e, purtroppo, non tutti riescono a sfruttare il massimo dall’hardware in dotazione. Questo problema, forse, nasce principalmente dall’ottimizzazione, chissà se in futuro, con un’evoluzione dei motori grafici, potremo aver accesso ad una fedeltà maggiore.

Conclusioni

L’Erazer Major X20 è un notebook ben costruito, con una qualità eccelsa di materiali e componentistica hardware. Grazie alla combinazione di una scheda video RTX 4070 con l’Intel Core i9 della famiglia Raptor Lake, ci troviamo di fronte a una macchina che riesce a fornire prestazioni di gioco lodevoli in quasi tutte le situazioni, e nei casi peggiori la colpa non è nemmeno attribuibile all’hardware quanto alla difficile ottimizzazione, come dicevamo poco sopra, che molti titoli moderni hanno purtroppo ricevuto.

Per il resto, la dotazione dell’X20 è eccellente, 32 GB di RAM sono più che sufficienti per qualsiasi tipo di lavoro e lo spazio di archiviazione di 1 TB potrebbe essere limitante in alcuni casi, soprattutto considerando l’occupazione media dei giochi più recenti, ma fortunatamente è possibile aggiungere un’unità SSD supplementare senza problemi. Lo schermo ha una buona quantità di pixel ed è sufficientemente luminoso, peccato solo per la durata non eccezionale della batteria e per il peso considerevole, che ne limita leggermente la portabilità.

Cosa ne pensate di questo Notebook? Fatecelo sapere come sempre qui sotto nello spazio commenti e continuate a seguirci su Nerdpool.it!

Adatto principalmente ad un uso ludico, il Erazer Major X20 può dire la sua anche in altri campi, sempre in ambito informatico. Questo fantastico notebook di fascia alta permette di fruire in tutta comodità la totalità di quello che è il parco titoli odierno. I nostri test su Cyberpunk 2077 o, anche il più recente, Call of Duty Modern Warfare III hanno dato dei risultati pazzeschi, nulla da invidiare ad alcune delle configurazioni fisse più esose. Acquisto sicuramente consigliato per chi vuole avere il top.

CORRELATI

Adatto principalmente ad un uso ludico, il Erazer Major X20 può dire la sua anche in altri campi, sempre in ambito informatico. Questo fantastico notebook di fascia alta permette di fruire in tutta comodità la totalità di quello che è il parco titoli odierno. I nostri test su Cyberpunk 2077 o, anche il più recente, Call of Duty Modern Warfare III hanno dato dei risultati pazzeschi, nulla da invidiare ad alcune delle configurazioni fisse più esose. Acquisto sicuramente consigliato per chi vuole avere il top.Erazer Major X20: la nostra Recensione