Velvet – Una volta spia, sempre spia

L’industria dell’intrattenimento abbonda di spy-story, che sia in ambito letterario o in quello cinematografico. Diversi fumettisti hanno raccontato storie di spionaggio ed è facile trovare in queste molti cliché del genere. La differenza, spesso, sta nel modo di costruire l’intreccio e nella caratterizzazione dei personaggi. Come nel caso di Velvet, scritta da Ed Brubaker e disegnata da Steve Epting. I due avevano già collaborato su Captain America, portando nella serie una forte componente di spionaggio e dando vita a un ciclo memorabile. Con Velvet, pubblicata tra il 2013 e il 2016 per Image, sono tornati sul tema con una storia dal ritmo serrato, scritta e disegnata in maniera eccellente. SaldaPress ha appena pubblicato un omnibus con l’intera serie e ora vi spieghiamo perché dovreste leggerla!

Velvet Omnibus – Ed Brubaker, Steve Epting; SaldaPress

Nessuno smette mai di essere una spia

Velvet Templeton è la segretaria personale del direttore di un’agenzia di spionaggio. Quando il più grande agente segreto del mondo, e suo ex amante, viene ucciso, capisce che qualcosa non va e cerca di scoprire la verità. Ma qualcuno è anche sulle sue tracce e Velvet diventa la prima indiziata per l’omicidio. La donna nasconde infatti un oscuro segreto: dietro i panni della segretaria si nasconde una spia, considerata a lungo come la donna più pericolosa del mondo. Braccata e costretta alla fuga, dovrà riportare a galla i ricordi del passato e cercare di risalire agli ideatori di un complotto che coinvolge l’intera agenzia.

- PUBBLICITÀ -
Il passato di Velvet – Velvet Omnibus – Ed Brubaker, Steve Epting; SaldaPress

Tanti possono dire di conoscere Velvet, ma pochi sanno quale sia la sua vera identità. Anni e anni di anonimato che crollano in un attimo, quando è costretta a rivelare il suo passato all’intera agenzia. Quello della spia non è un lavoro facile e per svolgerlo al meglio bisogna dedicarcisi al massimo, rinunciando per sempre ad avere una vita ordinaria e felice. Velvet lo sa molto bene e ha capito ormai da tempo quanto sia problematico affezionarsi ad altre persone. Cresciuta con un padre diplomatico, sin da piccola aspirava a diventare come le eroine di guerra di cui leggeva e che idolatrava, ma l’ingenuità della giovinezza non le faceva vedere tutto il lato negativo di questo lavoro. Vestiti nuovamente i panni della spia, Velvet cerca supporto da chi in passato ha collaborato con lei, ma deve capire di chi può fidarsi.

Il gioco più vecchio e pericoloso del mondo

Per molti lo spionaggio è un gioco, e questo paragone si porta dietro aspetti positivi quanto negativi. Bisogna essere disposti a tutto per portare a termine la missione, anche a indossare una maschera. Velvet lo sa bene e in passato, di fronte alla verità, ha dovuto compiere scelte difficili. È una donna forte e non ha paura di sporcarsi le mani, anche se sente di essersi ammorbidita con il passare del tempo. La storia inizia negli anni ’70, in piena Guerra Fredda, e la protagonista era già attiva sin dagli anni ’50. Sono tempi difficili per le relazioni diplomatiche, ma molto floridi per lo spionaggio, visto che le due grandi potenze cercavano qualsiasi strategia più o meno nascosta per colpirsi a vicenda. Nella sua caccia all’uomo, Velvet attraversa diversi Paesi e si troverà a fare i conti con alcune figure storiche ed eventi realmente accaduti.

Incastrata per omicidio – Velvet Omnibus – Ed Brubaker, Steve Epting; SaldaPress

Oggi le cose stanno cambiando, ma in passato capitava raramente di avere una donna come protagonista di una storia di spionaggio. Soprattutto una donna forte e indipendente, come Velvet. Brubaker ed Epting riescono in modo perfetto a restituirci il ritratto di una spia affascinante e attraente per l’aspetto esteriore, ma anche ben approfondita dal punto di vista psicologico. La violenza a cui ricorre in missione non è mai gratuita e il suo lungo addestramento l’ha resa la migliore in circolazione. Inoltre, Velvet si trova spesso a riflettere sul suo lavoro e sulla moralità delle sue azioni, allontanandosi da una visione più patriottica ed eroica della spia, presente nei racconti di tanti scrittori. L’intreccio si sviluppa in maniera eccellente nei quindici capitoli che compongono la serie e i colpi di scena sono ben calibrati, rendendola una lettura davvero super consigliata agli amanti delle spy-story.

- PUBBLICITÀ -

Infine, l’edizione SaldaPress è ancora una volta arricchita da un super apparato redazionale. Oltre alle cover troviamo il trailer a fumetti che presentava la serie e due articoli di approfondimento sulla narrativa di spionaggio e sulla figura dei comprimari femminili. Qui sul sito vi abbiamo già parlato di Incognito, Friday, Fatale e Night Fever. Scegliete quella che vi ispira di più e partite con la lettura delle opere di Brubaker…non resterete delusi/e!

I più letti

Bad Boys 4: Ride or Die – ci sono scene post-credits?

Sono passati quasi trent’anni dall’esordio su schermo dei due...

Anteprima Panini 394 è online: ecco tutti i dettagli e il PDF!

Finalmente ci siamo! Anteprima 394 è online! Possiamo finalmente...

Bridgerton 3: la recensione della seconda parte

É disponibile da oggi, su Netflix, la seconda parte della...

Jujutsu Kaisen Stagione 3: uscita, novità e tutto quello che sappiamo

Dopo una stagione 2 ricca di azione, ecco cosa...

Fire Force Stagione 3: uscita, personaggi e tutto ciò che sappiamo

Dopo più di due anni dal suo annuncio, i...
spot_img
Correlati
spot_img
Ed Brubaker e Steve Epting confezionano una storia davvero notevole da ogni punto di vista. Un racconto di spionaggio che alterna bene il lato più psicologico con quello d'azione e nella quale seguiamo la protagonista Velvet Templeton in un'indagine che risale al suo passato e che la porterà a riconsiderare tutto quello che ha sempre saputo. Da leggere tutta d'un fiato, grazie anche all'edizione integrale pubblicata da SaldaPress con un ottimo apparato redazionale. Velvet - Una volta spia, sempre spia