Google Stadia: iniziano le procedure di rimborso

Non molto tempo fa, Google ha annunciato la chiusura del servizio di cloud gaming Google Stadia. I giochi sul servizio non saranno più riproducibili a partire da metà gennaio 2023.

Attualmente, diverse società videoludiche si stanno impegnando per aiutare gli utenti a conservare i dati salvati e ora abbiamo ricevuto un aggiornamento relativo alla procedura di rimborso per gli utenti che hanno acquistato il servizio.

In un recente aggiunta alle FAQ , Google ha annunciato che a partire da ieri (9 novembre) stava iniziando a rimborsare gli utenti Stadia. Secondo l’annuncio, Stadia tenterà di elaborare automaticamente i rimborsi per tutti gli acquisti di giochi, contenuti aggiuntivi e costi di abbonamento effettuati tramite lo Stadia Store.

I clienti che hanno effettuato 20 o meno acquisti nel negozio riceveranno un’e-mail per ogni transazione effettuata mentre i rimborsi vengono elaborati. Nel frattempo, gli utenti che hanno effettuato 21 o più acquisti riceveranno un’email con il riepilogo di tutti i tentativi di rimborso. Se necessario, questa e-mail fornirà istruzioni sui passaggi aggiuntivi necessari per aiutare nel processo di rimborso.

Questo processo richiederà del tempoGoogle prevede che la maggior parte dei rimborsi per Google Stadia verrà elaborata entro il 18 gennaio 2023. Il processo aiuterà anche gli utenti che hanno persino eliminato i propri account Google. Ciò include anche i rimborsi hardware.

Sfortunatamente, gli abbonamenti a Google Stadia Pro non sono rimborsabili. Ai giocatori che avevano un abbonamento Stadia Pro attivo a partire dal 29 settembre 2022, non verranno addebitati costi per l’accesso alla propria libreria Pro o ad altri diritti di abbonamento durante il periodo di chiusura.

Cosa ne pensate della dipartita di questo servizio di Google? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguirci su Nerdpool.it.

CORRELATI