Martin Scorsese difende la durata complessiva di Killers of the Flower Moon

Scorsese risponde alle critiche dei fan sulla durata di 3 ore e mezza del film

Killers of the Flower Moon sta per arrivare e sembra già essersi proclamato come l’epico blockbuster di Martin Scorsese. Nel periodo precedente al debutto, una caratteristica ha fatto molto discutere: la durata del film, che ammonta a tre ore e ventisei minuti complessivi. In una recente intervista con The Hindustan Times, Scorsese ha affrontato il tema delle lamentele di alcuni spettatori riguardo la durata e ha sostenuto che negli ultimi tempi, il pubblico si è abituato a vedere altri contenuti di maggiore durata.

“La gente si lamenta delle tre ore, ma suvvia…”, ha spiegato Scorsese, “tutti siamo in grado di sederci davanti alla TV e guardare qualcosa per cinque ore. Molte persone che oggi vanno a teatro lo fanno per ben 3 ore e mezza. Con veri attori sul palco, non si azzardano certo ad andarsene in giro. Inviterei a riservare lo stesso rispetto quando si è al cinema.”

- PUBBLICITÀ -

Killers of the Flower Moon è basato su una storia vera?

Killers of the Flower Moon è basato su Gli assassini della terra rossa di David Grann. Nonostante il libro sia ambientato dal punto di vista del ranger Tom White, l’autore ha elogiato la maniera in cui Scorsese ha deciso di adattarlo.

“Sono stato sul set per alcuni giorni”, ha detto Grann in una recente intervista a Vanity Fair. “E sono rimasto davvero colpito da come siano riusciti a dare corpo a questi personaggi, mettendo in risalto le verità nascoste della storia. Leo [DiCaprio] sembrava avesse acquisito totalmente l’essenza di Ernest Burkhart. E Lily Gladstone nei panni di Mollie ha una tale sensibilità e carica emotiva… davvero strabiliante, almeno da quello che ho visto.”

“Ciò che mi ha colpito di Scorsese e degli attori è stato il livello di impegno, e la quantità di ricerca che è stata fatta per comprendere al meglio la storia. Un approccio vorace, quasi storicistico, nel voler conoscere ogni testimonianza o trascrizione, nel voler parlare con i membri della comunità Osage e con i loro discendenti”, ha continuato Grann. “La produzione si è avvalsa di esperti del linguaggio Osage, che affiancavano gli attori per assicurarsi che fossero tecnicamente in grado di riportare il linguaggio specifico nelle scene. C’è una scena in cui parlano molti membri del consiglio tribale Osage, e penso che siano stati proprio i dialect coach a rendere impeccabili i dialoghi. Penso che chiunque troverà il film vigoroso e potente.”

- PUBBLICITÀ -

Di cosa parla Killers of the Flower Moon?

In Killers of the Flower Moon, nell’Oklahoma nord-orientale degli anni ’20, i membri della tribù Osage vengono sterminati in circostanze misteriose, innescando le indagini dell’FBI diretta dal 29enne J. Edgar Hoover e dall’ex Texas ranger Tom White, un uomo di legge vecchio stampo.

Altri membri del cast sono: Tantoo Cardinal, Louis Cancelmi, Jason Isbell, Sturgill Simpson, Tatanka Means, Pat Healy, Scott Shepherd e Gary Basaraba.

E tu, cosa ne pensi a proposito della durata del film? Faccelo sapere nei commenti qui sotto!

Killers of the Flower Moon uscirà in sala il 19 ottobre.

I più letti

Bad Boys 4: Ride or Die – ci sono scene post-credits?

Sono passati quasi trent’anni dall’esordio su schermo dei due...

House of the Dragon: quante stagioni ci saranno?

HBO starebbe definendo i piani per il futuro di...

Fire Force Stagione 3: uscita, personaggi e tutto ciò che sappiamo

Dopo più di due anni dal suo annuncio, i...

Demon Slayer Stagione 5: Quando usciranno altri episodi?

Con la quarta stagione di Demon Slayer in corso,...

Jujutsu Kaisen Stagione 3: uscita, novità e tutto quello che sappiamo

Dopo una stagione 2 ricca di azione, ecco cosa...
spot_img
Correlati
spot_img