IN EVIDENZA

Street Fighter V si riempie di pubblicità

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

La Capcom Cup 2018, tappa conclusiva dell’annuale Capcom Pro Tour di Street Fighter V, inizierà sotto una tempesta di polemiche dovute all’ultimo aggiornamento del picchiaduro della casa di Osaka, con l’introduzione degli ads in-game.

Street Fighter

Questi Ad Style sono attivabili/disattivabili dal menu principale e vanno a modificare l’aspetto degli outfit e di alcune arene, includendo il logo del Pro Tour. Tenerli attivati porterà ad ottenere una quantità bonus di FP (Fight Points) per poter acquistare gratuitamente i vari DLC.
Ciò che ha causato una risposta negativa dalla community di giocatori è la pigrizia di Capcom stessa nell’implementarli.

Per esempio la collana di teschi di Dhalsim, con teschi appartenuti a dei bambini morti durante una piaga nel suo villaggio, viene totalmente ridicolizzata, così come il kanji caratteristico di Akuma sulla sua schiena.

Street Fighter

Cosa ne pensate? Che questa pratica degli ads in-game possa portare gli sviluppatori a cavalcarne l’onda come con le loot boxes, oppure si tratta di un semplice caso singolo? Per vedere tutte le altre notizie di NerdPool relative ai videogiochi e non perderti proprio nulla clicca qui.

Leggi anche:

FONTE:Polygon

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...