IN EVIDENZA

Studio Ponoc: Yoshiaki Nishimura parla di Modest Heroes

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
195FollowerSegui

In un'intervista il regista parla del prossimo film in uscita e progetti futuri

Studio Ponoc, recentemente il sito ComicBook.com ha incontrato il produttore Yoshiaki Nishimura. Come sappiamo dopo aver lavorato per anni presso lo Studio Ghibli, ha fondato Studio Ponoc e lo scorso anno ha esordito con Mary e il fiore della strega.

ComicBook.com ha intervistato Nishimura, il quale ha parlato del prossimo film, Modest Eroes e sui progetti futuri. Il team di Nerdpool.it ha tradotto l’intervista! Enjoy!

ComicBook.com: Mary e il fiore della strega è stato il film d’esordio dello studio, cosa ne pensi del successo del film in Occidente?

Yoshiaki Nishimura: Sono molto felice per il successo di Mary e il fiore della strega in Occidente, ma quando ripenso a come Ponoc ha iniziato, GKIDS e tutti coloro che sono coinvolti nel film, sono molto grato per tutti coloro che sono stati coinvolti nel portare Mary e il fiore della strega ad ovest.

Il successo del film aggiunge pressione sulla riuscita dei progetti futuri?

Se fossimo Disney o Pixar, sì, forse potrebbe esserci una pressione aggiuntiva [ride], ma ci sentiamo studio indipendente. Quindi sì, è spaventoso pensare che se faremo fiasco in futuro, dovrò alzare le mani e andare in pensione. Ma generalmente non sento alcuna pressione.

Modeste Heroes, dei cortometraggi, è una sorta di esperimento? Un modo per Studio Ponoc di far uscire fuori come lavorerete in futuro?

Quindi, Modest Heroes non è necessariamente una prefigurazione di quello che potrebbe essere il lavoro di Studio Ponoc – Sto guardando all’intrattenimento generale di questo momento. Ci sono tantissimi sequel e reboots. Il problema è che se continuano a farlo, il pubblico si annoierà. Noi di Studio Ponoc, vogliamo continuare a creare cose nuove e guardare sempre aventi, prima che qualcuno si accorga di essere annoiato. Stiamo continuando a sperimentare. Quindi, Modest Heroes non è necessariamente un esperimento; è qualcosa che doveva essere fatto in quel momento per il nostro studio. Sentivamo di aver bisogno di farlo.

Se uno dei cortometraggi avesse più successo degli altri, ci sarebbe spazio per farlo diventare un lungometraggio?

La nostra decisione di lavorare su cortometraggi ha significato contenere la storia nel cortometraggio. Non è mai stato pensato per essere, “Oh, pubblichiamo un cortometraggio come test per un lungometraggio completo”. Dei tre, il più possibile sarebbe “Kanini & Kanino”, ma sono tutti contenuti nei loro film. E onestamente, se [avessimo] pensato di farne un lungometraggio, l’avremmo resa una caratteristica dal principio.

Ciascuno dei cortometraggi ha un filo conduttore, quale diresti sia il tema principale di Modest Heroes?

Inizialmente questa antologia doveva essere di quattro cortometraggi e il quarto si chiamava Vita. Il quarto corto sarebbe stato realizzato da Isao Takahata, ma purtroppo è scomparso. Doveva essere una riflessione sulla vita quotidiana con la nascita, la morte e la forza della vita. La scena di Takahata doveva essere “Death”, ma non è più possibile, quindi abbiamo iniziato a lavorare su tre. Mettendo da parte il tema della vita, ci siamo resi conto che c’era un altro tema importante. Quali erano gli eroi quotidiani, invisibili.

Non stiamo parlando di eroi della Marvel o della DC [ride], ma solo degli eroi di tutti i giorni intorno a noi. Volevamo sostenere queste persone e far luce su di loro, perché queste persone vivono le loro vite quotidiane. Questo è il tema centrale dei tre cortometraggi.

Hai accennato a come hai deciso un nuovo tema quando hai lavorato con i tre corti esistenti, quindi il primo tema è stato deciso prima di lavorare sui cortometraggi? O è accaduto tutto allo stesso tempo?

Abbiamo deciso per primo un tema. Inizialmente mi sono seduto con i quattro registi e, come produttore, ho detto loro che il tema sarebbe stato “Vita”. [Loro] dovrebbero essere in grado di usare un nuovo approccio e un modo di esprimere nella [loro] animazione. Un altro elemento era che qualcuno doveva essere salvato. Almeno una persona doveva essere salvata. Dopodiché, parlai con i registi di quali disegni volevano usare e gli diedi dei suggerimenti.

C’è un particolare processo per decidere quali registi hai voluto per questa antologia?

Avevo già in mente i registi. Il regista Yonebayashi con cui avevo lavorato prima. Momose è nel settore da 30 anni, è un grande animatore. E mi sono sempre chiesto, “Wow, come sarebbe lavorare con lui e fargli creare qualcosa”. Il direttore Yamashita, era il suo braccio destro di produzione. Quindi era una combinazione di persone con cui avevo lavorato e con cui non avevo lavorato. Ho pensato che questa combinazione avrebbe avuto successo.

Qualcuno dei cortometraggi ti rappresenta più degli altri? È possibile che tu abbia un preferito?

Come produttore, ho lavorato a stretto contatto con tutti e tre, e non ho un preferito, li amo tutti! Ciò che è stato interessante su Modest Heroes è che è stato effettivamente distribuito nei cinema, cosa rara. Siamo stati in circa 100 sale in Giappone è anche distribuito un questionario a chi ha visto il film. Ciò che è stato interessante è che è stato suddiviso equamente, il 33% per ciascuno. Probabilmente suppongo che Kanini & Kanino è ciò che i bambini amano, La vita non sta per perdere è forse ciò che le mamme amano, e Invisibile è ciò che i papà amano.

Ora che hai un’antologia alle spalle, pensi che più facile la prossima volta?

Penso che sarà molto più difficile di questo. Perché con altri cicli di cortometraggi, vorrei lavorare con diversi registi anche al fuori dal Giappone. Voglio esplorare lavorando con registi occidentali. Che cosa succederebbe se un regista più specializzato con CG e lo portassi nello Studio Ponoc dove si lavora con animazione 2D? O lavorare con registi francesi; cosa succederebbe se mettessi insieme un regista francese con un regista giapponese? Cerchiamo sempre cose che la gente non ha mai visto.

C’è qualcuno che sta attirando la tua attenzione in questo momento?

Sì, c’è, ma non posso dire nulla adesso [ride].

Hai già idee per i temi futuri di queste antologie?

Sì, ne ho già 10 in programma [ride].

Cosa vuoi che il pubblico porti a casa dalla visione di Modest Heroes?

La cosa interessante è che era che molte persone, che hanno visto il film in Giappone, non avevano mai visto cortometraggi prima d’ora. Nel film, c’è un inizio, una fine, tipo “OK, questa è la fine della storia”. Ma in quei 15 minuti spero di essere arrivato al nocciolo della questione, cioè un approfondimento sull’essenza della vita. Spero che le persone possano almeno intravedere, ciò che crediamo che sia l’essenza della vita.

Leggi Anche:

ARGOMENTI CORRELATI

FONTE:ComicBook

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
195FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...

I PIÙ VISTI DI OGGI

Fortnite, Stagione 4: tutti i dettagli dell’update 14.40 – LIVE

Anche questa settimana il tweet sull’account ufficiale @FortniteStatus ci ha confermato l'avvento dell'update 14.40 con il solito periodo di downtime per le ore 10:00 (ora italiana). La...