EVO Logo

Eccoci qua, giunti al termine dell’EVO 2019, la più grande competizione incentrata sui picchiaduro che, anche quest’anno, ci ha fatto esaltare come pochi. Nove competizioni principali (per non parlare dei tornei secondari e dell’AnimEvo) in cui, i giocatori più bravi del mondo si sono sfidati dando spettacolo.

Abbiamo quindi potuto assistere a Super Smash Bros Ultimate – con numeri da urlo – seguito da Street Fighter V: Arcade Edition, Tekken 7, Samurai Shodown, Mortal Kombat 11, Dragon Ball FighterZ, Under Night In-Birth Exe: Late [st] (d’ora in poi UNIST), Soulcalibur VI e infine, Blazblue: Cross Tag Battle.

Quella dell’EVO 2019 è stata inoltre un’edizione da record, con serie che hanno finalmente ricevuto le attenzioni meritate. Ci riferiamo in particolare a Samurai Shodown, che è stato il titolo SNK con più iscritti di sempre e UNIST, che per la prima volta è stato parte delle competizioni principali. E non sono mancati nemmeno i titoli che hanno riconfermato la loro importanza all’interno della Fighting Game Community, come SFV: AE o Tekken 7.

Soulcalibur VI

Ciascun torneo ci ha donato battaglie incredibili, ma sarebbe risultato un po’ difficile parlare di tutto, ragion per cui ci siamo soffermati sulle finali.

Cominciamo dunque con Soulcalibur VI, che ha visto sfidarsi Bluegod e Yuttoto. Il primo ha utilizzato un fastidiosissimo Azwel, mentre il secondo ci ha deliziati con il nostro compatriota Voldo. In questo caso non c’è molto da dire: si è trattato di uno scontro ad altissimo livello in cui Yuttoto è riuscito ad avere la meglio.

Under Night In-Birth Exe: Late [st]

Passiamo ad UNIST, un picchiaduro in stile anime dalla qualità eccezionale che, pur non raggiungendo picchi di complessità degni di un Guilty Gear, ha stile da vendere.

La finale è stata disputata da Oushuu-Hittou – capace di sopraffare l’abile Hishigata nella finale dei perdenti – e Clearlamp_O. I personaggi utilizzati sono stati rispettivamente Seth e Byakuya e hanno dato vita ad una battaglia dagli esiti non proprio scontati. Alla fine, ha prevalso Clearlamp_O con il suo Byakuya e ci dispiace per il povero Hittou che ha giocato molto bene.

Dragon Ball FighterZ

Per quanto riguarda Dragon Ball FighterZ, quest’anno c’è stato un notevole calo di iscritti al torneo, ma non sono comunque mancati momenti di un certo spessore. La finale è stata disputata da SonicFox – che si riconferma un abilissimo giocatore – e GO1. Entrambi i giocatori hanno dato il meglio di sé ma alla fine, inaspettatamente, l’ha spuntata GO1.

Samurai Shodown

Samurai Shodown ci ha riservato diversi scontri interessanti, in particolare ci sentiamo di menzionare quelli giocati dal mitico Alex Valle con il suo Galford.

La finale però è stata disputata da Infiltration (Genjuro) – tornato sulla scena proprio per l’EVO 2019 dopo un periodo di allontanamento – contro Kazunoko (Haohmaru). Il duello mortale tra samurai si è rivelato incredibilmente intenso e alla fine ha prevalso Infiltration.

Mortal Kombat 11

La finale di Mortal Kombat 11 ha visto scontrarsi SonicFox con Cassie Cage contro Dragon e la sua Cetrion. Data la bravura di SonicFox nei giochi NetherRealm, non siamo affatto sorpresi della sua vittoria.

BlazBlue: Cross Tag Battle

BBCTB è un altro di quei giochi che pur non raggiungendo tecnicismi estremi risulta divertente sia da guardare che da giocare. La vittoria finale è stata contesa da Shinku (Yang/Ruby) e Kyamei (Akihiko/Mitsuru). Infine, dopo una serie di match agguerriti, ha prevalso proprio Skinku con una vittoria inaspettata e meritatissima.

Street Fighter V: Arcade Edition

Ogni anno, durante l’EVO Street Fighter V brilla di luce propria e ci ricorda perché si tratta di uno dei migliori picchiaduro sulla scena. Nel corso del torneo abbiamo assistito a incontri spettacolari che sono infine culminati nella finale disputata tra Big Bird e Bonchan. Lo scontro è stato a dir poco agguerrito e alla fine ha vinto proprio quest’ultimo, con un counter davvero impressionante.

Tekken 7

L’EVO 2019 ha dimostrato che l’interesse nei confronti di Tekken 7 è più forte che mai e sembra che la serie sia tornata alla gloria di un tempo. Il sistema di combattimento risulta fluido e spettacolare e la finale disputata da Arslan Ash e Knee ne è un ottimo esempio. L’eccitante scontro si è infine concluso con la gloriosa vittoria di Arslan Ash e della sua letale Kazumi, semplicemente spettacolare.

Super Smash Bros Ultimate

Concludiamo questa panoramica sulle finali con Smash, che con questo EVO 2019 ha ottenuto un numero di iscrizioni superiore a quelle ottenute l’anno scorso. Smash Bros Ultimate ha infatti riunito tutti i giocatori provenienti da Melee e da Smash Wii U, con risultati impressionanti.

Per quanto riguarda la finale, è stata giocata da Tweek (con l’allenatore Pokémon) contro MKLeo (con Joker di Persona 5). Entrambi i giocatori hanno dimostrato la loro abilità, ma alla fine è stato proprio MKLeo ad aggiudicarsi la sudatissima vittoria.

L’Evolution è uno dei panorami eSport più belli in assoluto, non avrà il seguito dei campionati relativi ai giochi più blasonati dalla massa, ma di sicuro merita di essere seguito in virtù della vastissima profondità e varietà definita dal genere dei picchiaduro.

Tanta azione e tanto spettacolo sono sempre seguiti da succulenti annunci, che rimarcano la bellezza di questo genere che potete trovare in un articolo dedicato, in arrivo nelle prossime ore.

Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate dell’EVO 2019 e continuate a seguire NerdPool.it per restare aggiornati sul fantastico mondo dei picchiaduro.

Scrivi qui il tuo commento...