IN EVIDENZA

Star Trek: Picard, recensione (no spoiler) dei primi cinque episodi . Un ritorno al passato che vi lascerà un sorriso nel presente

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
196FollowerSegui

Torna Jean-Luc Picard al massimo della sua forma, in una nuova serie tv che vi lascerà stupefatti.

Diciamoci la verità: i primi esordi di Amazon Prime Video avevano generato qualche dubbio.

Un catalogo ristretto, titoli diversi dall’originale ma poco attrattivi unito a quella che sembrava (e lo sembra ancora, ad onor del vero) un’ascesa inarrestabile di Netflix.

Poi le cose hanno cominciato a prendere una piega differente.

Amazon Prime Video ha cominciato ad fare investimenti cospicui sia nella promozione dei suoi prodotti sia nella produzione o nell’acquisto di prodotti di qualità da distribuire sulla sua piattaforma, sfornando prodotti di qualità via via crescente e mentre tutti (non negatelo) stiamo aspettando la serie tv ambientata nel mondo de Il Signore degli Anelli, abbiamo potuto godere di intrattenimenti con trame, attori, qualità degli effetti speciali di assoluto pregio.

Sto parlando, solo per citarne alcuni: The Man in the High Castle, Tom Clancy’s Jack Ryan, Carnival row, The Boys, God Omens, Doom Patrol .

carnival row: recensione serie di amazon prime video con orlando bloom
Carnival Row, uno degli ultimi prodotti Amazon Prime Video.

Tutte serie tv estremamente diverse tra di loro e con fortune alterne, ma che sono state l’esempio lampante e concreto di un’evoluzione del catalogo Amazon Prime Video.

Star Trek: Picard si inserisce perfettamente in questo filone.

Un’azzardo ben riuscito

Parlare di Star Trek è come parlare, in senso di sacralità e delicatezza, di Star Wars.

Orde di fan ben agguerriti saranno sempre pronti a difendere a spada tratta la propria creatura da nuovi esperimenti così come accettare qualsiasi nuova produzione purchè gli si dia la possibilità di tornare in quel mondo almeno una volta.

Quando J.J riprese in mano il mondo Star Trek con i due film rispettivamente Star Trek (2009) e Star Trek: into Darkness, si scatenarono le due fazioni mettendo non poco in difficoltà la volontà di andare avanti nel progetto.

Una scena tratta da uno degli ultimi film del mondo Star Trek con Chris Pine nel ruolo del Capt. James T.Kirk

Questa serie tv, quando venne alla luce la volontà di farla nascere, scatenò il fandom e si crearono parecchie aspettative.

Senza fare spoiler, posso già dirvi che il ritorno in formato serie tv del mondo Star Trek è stato sicuramente un azzardo ma ben riuscito.

Respirerete quell’aria familiare proveniente direttamente dal mondo di Star Trek: The Next Generation, sia per alcuni volti noti sia per quello spirito che aveva caratterizzato quel filone narrativo dove Sir Patrick Stewart aveva prestato il suo talento nel ruolo di Jean-Luc Picard.

Le prime puntate

Già dalle prime puntate capiamo che Amazon Prime Video , nel voler investire su questa serie tv di casa CBS All access (stessa casa di Star Trek Discovery ha voluto fare le cose per bene, non solo in termini di effetti speciali (anche l’occhio vuole la sua parte) ma anche in termini di sviluppo narrativo.

Jean-Luc Picard è tormentato dal suo passato, dalle persone (o quasi) a lui care perse ma soprattutto a quel ruolo di Ammiraglio/leggenda con cui non riesce a fare i conti e che la società stessa continua a non volergli togliere.

Una serie di eventi (molto ben pensati) lo riporteranno al centro di quell’attenzione che non voleva più rivivere con sviluppi della trama che andranno a anche ad approfondire aspetti centrali in Star Trek: The Next Generation.

Senza scendere troppo nei particolari, già dalle prime due puntate lo spettatore verrà catapultato in una Federazione apparentemente al massimo del suo splendore ma che cova alcuni oscuri segreti in cui Picard verrà coinvolto.

Vedremo tornare antichi nemici, sette religiose ed un focus niente meno sui Borg, con un coinvolgimento che lascerà di stucco i fan più preparati.

Nuova generazione vs The Next Generation

Il dubbio che avevo era se un “novello” avesse potuto godersi questa serie tv o se si sarebbe trovato di fronte ad un muro di connessioni incomprensibili. Il problema non era banale in quanto a seconda delle scelte si sarebbero potuti aprire scenari più o meno interessanti ai fini della trama.

Non posso, ovviamente, dare una risposta netta in quanto mancano ancora il 50% delle serie.

Quello che posso sicuramente dire è che i riferimenti sono tantissimi già dalle primissime scene ed è indubbio che molti dei tormenti che Picard dovrà affrontare potranno essere apprezzati solo se avete masticato un minimo Star Trek: The Next Generation.

Questo, però, non impedirà ad un neofita di poterne apprezzare la struttura globale senza perdersi in dubbi amletici che ne compromettano la comprensione e la godibilità della trama.

Una scena tratta dalla serie tv Star Trek: Picard

Cosa aspettarci?

Sulle dieci puntate previste, al momento, ne sono disponibili cinque. Siamo quindi al giro di boa.

I possibili sviluppi sono molteplici ma, se si mantenesse il livello raggiunto fino ad ora, sono certo che questa serie potrebbe collocarsi nel mondo Star Trek con dignità ed onore.

E’ presto per dire, infine, se il progetto sia stato già pensato con uno sviluppo narrativo di medio o lungo periodo.

La sensazione globale è quella di un progetto ambizioso ma con solide basi e che possa essere predecessore di un ritorno in pompa magna del mondo di Star Trek in tutto il suo splendore.

Giudizio complessivo

Tecnicamente parlando, le puntate sono molto ben strutturate, con una lunghezza media giusta (siamo sui 44 minuti) senza spiegoni che potrebbero forviare o, all’opposto, carenze narrative che possano far perdere il filo ad uno spettatore.

Infine, i vari personaggi vengono discretamente approfonditi anche se, per qualche caso, si potrebbe patire una certa superficialità nella caratterizzazione di alcuni di essi, senza comunque mai avere mancanze significative.

Star Trek: Picard, in questi suoi primi cinque episodi, amalgama molto bene il passato proveniente direttamente da Star Trek: The Next Generation con una produzione moderna, snella, visivamente godibile.

Se vi interessasse seguire lo sviluppo della serie tv Star Trek: Picard vi aspetto nelle prossime settimane!

Se ti andasse di leggere altri articoli, puoi seguirci su Facebook, Twitter ed Instagram.

ARGOMENTI CORRELATI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
196FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...

I PIÙ VISTI DI OGGI

Fortnite, Stagione 4: tutti i dettagli dell’update 14.40 – LIVE

Anche questa settimana il tweet sull’account ufficiale @FortniteStatus ci ha confermato l'avvento dell'update 14.40 con il solito periodo di downtime per le ore 10:00 (ora italiana). La...