IN EVIDENZA

Marvel: quella volta che Capitan America indossò un’armatura creata da Iron Man

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,453FansMi piace
1,560FollowerSegui
194FollowerSegui

Capitan America è il soldato definitivo. Grazie al siero del super soldato, Steve Rogers può combattere a livelli ineguagliabili in quanto a forza, agilità e resistenza. Lo ha dimostrato diverse volte al fianco degli Avengers, e come loro leader ha dato prova di grande intelligenza tattica.

Tuttavia, in qualche occasione il fisico di Cap lo ha abbandonato e ha dovuto contare solo sul suo scudo. Per fortuna, il suo compagno di squadra Tony Stark, alias Iron Man, è stato in grado di creare un’armatura personale per il Capitano.

Nelle storie di metà anni ’90, il siero del super soldato nel corpo di Cap iniziò a consumarlo dall’interno. I muscoli si indebolivano e Capitan America finì per perdere il controllo dei suoi movimenti durante un combattimento con Mr. Hyde e il membro della Società dei Serpenti Re Cobra. Per fortuna, Cap riuscì comunque ad abbattere i nemici, ma fu colpito improvvisamente da un attacco di cuore che lo lasciò paralizzato al 95%.

Advertising

In realtà, già sei ore dopo la diagnosi, Capitan America tornò a combattere grazie a un esoscheletro fornitogli da Tony Stark. Apparsa per la prima volta su Captain America #438, l’armatura permise al Vendicatore a stelle e strisce di muoversi liberamente e, per la prima volta, di volare. L’esoscheletro era equipaggiato con diverse armi non letali, incluso una specie di tessuto in Mylex capace di intrappolare gli avversari, un raggio di distorsione, un cannone ad aria compressa, visione telescopica e guanti elettromagnetici per lo scudo di Cap.

Cap indossò l’esoscheletro fino al numero #443, quando gli venne rivelato dal Corvo Nero che, pur permettendogli di muoversi, l’armatura non migliorava il funzionamento del suo cuore. Il misterioso eroe fornì a Cap l’infausta previsione che in 24 ore il siero lo avrebbe deteriorato a tal punto da fermargli il cuore portandolo alla morte.

Fidandosi di questa previsione, Capitan America passò il suo ultimo giorno di vita a visitare amici e nemici, cercando di riappacificarsi con tutti. Cap si dimise dagli Avengers e si diresse verso la Avengers Mansion per stendersi infine sul letto e aspettare il suo destino finale. Jarvis chiamò in aiuto gli altri Avengers, ma per quando arrivarono, il corpo di Steve Rogers era scomparso ed era rimasto solo l’esoscheletro.

Il numero successivo rivelò che il corpo di Cap era stato preso dagli agenti del Teschio Rosso, che era riuscito a mantenerlo in vita tenendolo in animazione sospesa e facendogli una trasfusione del suo sangue, essendo al tempo un clone dello stesso Cap.

L’esoscheletro non fu più tirato in ballo fino all’evento del 2014 Axis. In quella saga eroi e nemici si scambiarono di ruolo a causa di un incantesimo del Dottor Destino e di Scarlet. Su Axis #8, Steve Rogers, invecchiato e senza il siero, indossò l’armatura per proteggere il Teschio Bianco (la versione invertita del Teschio Rosso). La tuta fu danneggiata in uno scontro con Falcon, e non si è più vista.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

Vi ricordiamo che grazie a NerdPool potrete creare la vostra casella di fumetti presso L’idea che ti manca, non lasciatevi sfuggire questa occasione.

Advertising
Via:cbr

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,453FansMi piace
1,560FollowerSegui
194FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...