PUBBLICITÀspot_imgspot_img

The Handmaid’s Tale 4: Recap e recensione dei primi 3 episodi

Le prime tre puntate di The Handmaid's Tale fanno riflettere sul labile confine tra bene e male e ci trasportano nuovamente nel mondo di June e di Gilead. Un mondo distopico e crudele in cui il potere fa da sovrano. Fanno ben sperare per il seguito della stagione, quali saranno le conseguenze delle azioni di June e di quanto accaduto in questi primi 3 episodi?

The Handmaid’s Tale debutta finalmente con la quarta stagione regalandoci tre primi episodi da brivido ma, non esenti da critiche.

La quarta stagione della serie tv prodotta da Hulu è disponibile in Italia su Tim Vision dal 27 Aprile.

Qui il trailer della quarta stagione di The Handmaid’s Tale

Recap e Recensione dei primi 3 episodi

I primi tre episodi sono intitolati:

Pigs
Nightshade
The Crossing

Ci introducono in questa nuova stagione di The Handmaid’s Tale, che parte dal momento successivo allo sparo che ha colpito June (Elizabeth Moss).
Pensavate che sarebbe andata a guarire e riposare in un’idilliaca fattoria? E invece no, i pericoli per le ancelle non finiscono mai.

Dopo aver fatto partire, con grandi sacrifici un aereo con a bordo più di 80 bambini, le nostre ancelle e June si rifugiano presso una fattoria di proprietà di una giovane moglie e di un comandante molto anziano. Lì, si spogliano delle loro vesti di ancelle per rivestire il ruolo delle Marte ma, non è tutto oro ciò che luccica.
Scopriranno ben presto di non essere così al sicuro e, la giovane moglie del comandante non è l’angioletto che sembra.

The handmaid's tale 4: recap e recensione

Nel frattempo in Canada Serena e Waterford continuano ad essere sotto processo cercando di salvare se stessi a discapito dell’altro. Luke si divide tra attivismo e la cura di Nichole (la bimba nata da Nick e June) e Moira, Emily e Rita si occupano dei bambini appena arrivati. Operazione non semplice a quanto pare, perchè i bambini non sono poi così felici.

Quanto è labile il confine tra bene e male?
Noi stessi ne abbiamo avuto un accenno in questo ultimo periodo, chi decide cosa è giusto e cosa è sbagliato? Perchè dobbiamo sottostare a decisioni imposte da altri se a noi non sembrano giuste? Anche June nel corso delle stagioni si è spogliata del ruolo di ancella/vittima, per acquisire più forza e più consapevolezza. Ma, le decisioni che prende non sono giuste per tutti. Decidendo di salvare quei bambini ha messo in difficoltà le stesse persona che dovranno ora occuparsene in Canada, come spieghi a dei bambini piccoli il motivo per il quale in piena notte sono stati strappati dalle braccia di quelli che considerano i loro genitori?

E, per quanto June si prodighi per salvare tutte le ancelle anche lei non è esente da atti di egoismo. Salvare ciò che ama o salvare le sue amiche?

The handmaid's tale 4: recap e recensione
- Advertisement -

La linea tra bene e male, in The Handmaid’s Tale si fa sempre più sottile, noi stessi ci ritroviamo a chiederci sempre più disorientati, “Io cosa avrei fatto in questo caso?”.

E non solo, anche l’arco narrativo di Serena Waterford prende una piega decisamente interessante. Che tipo di conseguenza avrà nel suo rapporto, già ai ferri corti, con il marito? Che risvolti avrà sull’intera narrazione? Come è potuto accadere?

The handmaid's tale 4: recap e recensione

Io già non vedo l’ora di assaporare il prossimo episodi che sarà disponibile da domani: Milk.

E voi avete visto le prime tre puntate?
Cosa ne pensate?

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi tutte le curiosità e gli aggiornamenti!

IL NOSTRO VOTO

Le prime tre puntate di The Handmaid's Tale fanno riflettere sul labile confine tra bene e male e ci trasportano nuovamente nel mondo di June e di Gilead. Un mondo distopico e crudele in cui il potere fa da sovrano. Fanno ben sperare per il seguito della stagione, quali saranno le conseguenze delle azioni di June e di quanto accaduto in questi primi 3 episodi?
8
10

ARGOMENTI CORRELATI

LEGGI ANCHE

Resident Evil Village – Recensione dell’ottavo capitolo

A poco meno di un anno dall'annuncio, avvenuto nell'estate del 2020, Resident Evil Village...

Batman: Death Metal 2 – Recensione

Bentornati nel Metalverso, la realtà creata da Scott Snyder e Greg Capullo che fa...

La donna alla finestra: recensione del nuovo thriller disponibile su Netflix

È finalmente disponibile sulla piattaforma streaming di Netflix il nuovo film thriller con protagonista...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

4,863FansLike
1,560FollowersFollow
219FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

CORRELATI

Resident Evil Village – Recensione dell’ottavo capitolo

A poco meno di un anno dall'annuncio, avvenuto nell'estate del 2020, Resident Evil Village finalmente è arrivato. Sequel diretto dell'ottimo Resident Evil VII: biohazard,...

Batman: Death Metal 2 – Recensione

Bentornati nel Metalverso, la realtà creata da Scott Snyder e Greg Capullo che fa da sfondo alle vicende della miniserie evento Dark Nights: Death...

La donna alla finestra: recensione del nuovo thriller disponibile su Netflix

È finalmente disponibile sulla piattaforma streaming di Netflix il nuovo film thriller con protagonista Amy Adams, "La donna alla finestra", diretto da Joe Wright....

Dylan Dog Color Fest 37 – Recensione

I fan dell'Indagatore dell'Incubo non restano mai a corto di storie. Sergio Bonelli Editore ci ha abituato benissimo, con varie pubblicazioni a cadenza regolare...
spot_img
PUBBLICITÀspot_imgspot_img

I PIÙ VISTI DI OGGI