PUBBLICITÀspot_imgspot_img

The Handmaid’s Tale 4: Recap e recensione dei primi 3 episodi

Le prime tre puntate di The Handmaid's Tale fanno riflettere sul labile confine tra bene e male e ci trasportano nuovamente nel mondo di June e di Gilead. Un mondo distopico e crudele in cui il potere fa da sovrano. Fanno ben sperare per il seguito della stagione, quali saranno le conseguenze delle azioni di June e di quanto accaduto in questi primi 3 episodi?
PUBBLICITÀspot_imgspot_img

The Handmaid’s Tale debutta finalmente con la quarta stagione regalandoci tre primi episodi da brivido ma, non esenti da critiche.

La quarta stagione della serie tv prodotta da Hulu è disponibile in Italia su Tim Vision dal 27 Aprile.

Qui il trailer della quarta stagione di The Handmaid’s Tale

Recap e Recensione dei primi 3 episodi

I primi tre episodi sono intitolati:

Pigs
Nightshade
The Crossing

Ci introducono in questa nuova stagione di The Handmaid’s Tale, che parte dal momento successivo allo sparo che ha colpito June (Elizabeth Moss).
Pensavate che sarebbe andata a guarire e riposare in un’idilliaca fattoria? E invece no, i pericoli per le ancelle non finiscono mai.

Dopo aver fatto partire, con grandi sacrifici un aereo con a bordo più di 80 bambini, le nostre ancelle e June si rifugiano presso una fattoria di proprietà di una giovane moglie e di un comandante molto anziano. Lì, si spogliano delle loro vesti di ancelle per rivestire il ruolo delle Marte ma, non è tutto oro ciò che luccica.
Scopriranno ben presto di non essere così al sicuro e, la giovane moglie del comandante non è l’angioletto che sembra.

The handmaid's tale 4: recap e recensione

Nel frattempo in Canada Serena e Waterford continuano ad essere sotto processo cercando di salvare se stessi a discapito dell’altro. Luke si divide tra attivismo e la cura di Nichole (la bimba nata da Nick e June) e Moira, Emily e Rita si occupano dei bambini appena arrivati. Operazione non semplice a quanto pare, perchè i bambini non sono poi così felici.

Quanto è labile il confine tra bene e male?
Noi stessi ne abbiamo avuto un accenno in questo ultimo periodo, chi decide cosa è giusto e cosa è sbagliato? Perchè dobbiamo sottostare a decisioni imposte da altri se a noi non sembrano giuste? Anche June nel corso delle stagioni si è spogliata del ruolo di ancella/vittima, per acquisire più forza e più consapevolezza. Ma, le decisioni che prende non sono giuste per tutti. Decidendo di salvare quei bambini ha messo in difficoltà le stesse persona che dovranno ora occuparsene in Canada, come spieghi a dei bambini piccoli il motivo per il quale in piena notte sono stati strappati dalle braccia di quelli che considerano i loro genitori?

E, per quanto June si prodighi per salvare tutte le ancelle anche lei non è esente da atti di egoismo. Salvare ciò che ama o salvare le sue amiche?

The handmaid's tale 4: recap e recensione

La linea tra bene e male, in The Handmaid’s Tale si fa sempre più sottile, noi stessi ci ritroviamo a chiederci sempre più disorientati, “Io cosa avrei fatto in questo caso?”.

E non solo, anche l’arco narrativo di Serena Waterford prende una piega decisamente interessante. Che tipo di conseguenza avrà nel suo rapporto, già ai ferri corti, con il marito? Che risvolti avrà sull’intera narrazione? Come è potuto accadere?

The handmaid's tale 4: recap e recensione

Io già non vedo l’ora di assaporare il prossimo episodi che sarà disponibile da domani: Milk.

E voi avete visto le prime tre puntate?
Cosa ne pensate?

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi tutte le curiosità e gli aggiornamenti!

IL NOSTRO VOTO

Le prime tre puntate di The Handmaid's Tale fanno riflettere sul labile confine tra bene e male e ci trasportano nuovamente nel mondo di June e di Gilead. Un mondo distopico e crudele in cui il potere fa da sovrano. Fanno ben sperare per il seguito della stagione, quali saranno le conseguenze delle azioni di June e di quanto accaduto in questi primi 3 episodi?
8
10

TI POTREBBERO INTERESSARE

ARGOMENTI CORRELATI

LEGGI ANCHE

Star Wars: Visions, la recensione no spoiler della prima stagione

Star Wars: Visions è il nuovo prodotto d'animazione ambientato nella Galassia Lontana Lontana e in questa recensione no spoiler vedremo perché bisogna assolutamente guardare questo show!

Batman: Death Metal 7 – riflessioni sulla conclusione dell’evento DC Comics

Non è mai facile parlare del finale di un evento come Batman: Death Metal....

Death or Glory 1,2 – Recensione

Rick Remender è uno di quei nomi che fanno subito drizzare le orecchie a...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

CORRELATI

Star Wars: Visions, la recensione no spoiler della prima stagione

Star Wars: Visions è il nuovo prodotto d'animazione ambientato nella Galassia Lontana Lontana e in questa recensione no spoiler vedremo perché bisogna assolutamente guardare questo show!

Batman: Death Metal 7 – riflessioni sulla conclusione dell’evento DC Comics

Non è mai facile parlare del finale di un evento come Batman: Death Metal. Una storia carica di avvenimenti significativi, ricchissima di personaggi e...

Death or Glory 1,2 – Recensione

Rick Remender è uno di quei nomi che fanno subito drizzare le orecchie a qualsiasi lettore di comics. Nel corso degli anni ha dato...

Dylan Dog 419: Albachiara + 420: Jenny – Recensione

Dopo avervi recensito il numero 418 di Dylan Dog, Sally, la trilogia dedicata a Vasco Rossi e alle donne più famose delle sue canzoni,...
spot_img
PUBBLICITÀspot_imgspot_img