Harry Potter e l’Ordine della Fenice: il finale spiegato

La fine dell'Ordine della Fenice include molti momenti formativi nel viaggio di Harry Potter, ponendo le basi per gli ultimi titoli della serie.

Il finale di Harry Potter e l’Ordine della Fenice contiene alcuni dei punti più emozionanti e importanti della trama dell’intero franchise e, anche se all’inizio può sembrare complicato, ci sono diversi dettagli nel film che possono essere utilizzati per spiegare la scioccante conclusione della storia. La maggior parte della narrazione è incentrata sull’ascesa al potere di Voldemort all’interno del mondo magico e il finale del film dimostra che il Signore Oscuro non si fermerà davanti a nulla per impedire a Harry e ai suoi amici di sconfiggerlo. L’Ordine della Fenice è un chiaro punto di svolta per il franchise: da qui in poi le cose possono solo diventare più cupe.

Fin dai tempi de La Pietra Filosofale, Voldemort è stato considerato il mago più pericoloso del mondo intero e L’Ordine della Fenice è la prima volta che diventa una vera minaccia per gli eroi. Dopo la sua resurrezione nel Calice di Fuoco, Voldemort passa la maggior parte del film a riunire i suoi seguaci e a pianificare il suo ritorno. Il film si conclude con una battaglia mortale nel Dipartimento dei Misteri del Ministero della Magia, che dimostra per la prima volta quanto il Signore Oscuro possa essere spietato e indiscriminato. È un finale emozionante e ci sono diversi dettagli che definiscono chiaramente il futuro del franchise.

Perché Voldemort voleva la profezia?


L’Ordine della Fenice introduce il concetto di profezia, con una profezia specifica al centro della scena. Diversi anni fa, il Professor Trelawney parlò a Silente di un giovane ragazzo che sarebbe stato in grado di sconfiggere Voldemort. Questa informazione fu poi acquisita dal Signore Oscuro, che la usò per uccidere James e Lily Potter. Esistono teorie secondo cui la profezia di Voldemort non è reale, ma non è mai stato detto esplicitamente. Tuttavia, c’era dell’altro in questa profezia che Voldemort non aveva sentito e, dopo la sua sconfitta al cimitero nel Calice di Fuoco, divenne ossessionato dall’ascoltare il resto della profezia per assicurarsi di averla compresa correttamente.

La profezia originale fu trasmessa a Voldemort da Severus Piton, ma fortunatamente per Harry, Piton non aveva sentito tutto. Se Piton avesse ascoltato un po’ più a lungo, avrebbe sentito Trelawney affermare che né Harry né Voldemort possono vivere mentre l’altro sopravvive, e che uno dei due alla fine dovrà uccidere l’altro. Questa profezia stabilisce sostanzialmente la seconda parte del franchise di Harry Potter. Harry ora sa di essere l’unica persona in grado di sconfiggere Voldemort, il che lo costringe ad assumersi un’immensa responsabilità e a condurre l’Ordine alla vittoria. È questa pressione che porta Silente a essere un po’ scortese con Harry Potter nelle storie successive.

Che fine ha fatto Sirius Black?


L’Ordine della Fenice ospita uno dei momenti più tragici ed emozionanti dell’intero franchise di Harry Potter: la morte di Sirius Black, amico intimo e padrino di Harry. I due avevano stretto un profondo legame fin dalla loro presentazione ne Il prigioniero di Azkaban, alimentato soprattutto dall’amicizia di lunga data di Sirius con il padre di Harry, James. Sirius era uno degli ultimi legami in vita di Harry con il suo defunto padre, e l’Ordine della Fenice vede il personaggio subire un destino prematuro per mano di Bellatrix Lestrange. Ma non è immediatamente chiaro cosa sia successo a Sirius, poiché cade all’indietro attraverso un velo magico.

Sirius ha vissuto gran parte della sua vita come prigioniero e fuggitivo e, sebbene alcune teorie suggeriscano che Silente avrebbe potuto dimostrare l’innocenza di Sirius, questo purtroppo non è mai avvenuto, il che rende la morte del personaggio ancora più tragica. Il Velo è descritto come una manifestazione fisica del confine tra la Vita e la Morte, anche se la Rowling chiarisce molto bene nei romanzi che si tratta di un viaggio di sola andata. Il Velo era probabilmente studiato dai dipendenti del Dipartimento dei Misteri, il che spiega la sua inquietante presenza nella Camera della Morte. È un oggetto incredibilmente pericoloso, ma è lecito pensare che Sirius sia riuscito a passare dall’altra parte.

Come faceva l’Ordine della Fenice a sapere di salvare Harry?


Poco prima della battaglia finale nell’Ordine della Fenice, Lord Voldemort invia a Harry una provocazione mentale. Un’immagine di Sirius Black che viene torturato nel Ministero della Magia. Sebbene gran parte del trucco di Voldemort non abbia molto senso, è questa immagine che sprona Harry e i suoi amici ad agire. Mentre molti di loro sono giustamente preoccupati che Voldemort possa tendere una trappola, Harry prende i Thestral e vola al Ministero, senza dire nulla a nessuno dell’Ordine. L’unica persona che informa dei suoi piani (in codice segreto) è il professor Severus Piton.

Sebbene la fedeltà di Piton sia stata un mistero avvolto nel corso dell’intero franchise, nel libro viene rivelato che ha avvertito Silente dell’idea audace di Harry, il quale ha poi convocato l’Ordine. Senza il loro intervento, è difficile immaginare che Harry e i suoi amici sarebbero sopravvissuti a questo incontro, soprattutto quando alla fine è apparso Voldemort in persona. In questo modo, Piton ha davvero salvato la situazione e ha assicurato una vittoria schiacciante all’Ordine della Fenice. I film spesso dimenticano di spiegare perché Piton sia stato il più grande eroe dei Serpeverde, ma qui ci sono abbastanza informazioni per mettere insieme i pezzi del coraggio di Piton.

Come ha fatto Harry a superare la magia di Voldemort nel Ministero della Magia?


Harry, sopravvissuto al suo secondo incontro con Voldemort alla fine dell’Ordine della Fenice, dimostra quanto sia fortunato. Gli è sfuggito nel Calice di Fuoco grazie ai nuclei di bacchetta simili a quelli di Voldemort, e in qualche modo riesce a fare lo stesso nel Ministero della Magia quando Voldemort si impossessa della sua mente. In entrambi i casi Harry riesce a fuggire grazie alla pura fortuna piuttosto che all’abilità. Ma se inizialmente questa potrebbe sembrare una coincidenza schiacciante, in realtà c’è qualcosa di molto più importante che continua a proteggere Harry in questi momenti di oscurità. Voldemort ha perso tutta l’umanità quando ha rinunciato al nome di Tom Riddle, ed è per questo che è troppo cieco per vederlo.

Harry e Voldemort sono legati in un modo molto più profondo di quanto uno dei due si renda conto, e la profezia di Trelawney è la chiave per capirlo. Nella seconda parte della predizione (inascoltata da Lord Voldemort), la profetessa definisce Harry “colui che ha il potere di sconfiggere il Signore Oscuro”. In seguito Harry capisce che questo potere è la stessa cosa che lo ha protetto quando Voldemort ha ucciso i suoi genitori, e la stessa cosa che lo ha protetto nel cimitero l’ultima volta: l’amore. Mentre Voldemort combatte per odio, Harry combatte per amore, ed è questo che gli dà il vantaggio.

CORRELATI