Sullivan’s Sluggers: Orrore in Prima Base – Recensione

Sullivan's Sluggers, una lettura splatter ma molto divertente

Saldapress porta da noi in Italia Sullivan’s Sluggers – Orrore in prima base, una graphic novel scritta da Mark Andrew Smith e superbamente illustrata da James Stokoe. Una storia piena di azione, splatter, mostri e una buona dose di ironia. Un horror surreale ambientato nella provincia americana dove una partita di baseball diventa l’ago della bilancia tra la vita e la morte.

LA TRAMA

Sullivan’s Sluggers è ambientato in una cittadina di provincia americana.
Gli Sluggers, una squadra di baseball a fine corsa, composta da atleti ormai disillusi, ubriaconi, rissaioli e sboccati, vede nell’invito a giocare da parte di una squadra rivale l’occasione per dare nuovo smalto alla propria carriera.
Non sanno però che la cittadina in cui si dovranno sfidare è maledetta: con l’inizio del settimo inning gli avversari si trasformeranno in un’orda di terrificanti mostri affamati di carne umana, e la squadra capitanata da coach Sullivan dovrà trovare il modo di sopravvivere e vincere la partita decisiva per la loro vita.

A rendere la storia ancora più interessante è la spiegazione che ci svela cosa c’è dietro la maledizione che ha colpito Malice. Una maledizione che in realtà nasconde razzismo e invidia. Un retroscena che aggiunge un messaggio importante in una storia leggera e divertente.

CONSIDERAZIONI

A fare da traino a tutto è fondamentalmente l’arte di Stokoe, un artista che ama le sue creature e sembra divertirsi veramente molto a metterle su carta nella maniera più mostruosa possibile, dando linfa vitale all’intero progetto e riempiendo gli occhi di noi lettori in maniera fantastica.

Uno dei punti di forza di Sullivans’ Sluggers è senza ombra di dubbio il ritmo elevato della narrazione. Non c’è sostanzialmente un attimo di respiro nelle 200 pagine circa che compongono il volume, neanche quando gli autori si dedicano a spiegare cosa è accaduto nella cittadina di Malice con una lunga sequenza mai noiosa. Che sia nella fase preparatoria iniziale, con la presentazione di coach Sullivan e dei suoi Dragons, o nella frenetica parte centrale, in cui l’azione splatter è a farla da padrona ovviamente, fino alla risoluzione, per nulla scontata, il racconto è tutto incentrato sull’azione.

Sullivan’s Sluggers è prima di tutto una lettura divertente e da questo punto di vista, SaldaPress ha fatto un fuori campo assoluto. Se siete appassionati di questo tipo di letture, quasi certamente divorerete questa storia con la stessa voracità con cui le creature al suo interno mangiano i protagonisti!!!

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo degli anime.

Uno dei punti di forza di Sullivan's Sluggers è senza ombra di dubbio il ritmo elevato della narrazione. A fare da traino a tutto è fondamentalmente l’arte di Stokoe, un artista che ama le sue creature e sembra divertirsi veramente molto a metterle su carta nella maniera più mostruosa possibile.

CORRELATI

Uno dei punti di forza di Sullivan's Sluggers è senza ombra di dubbio il ritmo elevato della narrazione. A fare da traino a tutto è fondamentalmente l’arte di Stokoe, un artista che ama le sue creature e sembra divertirsi veramente molto a metterle su carta nella maniera più mostruosa possibile. Sullivan's Sluggers: Orrore in Prima Base - Recensione